rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Cultura Pastena / Via Porta Napoli

Pastena, un museo tra storia, tradizioni e ricordi

Aperto al pubblico nel 1994, è diventato uno dei musei più visitati in Ciociaria

Il museo della civiltà contadina e dell' ulivo è situato nel Palazzo Trani risalente al 1872 (palazzo comunale). Aperto al pubblico nel 1994, è diventato uno dei musei più visitati in Ciociaria; un traguardo ragguardevole per un museo particolarissimo che si propone di affascinare il visitatore con un tuffo nel passato ripercorrendo a ritroso gli ultimi due secoli di storia di vita della popolazione locale, dedita principalmente all’agricoltura e all’allevamento del bestiame. Ciò che rende davvero unico il museo è il ricco patrimonio delle sue collezioni e le peculiarità del suo allestimento, l’originale frantoio con la macina in pietra, sviluppato su due piani e numerose sale, si propone come un accogliente contenitore culturale, spazio in cui storia e cultura del territorio si conservano con oggetti e indumenti originali. L’allestimento è stato possibile grazie ai cittadini che hanno donato il materiale esposto, per conservare e tramandare alle nuove generazioni.

Con grande entusiasmo sono riprese le visite di gruppi organizzati, famiglie e scolaresche il costante impegno da parte degli operatori museali che garantiscono le aperture giornaliere ad orario continuato, grazie anche alla collaborazione degli operatori del Sif Cultura che nelle giornate di sistema e di affluenza danno un grande supporto per garantire il servizio. L’Amministrazione comunale da sempre presente e attenta alla gestione del patrimonio museale per migliorare la proposta educativa intende promuovere e valorizzare al meglio la struttura partecipando ad eventi e work shop turistici, laboratori didattici per adulti e bambini, a promuovere e commercializzare nel punto vendita interno prodotti tipici del territorio, con particolare rilevanza all’olio extravergine d’oliva, paté, olive, vini, liquori fatti con le antiche ricette, pasta di grano duro senatore cappelli, miele, legumi e confetture, il tutto rigorosamente a km 0 con i prodotti di Res Ciociaria di agricoltura Eroica che ha come obiettivo strategico la promozione di un economia solidale e inclusiva nella quale la mediazione di mercato, tra domanda e offerta, di beni e di servizi, si apre al valore della partecipazione, della responsabilità e dell’equo profitto per le parti.

I settori di mercato dell’economia solidale e inclusiva possono riguardare i bisogni della persona in tutte le sue espressioni culturali, sociali ed economici. Souvenir e ricordi del luogo. Durante tutto l’anno si organizzano laboratori didattici per bambini su antiche tecniche di lavorazione, arti mestieri e storie di una volta. L’occhio segue le mani e le mani seguono l’occhio: dal grande telaio esposto nel museo e dal suo antico uso per realizzare i tessuti della tradizione al coinvolgimento diretto dei piccoli partecipanti che si cimenteranno nella pratica della tessitura sui piccoli telai di legno. Suoni del paese: la musica e gli strumenti tradizionali narrati dall’esposizione museale e coinvolgimento diretto dei bambini che potranno provare a riprodurre i suoni che accompagnano e contraddistinguono da sempre le ritualità festive di Pastena.

Il museo è aperto tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 18.00, la visita guidata dura circa 30 minuti e può essere prenotata direttamente presso l’ufficio museale al numero di tel. 0776.546006

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pastena, un museo tra storia, tradizioni e ricordi

FrosinoneToday è in caricamento