Rocca Priora, tre giorni di festa per la 166^ festa di S. Antonio Abate

Inizia con il tradizionale triduo la 166esima edizione della Festa di Sant’Antonio Abate: il 13, 14,15 gennaio alle ore 17,30, presso la Parrocchia di Santa Maria Assunta in Cielo si svolgerà la recita del Santo Rosario, dei Vespri e poi la Santa...

Rocca Priora
Inizia con il tradizionale triduo la 166esima edizione della Festa di Sant’Antonio Abate: il 13, 14,15 gennaio alle ore 17,30, presso la Parrocchia di Santa Maria Assunta in Cielo si svolgerà la recita del Santo Rosario, dei Vespri e poi la Santa Messa.




Sabato 16 gennaio alle ore 18.00 Santa Messa per tutti i fratelli defunti, e apertura degli stand enogastronomici dei prodotti locali.


Domenica 17 gennaio alle 9,00 appuntamento presso la casa del festaiolo Bevilacqua Bruno per dare inizio alla lunga giornata, poi alle 9,30 la banda musicale folkloristica “CORBIUM” di Rocca Priora inizierà il giro per le strade del paese. Sempre alle 9,30, in viale degli Olmi, allestimento stand “Espositori prodotti artigianali” dell’Associazione Culturale “Artisticamente” e poi il via al “Mercato Contadino dei Castelli Romani.


La Santa Messa in onore di Sant’Antonio Abate si terrà alle ore 10,30 presso la Parrocchia Santa Maria Assunta in Cielo.


Alle ore 10,00 il raduno dei carri allegorici e delle Associazioni dei Cavalieri, in viale degli Olmi e partenza alle 10,30 con il seguente itinerario: via degli Olmi, via Roma, via Lazio, via Monsignor Giacci, piazza Umberto I°, piazza Zanardelli. L’arrivo in piazza Umberto I° è previsto per le 11,30: qui avverrà la benedizione degli animali e dei carri con la distribuzione del tradizionale pane benedetto. I carri poi faranno ritorno in viale degli Olmi, verso le 12,30 con l’apertura degli stand gastronomici per la “Festa delle Cellette” e la “Festa del Tozzetto”.


Il pomeriggio inizia alle 14,30 con la classica “Giostra della Quintana” che prevede la famosa corsa degli anelli. Alle 16,00 premiazione dei carri allegorici e premiazione del vincitore della Giostra della Quintana. Degustazione dello Scottone a partire dalle 16,30 a largo Pallotti e poi manifestazione di “Giochi Medievali”.



Durante tutta la manifestazione verranno distribuite gratuitamente delle piccole confezioni con il tozzetto roccapriorese, dolce caratteristico offerto dai forni locali. Per i bambini, inoltre, nella giornata di domenica 17, sarà possibile fare delle passeggiate sui pony, presso il Parco della Madonna della Neve. Il pomeriggio di domenica 17 gennaio, inoltre, sarà allietato dalla musica di “Franco e Primo”.


La festa si concluderà ufficialmente domenica 24 gennaio con il trasferimento del quadro nell’abitazione del nuovo festaiolo, Mirko Luciani, e il pranzo sociale.



“Questa è una delle tradizioni più sentite ed amate dalla cittadinanza – ha detto il sindaco, Damiano Pucci – perché riesce a coinvolgere tutti, adulti e bambini. Un ringraziamento particolare va alla Confraternita di Sant’Antonio Abate e alla Parrocchia Santa Maria Assunta in Cielo, che, in collaborazione con il comune, si sono spesi per rendere unica anche l’edizione di quest’anno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Neve in Ciociaria, a Frosinone ed altri comuni chiuse le scuole lunedì 18

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento