Cultura

Raccontarsi nell'era digitale, in quattro vincono la sfida lanciata dal Comune di Arce

Il Commissario straordinario Gerardo Ippolito, assieme al funzionario dell'Area amministrativa Maria Adelaide Gabriele e al comandante della Polizia locale Giampiero Marzilli, ha consegnato i premi ai vincitori della competizione letteraria indetta lo scorso gennaio

Raccontarsi nell'era digitale, in quattro vincono la sfida lanciata dal Comune di Arce. Si è tenuta nel pomeriggio di ieri, 24 maggio, la premiazione ufficiale del concorso letterario “RaccontArce”. Il Commissario straordinario Gerardo Ippolito, assieme al funzionario dell'Area amministrativa Maria Adelaide Gabriele e al comandante della Polizia locale Giampiero Marzilli, ha consegnato i premi ai vincitori della competizione letteraria indetta lo scorso gennaio.

Per la sessione delle classi prime della scuola secondaria di primo grado ha vinto Ludovica Baldinelli della I B dell'Istituto Comprensivo di Arce. Ludovica si è cimentata in un racconto di immaginazione proiettandosi tra vent'anni ad Arce mentre svolge il lavoro che ha sempre desiderato di fare e che solo grazie ai mezzi tecnologici è riuscita a realizzare.

Lia Rosanova (II C), invece, si è aggiudicata la vittoria della sessione riservata alle classi seconde con una lettera ad un amico in cui ha raccontato come è possibile, per un piccolo paese come Arce, diventare il centro del mondo, riuscendo, grazie alle moderne tecnologie, a conoscere e a comunicare con chi vive a Pechino, Tokyo, New York e Toronto senza avvertire differenze.

Nella sessione delle classi terze, sempre della scuola secondaria di primo grado, a vincere è stato Gianmarco Boccaccio (III A) con un racconto breve ambientato ad Arce, in cui il protagonista è felice di vivere in un luogo pieno di affetti, di amicizie e di opportunità e di allargare il proprio orizzonte grazie alle tecnologie più avanzate.

Per l'unica sessione dedicata a tutte le classi della scuola secondaria di secondo grado i candidati dovevano esprimere le proprie considerazioni in riferimento alle opportunità che il territorio in cui vivono offre e alle moderne tecnologie che possono contribuire ad annullare distanze e differenze. Ad aggiudicarsi questa sessione è stata Elena Marcoccio del Liceo Classico Tulliano di Arpino.

La giuria del concorso, composta da Emanuela Patriarca in qualità di presidente, Enrico Quadrini vicepresidente e le insegnanti Lella Corsetti, Anna Germani e Anna Valentina Belli, ha voluto assegnare anche tre menzioni speciali a Greta Fraioli (classe I C dell'Istituto Comprensivo di Arce), Eva Germani (classe II B dell'Istituto Comprensivo di Arce) e Francesco Marzilli (classe III A dell'Istituto Comprensivo di Arce).

I quattro vincitori si sono aggiudicati un tablet Apple Ipad, un buono spesa per l'acquisto di libri digitali e una pergamena di riconoscimento. Alle menzioni speciali e ai restanti 54 partecipanti verrà consegnato, nei prossimi giorni tramite la propria scuola, un attestato di partecipazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccontarsi nell'era digitale, in quattro vincono la sfida lanciata dal Comune di Arce

FrosinoneToday è in caricamento