Roma, al Teatro del Campus di Cinecittà Studios "Sacro Romano GRA"

Presentata in forma di studio a Venezia su invito del Mibact, per la serata di chiusura della Biennale di Architettura 2014, l'azione teatrale SACRO ROMANO GRA Narrazione urbana per voce e suoni sul Grande Raccordo Anulare di Roma è pronta per...

Presentata in forma di studio a Venezia su invito del Mibact, per la serata di chiusura della Biennale di

Architettura 2014, l'azione teatrale SACRO ROMANO GRA Narrazione urbana per voce e suoni sul Grande

Raccordo Anulare di Roma è pronta per il debutto a Roma.

In scena da mercoledì 11 maggio al Teatro diposa di Cinecittà Campus, proprio nel cuore di uno dei tanti quartieri toccati dal racconto. Uno spettacolo natodall'incontro di Aldo Vinci, interprete e regista, con Nicolò Bassetti e Sapo Matteucci - gli autori del libro da cuiè tratto lo straordinario documentario di Gianfranco Rosi Leone d'oro a Venezia70 - e si avvale della preziosacollaborazione di Stefano Grosso, lo stesso sound designer del film.

Travel biografy, DJ Set, musica degli spazi, ritmo delle visioni, cadenza delle parole, coreografia delle

contrapposizioni umane e architettoniche, SACRO ROMANO GRA è un viaggio sensoriale di luci e suoni

attraverso le emozioni di un percorso urbano contemporaneo. Al centro di tutto, una consolle ed un attore, che

da solo governa sound e racconto.“La cosa che mi ha colpito di più alla lettura del libro” - racconta Aldo Vinci - “è stata lo stile, immediatamentenarrativo, che per deformazione professionale, mi sentivo spinto a 'mettere in voce'. E laddove c'è qualcuno cheracconta e qualcun altro che ascolta, è senza dubbio teatro. La prima volta che, con gli autori, abbiamo parlatodella possibilità di una versione live del Progetto SACRO GRA, ci siamo immediatamente trovati in accordo suun punto: cosa non sarebbe stato. Non un reading letterario. Non teatro di narrazione. Non la trasposizionedrammaturgica del libro né tanto meno del film. I suoni sono diventati la chiave di volta. Sono parte integrantedella narrazione, sono affabulazione anarchica, non imprigionata nella sintassi, nei vocaboli. Suoni reali e suonievocati dalle memorie individuali. La luce dei luoghi, la luce rifrangente, la luce volgare. I suoni e la luce non si

possono recitare. ”

In scena, si esplora la "circolarità" del viaggio, da Shakespeare ai neomelodici, in sette tappe: Prologo

dall'Enrico V di Shakespeare - ’ Salotto popolare effervescente naturale - Avamposti del passato - Arte del

rammendo - Archètipi tiranni - Manutenzione dell'abbandono - ’ Chiusura. Il risultato è una navigazione universale

tra le maree della trasformazione urbana, nell'altrove quotidiano che circonda la Capitale. Per gli antichi erano

sacri i grandi fiumi, le montagne, tutto ciò che l'uomo non riusciva a comprendere e a governare. Questa ’

sacralità fatta di mistero, stupore e straniamenti è la stessa del Raccordo. Un mondo straordinariamente reale,

molto vicino e molto lontano da Roma.

Un progetto di Nicolò Bassetti Tratto e adattato dall'omonimo libro ’ Sacro romano Gra di Sapo Matteucci e Nicolò Bassetti (ed. Quodlibet-Humboldt, 2013) LIve project di e con Aldo Vinci Sound design di Stefano Grosso

TEATRO DI POSA DI CINECITTÀ CAMPUS

Via Quinto Publicio n.90, 00175 Roma

Orario: mer/sab h 20.30 – dom h 18.00 Biglietti: intero € 11,00 ridotto € 8,00

Info: numero verde 800 660 828 cellulare 331.9787208

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento