menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
vitt terezin

vitt terezin

Per la Giornata della Memoria 2015, Terezin al Teatro Vittoria a Testaccio

Per celebrare degnamente la Giornata della Memoria, quest’anno ho aderito all’invito, molto cortese e molto gradito, da parte dei bravi organizzatori di Lazioinscena, e mi sono recato al Teatro Vittoria, proprio nel cuore di Testaccio, per...

Per celebrare degnamente la Giornata della Memoria, quest'anno ho aderito all'invito, molto cortese e molto gradito, da parte dei bravi organizzatori di Lazioinscena, e mi sono recato al Teatro Vittoria, proprio nel cuore di Testaccio, per assistere ad uno spettacolo bello, interessante, struggente e commovente, e molto ben calibrato con i molti attori e le molte attrici coinvolte. La platea e la galleria del teatro erano strapiene dalla prima all'ultima fila, ed il successo della serata è stato franco, sincero e del tutto meritato, bravi davvero. E quindi, per parlare della serata e dello spettacolo, prendo a prestito le interessanti e complete note di sala, allo scopo di cercare di non omettere particolari e dettagli, che poi sono stati fondamentali per il successo di questa iniziativa, nella quale sono state proficuamente coinvolte la Unione Europea, la Regione Lazio e Lazioinscena. Dopo un percorso creativo condiviso da tutti i protagonisti del progetto InScena (docenti, allievi, staff di progetto, etc.) prende definitivamente forma l'azione progettuale finalizzata alla realizzazione di uno spettacolo teatrale con protagonisti gli allievi che dalla primavera del 2013 ad oggi hanno partecipato ai corsi di formazione del progetto. Nasce all'interno di questo quadro partecipato Terezin, Artisti tra le ceneri. Cosa è Terezin, Artisti tra le ceneri : Tanto è stato detto e scritto sui crimini del Nazismo, ma questa è una vicenda diversa e spesso lasciata nell'oblio. Quella di Terezín è un arcipelago di storie, di vite umane che, nel grande dramma della deportazione, non hanno ceduto alle pieghe del male, ma hanno trovato nell'Arte motivo di conforto. Terezín, città fortezza nei pressi di Praga, venne resa un ghetto fuori dall'ordinario: dal 1941 al 1945 vi furono deportati ebrei, per la maggior parte artisti e intellettuali, che trovarono nell'Arte una via di fuga dalla privazione di ogni libertà. Per molti di loro, paradossalmente, la prigionia è stata una musa, dolorosissima ma sublime. Terezín, Artisti tra le ceneri, progetto a cura di Lazio InScena, ha lo scopo di raccontare ciò che è stato nascosto; il risultato è uno spettacolo teatrale che rievoca la memoria di quel periodo di reclusione e di grande attività creativa. Sul palcoscenico si susseguono le testimonianze di grandi artisti e intellettuali che furono deportati a Terezín con l'unica colpa di essere ebrei. Le loro esistenze s'intrecciano e si nutrono a vicenda in un "ghetto modello", funzionale alla propaganda nazista, in cui le attività artistiche - dalla musica alla letteratura - partecipano alle restrizioni quotidiane. Questa storia, ignota a molti, è un importante spunto di riflessione sul ruolo della creatività nella reclusione. L'Arte restituisce l'umanità e si dimostra un'arma infallibile contro qualsiasi sopruso: è testimonianza di vita e non di morte. Come nasce il progetto Terezín, Artisti tra le ceneri, con la regia di Francesco Brandi : nasce dall'incontro dell'idea drammaturgica dei musicologi e musicisti Guido Barbieri e Annalisa Pavoni con Lazio InScena. Il testo teatrale finale è una drammaturgia scritta dagli allievi del corso di formazione per Drammaturgo teatrale di Lazio InScena dopo un lavoro di documentazione e ricerca durato circa un anno. Questo progetto rappresenta una delle forme espressive con cui gli allievi dei diversi corsi di Lazio InScena stanno sperimentando quanto appreso in aula. Il progetto nel suo complesso infatti si realizza grazie al contributo fattivo degli allievi di tutti i corsi di InScena, dagli attori agli scenografi, ai registi, dagli attrezzisti ai costumisti teatrali. Un contributo ed anche un'esperienza attraverso la quale è possibile realizzare questo progetto comune e raccontare un capitolo importante della Shoah. Uno dei contributi al racconto della storia di Terezín nasce nell'ambito dell'azione formativa per "Esperti in organizzazione e gestioni di eventi dello spettacolo - II edizione": gli allievi stanno implementando un blog dedicato all'evento attraverso il quale è possibile approfondire la vicenda storica e scoprire le straordinarie storie di molti dei suo sfortunati protagonisti. Come detto, una serata ben spesa, con una dedica speciale alla Giornata della Memoria. F.V.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento