rotate-mobile
Cultura Pofi

A Pofi un’equipe dell’università di Pavia e di Leiden per una campagna di studio e di ricerca

A distanza di diversi anni dalla scoperta di un gruppo di sepolture preromane in località Fortore Derupata, infatti, i materiali saranno oggetto di indagine e studio da parte di un’équipe delle Università di Pavia e di Leiden (Paesi Bassi).

Il territorio di Pofi ritorna al centro dell’interesse per il suo patrimonio archeologico. A distanza di diversi anni dalla scoperta di un gruppo di sepolture preromane in località Fortore Derupata, infatti, i materiali saranno oggetto di indagine e studio da parte di un’équipe delle Università di Pavia e di Leiden (Paesi Bassi). Un gruppo di tredici studenti guidato dai prof. Martina Revello Lami (Leiden) e Massimiliano Di Fazio (Pavia) e dalla dottoressa Elena Marazzi (Pavia) soggiornerà a Pofi per tre settimane, in quella che è solo la prima di una serie di campagne di studio e ricerca che vedranno le due équipe impegnate per parecchi anni a venire. I resti umani saranno invece analizzati da Veronica Tamorri, Marie Curie Fellow dell’Università di Leiden ed esperta di archeologia funeraria, affiancata dalle dottorande Maja Casna e Alexandra Tutwiler. L’attività sarà integrata da una serie di prospezioni geofisiche col georadar grazie alla partecipazione di Jesús García Sánchez, ricercatore del Instituto de Arqueología, Mérida (IAM) CSIC (Spagna): le prospezioni saranno utili per individuare possibili nuove sepolture nell’area della necropoli.

L’indagine è parte di un progetto che vede coinvolti non solo la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone e Latina nella persona della responsabile di zona dott.ssa Daniela Quadrino, ma anche l’ICA (Istituto Centrale per l’Archeologia), la cui partecipazione può essere considerata un vero e proprio ‘bollino di qualità’ per il progetto. “L’intenzione è quella di valorizzare il territorio, inserendolo all’interno di un circuito archeo-naturalistico in grado di suscitare interesse nei confronti di escursionisti e visitatori. Parallelamente, bisogna favorire e agevolare l’aspetto accademico relativo agli studi che da tempo vengono condotti dall’Università di Pavia e Leiden. Per questo, ringrazio vivamente, e a nome di tutti i cittadini di Pofi, queste due realtà che andranno ad effettuare attività di ricerca e utilità pubblica inestimabile.” ha dichiarato il Sindaco Mattoccia. “Pofi è scrigno infiniti tesori archeologici e offre continue scoperte che consentono di approfondire e arricchire di nuovi tasselli la storia del nostro territorio – queste le parole dei Vicesindaco Savarese – ogni nuovo ritrovamento dimostra, qualora ce ne fosse bisogno, qual è la ricchezza culturale del nostro territorio che possiede unicità storiche e archeologiche da valorizzare e promuovere sempre di più. Letteralmente camminiamo sulla nostra storia. Ma senza calpestarla”. I risultati di questa prima campagna saranno presentati al pubblico in una conferenza divulgativa il giorno 26 Luglio presso la sala conferenze “Nunzio Pantano” alle ore 19.00.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Pofi un’equipe dell’università di Pavia e di Leiden per una campagna di studio e di ricerca

FrosinoneToday è in caricamento