menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Adiutori-2

Adiutori-2

Paliano, Donne e Alchimia per l’8 marzo

L’Assessore Adiutori: «Donne e alchimia, un connubio antico che si rinnova». Per la ricorrenza dell’8 marzo l’assessorato alla Cultura in collaborazione con la Biblioteca di Paliano, ha organizzato un evento molto particolare: “Donne e alchimia...

L'Assessore Adiutori: «Donne e alchimia, un connubio antico che si rinnova». Per la ricorrenza dell'8 marzo l'assessorato alla Cultura in collaborazione con la Biblioteca di Paliano, ha organizzato un evento molto particolare: "Donne e alchimia, dagli elisir ai profumi".

L'incontro è stato aperto dalla presentazione dell'assessore Valentina Adiutori: «L'8 marzo si ricordano sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui sono state oggetto e sono ancora, in tutte le parti del mondo. Quest'anno abbiamo scelto di celebrare questo giorno creando un momento di incontro attraverso un tema originale e insolito come il rapporto tra la natura e la donna».

La dott.ssa Gabriella Mariani, responsabile della biblioteca, ha evidenziato come il contributo femminile alla storia dell'arte alchemica costituisce una delle manifestazioni più raffinate espresse dalle donne nel campo del sapere scientifico.

Il clou dell'incontro è stato tenuto dalla dott.ssa Sandra Ianni, sociologa ed esperta in cultura dell'alimentazione e delle tradizioni gastronomiche, che ha spiegato come, non a caso, alcune fasi dell'opera alchemica sono state definite "Opus mulierum", cioè "lavoro da donne". Infatti, la storia ha dimostrato che l'approfondimento e la pratica dell'alchimia sono state saldamente legate alle forme del potere femminile percorrendo un arco di tempo molto esteso. Lo spirito dell'alchimista ha infatti attraversato la storia della cultura femminile dando voce a numerose tra le più celebri donne dell'antichità: la regina Artemisia di Caria, la regina di Saba e la leggendaria Semiramide, la celebre Cleopatra, fino ad arrivare alle donne degli Este, dei Visconti, dei Borgia e dei Gonzaga. Attraverso questo sapere iniziatico ed elitario le donne si facevano strumento prezioso di visibilità politica e strategica agli occhi del mondo, contribuendo in modo sostanziale al prestigio politico dei rispettivi consorti e diventando esse stesse protagoniste politiche di primissimo ordine.

L'incontro, oltre a fornire conoscenze storiche, è stato arricchito da tasting olfattivi e gustativi relativi a spezie ed erbe basilari nella scienza alchemica, che hanno incuriosito e stimolato il pubblico intervenuto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento