menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Targa Scoperta

La Targa Scoperta

Pastena, Lando Buzzanza a casa Manfredi

L’attore Lando Buzzanca domenica sera è stato presente a Pastena dove, a ridosso della casa paterna, del suo amico Nino Manfredi, è stata posizionata una targa che ricorda ai cittadini e ai turisti le origini del grande artista ciociaro.

L'attore Lando Buzzanca domenica sera è stato presente a Pastena dove, a ridosso della casa paterna, del suo amico Nino Manfredi, è stata posizionata una targa che ricorda ai cittadini e ai turisti le origini del grande artista ciociaro.

Buzzanca si è guardato attorno e ha ammirato la piazza, il luogo dove nei primi anni della sua vita Nino giocò con i suoi coetanei impadronendosi dei suoni e delle inflessioni di un dialetto che il tempo purtroppo avrebbe logorato e snaturato.

Un paese che costrinse, negli anni trenta, la famiglia Manfredi a trasferirsi a Roma e che tuttavia rimase intensamente legato alla storia di un uomo che agli inizi della sua carriera, nelle immagini in bianco e nero , lanciò uno slogan "fusse che fusse la vota bbuona" che fu uno stimolo, nel periodo del boom economico a tentare la sorte e a provare ad uscire dalla nicchia dell'emarginazione culturale e dell'isolamento geografico.

Lando Buzzanca visitando la casa ha poi raccontato dei suoi rapporti con Nino e di alcuni film che ha girato assieme a lui ma anche delle differenze e delle diffidenze reciproche che ci furono mentre stavano sul set.

A coloro che chiedevano quale è la dote che maggiormente occorre avere per avere successo ha risposto in maniera franca e semplice, ovvero che senza fare sacrifici non si ottiene nulla e che anche il suo impatto con la capitale, dove si era recato contro il parere dei genitori, e l'esordio cinematografico è stato caratterizzato da sei anni di povertà e di fame.

Una generazione abituata a misurarsi con i problemi contingenti del quotidiano, che si è confrontata con la realtà e che non si è arresa dinanzi agli ostacoli di una società segnata dalle tragiche vicende di una guerra appena conclusa ma che si rimboccava le maniche per trovare risposte pratiche e concrete ai bisogni esistenti.

La lezione per i giovani presenti che possano o meno condividere l'indole artistica dell'attore , è quella di non sottovalutare il proprio talento e di non bruciare inutilmente i propri anni ma di essere testardi ed ostinati per raggiungere la meta.

-Per l'amministrazione comunale- ha affermato il sindaco Gnesi- questo è un impegno in più per ricercare i legami storici con il suo concittadino Nino Manfredi e per tirare fuori dai protagonisti che ha interpretato nei suoi film la storia e i sentimenti di un'Italia ricca di vizi e di virtù, di atti di coraggio e di gesti di vigliaccheria, un'Italia dove ancora il cinema può svolgere un ruolo educativo di grande importanza.

Casa Manfredi non è solo il luogo del ricordo o della nostalgia, non è soltanto una mostra fotografica ma è anche il fulcro di attività culturali che devono stimolare un nuovo e più deciso protagonismo delle associazioni e della società di Pastena"- ha concluso il primo cittadino

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento