menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Saul_David III°1

Saul_David III°1

Roma, al Teatro Vascello in scena "Saul"

“in Saul v’è di tutto, di tutto assolutamente” -Vittorio Alfieri  A 35 anni dall’ultima edizione allestita su un palcoscenico nazionale - quella di Renzo Giovampietro, del 1980 - la Compagnia del Teatro del LOTO riporta in scena il SAUL di...

"in Saul v'è di tutto, di tutto assolutamente" -Vittorio Alfieri

A 35 anni dall'ultima edizione allestita su un palcoscenico nazionale - quella di Renzo Giovampietro, del 1980 - la Compagnia del Teatro del LOTO riporta in scena il SAUL di Vittorio Alfieri: la più importante tragedia italiana del '700 e probabilmente di tutti i tempi.

In una Galilea metafisica e senza tempo, teatro di antiche e nuove tragedie, su una scenografia lignea, imponente, ispirata all'opera di maestri dell'arte contemporanea italiana, come Ceroli e Marotta, rivive il capolavoro in versi del nostro Teatro, nella messa in scena energica e visionaria e nell'interpretazione di vigorosa e superba verità di Stefano Sabelli, affiancato da una gruppo di eccellenti talenti diplomati al Centro Sperimentale di Cinematografia o formatisi nella Scuola Propedeutica d'Arte Scenica del LOTO.

Esempio straordinario di una drammaturgia pura, ritmica e di perenne modernità, l'opera di Alfieri è costruita intorno a un protagonista di poliedrica ed emozionante complessità.

Attraverso il ritmo impetuoso, incalzante dell'endecasillabo e di una recitazione necessariamente intensa e poderosa, la furia risolutiva di un re sconfitto, ma ancora sopraffatto dall'ansia di affermare la sua potenza, cresce e avvince fino alla catarsi finale.

In questa tragedia, che si consuma nell'arco di una giornata (alba, giorno, tramonto e notte) David e gli altri bellissimi personaggi dell'opera, si fanno, per Saul, specchio e simbolo d'ogni umano e contraddittorio sentimento. In tal modo, viene ancor più evidenziata la dolorosa solitudine del vecchio Re d'Israele e quell'ondeggiare tempestoso del suo animo, fra bisogno di affetto e diffidenza, malinconia e ira, fino all'esplosione della follia e dell'estrema libertà del suo sentire e agire, che lo rende così attuale.

L'opera, in cui Alfieri stesso dichiara d'esservi "di tutto, di tutto assolutamente" e che lui medesimo amava interpretare, oggi più di ieri è ancor più necessaria perché in grado di graffiare l'anima d'ogni pubblico, permettendoci di guardare, al contempo, con lucidità e commozione, dentro le nostre miserie e le nostre grandezze.

In questo allestimento, la musica - con partiture Klezmer e il Requiem di Mozart, contemporaneo al Bardo di Asti, eseguite dal vivo dall'eccellente Trio dei fratelli Miele - fa da contrappunto agli endecasillabi di Alfieri, esaltandone la potenza epica e lirica, che rimanda a vecchie e nuove diaspore e intifade. Un tessuto musicale, che fa emergere, con grande efficacia, le molteplici verità di un personaggio straordinario e unico nel Teatro italiano. Per complessità, potenza e modernità, il folle Re alfieriano, avverso al clero e che teme il guardarsi dentro, nulla ha da invidiare ai grandi, folli Re shakespeariani.

"Bell'alba è questa!" note di Stefano Sabelli

Pratico il Saul da oltre 30 anni. Da quando, da pochi anni diplomato all'Accademia, Renzo Giovampietro m'affidò il ruolo di Gionata in una versione dell'opera, rappresentata poi da un capo all'altro d'Italia.

Era il 1980.

Ero un giovane attore d'impeto, che amava i maestri dell'avanguardia teatrale, il rock e il jazz e che ebbe un innamoramento fatale per gli endecasillabi alfieriani. Perché trasmettono impeto, fuoco, passione. Sono ritmo e musica, oltre che, i più bei versi che si possano recitare nel Teatro italiano.

Le opere di Alfieri sono le più potenti scritture della nostra drammaturgia e, almeno per le tragedie, è il Bardo di Asti il nostro Shakespeare!

Dopo che pure Orazio Costa, mio maestro all'Accademia, mi affidò il ruolo di Prosperino ne Il Divorzio (unica commedia alfieriana), in compagnia con la Zareschi, ancor più l'endecasillabo divenne il mio esercizio attoriale preferito.

Ma è SAUL che, in un modo o nell'altro, ho sempre ripreso, praticato e avuto nel destino!

L'ho inseguito, spiato, preparato e messo a fuoco nel tempo, avendo fatto dapprima miei gli sguardi, sul vecchio Re d'Israele, degli altri ruoli che, più giovane, ho avuto la fortuna d'interpretare: Gionata, nell'intensa versione illuminista e neoclassica di Giovampietro e David, il cui monologo iniziale e lo struggente addio con Micol del V° atto, avevo già inserito, insieme al finale di Saul, in Tamburi di Guerra, allestito per Asti Teatro 2000 e più volte ripreso negli anni, dove proposi gli endecasillabi - a mo' di libretto d'opera - sull'esecuzione di III^ Costruzione di J. Cage, eseguita dal vivo dal poderoso ensemble di Percussioni Ketoniche.

Dedicandomi oggi alla messa in scena integrale dell'opera, approdo all'interpretazione del suo ruolo principe ben conscio di quanto Alfieri stesso afferma del suo capolavoro: In Saul, vi è di tutto, di tutto assolutamente! Perché?tutti i ruoli del SAUL, dalla loro prospettiva, tutti, già raccontano "assolutamente" di Saul e del suo "tutto".

Da diversi punti di vista, ognuno racconta la complessa figura storica e umana del fero, impaziente, torbido, adirato sempre Re d'Israele, come Saul stesso si descrive a inizio II° atto.

A 35 anni dall'ultima edizione di Giovampietro - cui voglio dedicare, con Orazio Costa, questa mia versione, per quanto amore per Alfieri mi hanno trasmesso - credo che il SAUL del LOTO possa proporsi come un'arrembante e sorprendente nave pirata nell'attuale panorama teatrale italiano.

In un'epoca dominata da social e facili consumi, fare del verso in undici sillabe, così straordinariamente efficace per suono e sintesi, il proprio credo teatrale può forse sembrare antistorico.

In realtà, sono certo, è piuttosto un'impresa che rivitalizza e proietta nel futuro la ricerca del Libero Opificio Teatrale Occidentale: il nostro caro Teatro del LOTO.

Un'impresa, che può ancor più dimostrare che dal "più bel Piccolo Teatro d'Italia" - spazio unico e straordinario inaugurato a Ferrazzano, Molise, Italia, Europa - può arrivare "in versi" un segno importante per continuare ad amare e praticare un mestiere bellissimo che sempre ti tiene a contatto con gli umani destini e con le sue follie.

Per dirla con Saul: "Bell'alba è questa!"

Biglietteria:

Biglietto evento speciale di Prosa ? 10,00

Servizio di prenotazione ? 1,00 a biglietto

E' iniziata la campagna abbonamenti: infatti, per chi si abbona entro luglio potrà ricevere un biglietto omaggio per ogni abbonamento acquistato per uno spettacolo a scelta su tutta la stagione di Prosa Danza e Musica?

Abbonamento libero a 10 spettacoli a scelta ? 100,00

esclusi i Festival.

SOSTIENI LA CULTURA VIENI AL TEATRO VASCELLO

Prosa#Danza#Musica#Spettacoli per Bambini#FestivaL#Eventi#Laboratori#

IL TUO 5 X 1000 FA LA DIFFERENZA!

donaci il tuo 5x1000 con la prossima dichiarazione dei redditi

basta indicare al tuo commercialista il nostro codice fiscale: 01340410586

Coop. La Fabbrica dell'Attore - Onlus

Banca Intesa San Paolo c/c n. 3842 Iban IT89V0306905078100000003842

TEATRO VASCELLO

via Giacinto Carini n.78- info: 065881021 -065898031 www.teatrovascello.it

IL Teatro Vascello si trova nello splendido quartiere di Monteverde vicino al Gianicolo sopra a Trastevere a Roma, con i suoi 350 posti, la platea a gradinata e il palcoscenico alla greca permette un'ottima visibilià da ogni postazione.

Il Teatro Vascello propone spettacoli di Prosa, Spettacoli per Bambini, Danza, Drammaturgia Contemporanea, Eventi, FestivaL, Rassegne, Concerti, Laboratori

Come raggiungerci con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma; Via Francesco Saverio Sprovieri, 10, Roma tel 06 58122552; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma, Via R. Giovagnoli, 20,00152 Roma

Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano: da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello

Il Teatro del LOTO e la sua Compagnia

La Compagnia del LOTO nasce, come compagnia stabile del Teatro de LOTO, di TEATRIMOLISANI soc.coop, che molti, fra artisti e operatori, definiscono "il più bel piccolo Teatro d'Italia".

Realizzato nel Borgo in pietra di Ferrazzano - suggestivo belvedere artistico di Campobasso - per volontà di Stefano Sabelli che l'ha ideato e progettato, inseguendo un sogno, il LOTO è diventato in Molise l'avamposto di un Teatro d'Arte e di Ricerca.

Ristrutturato da un complesso preesistente, cercando una fusione di architetture e arredi orientali e occidentali, rappresenta un complesso teatrale unico, diverso da tutti gli altri, e che pure accoglie in se rimandi di teatri di ogni epoca e latitudine.

Dotato di una Sala grande, di una Sala Studio e di un Bistrot, il complesso del LOTO - qui acronimo di Libero Opificio Teatrale Occidentale - già nella doppia assonanza del nome si propone, non solo come Opificio Teatrale, ma come luogo privilegiato d'incontro di culture diverse e universali.

Ha ospitato dalla sua inaugurazione, a novembre 2007, oltre 300 spettacoli di Compagnie d'Innovazione e con molti dei nomi nuovi più interessanti del Teatro e del Cinema italiano. Ha promosso concerti jazz e di musica etnica, creazioni di danza contemporanea, proposto un suo personale Teatro dei Saperi, con conferenze e incontri di luminari ed esperti d'ogni campo della Conoscenza.

La sua SPAS, la Scuola Propedeutica d'Arte Scenica, ha già formato diverse generazioni di giovani attori, occupando in Molise, in ambito formativo d'arte scenica, un ruolo prima inesistente.

Le produzioni della sua Compagnia sono sempre più diffuse in ambito nazionale e sono state proposte anche all'estero. Fra queste ricordiamo: Tamburi di Guerra (originale musical percussivo creato con l'ensemble di Percussioni Ketoniche per Asti Teatro e ripreso per diverse stagioni); Amleto, (allestito in versione orientale ha inaugurato la Stagione della Sala Umberto, nel 2005); Sogno di una notte di mezza estate (proposto anche in versione itinerante con musiche live dei Beatles e rimandi alla cultura hippy della swinging London degli anni '60); Le Petit Magic Circus, spettacolo per ragazzi sul mondo del Circo. Mentre, L'Autodafé del Camminante, sulla vicenda giudiziaria e umana di Arturo Giovannitti, poeta e sindacalista italo americano che nel 1912 fu fra i promotori del Bread and Roses's Strike, nel 2012, dopo decine di repliche in Italia, ha affrontato con successo un Tour di 10 repliche, con 2 Simposi, in 4 Stati del Nord Est degli USA, per le celebrazioni del Centenario dello sciopero più famoso d'America.

Oggi il Saul, che, con i suoi endecasillabi, mancava dai palcoscenici italiani da oltre 35 anni, rappresenta la nuova sfida di questa Compagnia e della sua volontà di proporre spettacoli che sappiano confrontarsi su un terreno di Teatro d'Arte.

Una Compagnia che, intorno a Stefano Sabelli, raccoglie i migliori talenti molisani e diversi giovani diplomati alla "Silvio D'Amico" o al Centro Sperimentale di Cinematografia i quali, nel prezioso laboratorio rappresentato dal Libero Opificio Teatrale Occidentale di Ferrazzano, trovano oggi un luogo unico per coltivare il proprio talento e investire sul proprio futuro professionale.

Dopo le anteprime in Molise e nello storico Teatro Rossetti di Vasto, dove lo spettacolo ha subito suscitato grandi apprezzamenti e imprevista emozione, specie in un pubblico giovane, dal Teatro Vascello a Roma, caposaldo in Italia del Teatro di Ricerca e Innovazione, il Saul del LOTO prende il largo per iniziare il suo Tour nazionale. Durante la Stagione estiva, verrà ancora proposto a fine luglio, all'aperto, sempre a Roma, al Festival dell'Arena sull'Appia Antica, mentre altre repliche sono già definite in suggestivi scenari archeologici: il Teatro romano di Lecce, il Castello Malaspina di Massa, il Teatro Sannitico di Pietrabbondante, il Teatro romano di Altilia, a Sepino.

Nella sua versione al chiuso, quella presentata dal 2 al 4 luglio al Vascello, per la Stagione 15_16, sono poi previste repliche a Napoli (Galleria Toledo), a Lamezia Terme, ancora in Abruzzo oltre che in teatri di Urbino, Milano, Asti, patria di Alfieri, e in ogni dove l'impegnativa sintesi estrema del recitare, con verità, battendo il verso in undici sillabe, vorrà essere considerata una scommessa da perorare, pure oggi, per un futuro d'arte e innovazione del Teatro italiano.

La Storia di Re Saul

Saul, di Vittorio Alfieri, è l'unica tragedia che s'ispira alla Bibbia (primo libro dei Re).

Abbandonato da Dio e pervaso da uno spirito maligno che gli invade l'anima, Saul non è più l'eroe vittorioso e amato dalle "figlie di Israele" della prima guerra con i Filistei, quando, per meriti guerrieri, fu acclamato Re dal suo stesso popolo. Un popolo che, con sollievo e gioia, vide "unto" Saul al sovrano incarico dal Sommo Sacerdote Samuele, che prima di morire, però, dettò le sue estreme volontà e fece "ungere", a sua volta Re, quello che lo stesso Samuele aveva individuato come il più degno erede a tal compito: David, un giovane pastore, coraggioso e devoto di Dio.

Figlio acquisito di Saul, impareggiabile fromboliere di fionda ed eccellente suonatore di cetra, David divenne l'aedo preferito dello stesso Re Saul, di cui in modo insuperabile sapeva cantare le gesta eroiche.

Saul crebbe David nella sua famiglia e i suoi figli, a loro volta, impararono ad amare e venerare quel pastorello, molto più di un semplice fratello acquisito.

Di lì a poco, per altro, David si sarebbe rivelato l'astro nascente e il Campione dei Campioni, per Saul ed Israele.

Durante la II^ guerra con i Filistei, infatti, dopo battaglie aspre e cruente, senza vincitori né vinti, per porre fine alla contesa si decise di far sfidare due campioni scelti da ambo le parti in guerra.

Nella circostanza, David, scaltro, coraggioso e fiducioso delle sue doti di fromboliere, si propose di sfidare lui, da solo, Golia, il più temuto, statuario e terribile dei campioni Filistei.

Come narra la legenda, David abbatté Golia con la fionda per poi finirlo, tagliandogli la gola.

Quella prodezza rese David un semidio agli occhi del Popolo d'Israele che cominciò ad amare e venerare quel pastore più dello stesso Re Saul, mentre il brando con cui decapitò Golia fu esposto come sacra reliquia presso l'eremo sacerdotale di Nobbe, che custodiva anche l'Arca dell'Alleanza.

Pur avendolo promesso in sposo alla figlia Micol, che lo amava più di se stessa, Saul cominciò a nutrire un malessere sempre più evidente per il suo Campione. Malessere che si riverso, parimenti per Samuele e il clero, sospettati, a ragione, di aver segretamente "unto" David, futuro Re d'Israele.

Il momento di non ritorno della contesa, sempre più aspra, fra il clero ortodosso e Saul, si manifestò quando il Re Israelita, si ribellò al volere sacerdotale d'uccidere il Re Amalechita, preso in battaglia con le armi in pugno. Pur avendolo vinto, ma riconoscendone la fierezza, Saul non voleva oltremodo infierire contro quel Re e cerco di salvargli la vita. Quella ribellione al potere ecclesiastico e il carattere rabbiosamente indipendente, resero sempre più inviso e infido Saul a Samuele che, di proprio pugno, giustiziò infine e uccise il Re Amalechita.

Quest'atto crudele e autoritario sancì il distacco definitivo fra Saul e il clero.

Nel frattempo, David, s'era rivelato oltre che fedele a Dio e al Clero, sempre più vincente e acclamato comandante in campo.

Più di chiunque, l'amato cantore del Re, decise la vittoria di Saul e degli Israeliti nella II^ guerra coi Filistei e, come vaticinato e auspicato da Samuele, il popolo d'Israele cominciò a riconoscere in lui la guida spirituale, oltre che militare, eletta. Circostanza che alterò definitivamente l'animo di Saul.

Appena celebrate le nozze fra Micol e David e pur dopo aver chiesto al futuro genero la cruenta dote di 100 prepuzi di Filistei, che David onorò del doppio, Saul, sollecitato da Abner - un suo congiunto, promosso consigliere e stratega militare - prima della III^ guerra coi Filistei, bandisce David dal campo Israelita, additando il suo campione quale traditore.

Soprattutto, Saul rivolge ira e risentimento contro il clero e il suo nuovo capo spirituale, erede designato del defunto Samuele: Achimelech.

Nonostante il fosco volere del padre, che aveva proscritto David, Gionata e gli altri due fratelli, restano fedeli all'amico e fratel d'amore esiliato. Mentre la povera Micol, disperata, diventa vedova bianca del suo primo, unico e mai concupito amore.

E qui comincia la storia narrata da Alfieri che si divide in 5 atti, con uno svolgimento che, mantenendo l'unità aristotelica, si sviluppa nell'arco di 24 ore, con circolarità temporale. I primi 3 atti, che riguardano Notte, Alba e Giorno, sono raccolti nel I° tempo di questo allestimento, che dura circa '50. Mentre 4° e 5° atto, Tramonto, Sera e di nuovo Notte, sono compresi nel II° tempo, per una durata di circa '40.

STEFANO SABELLI

attore, autore, regista, scenografo è il fondatore e Direttore Artistico del Teatro del LOTO.

Nato a Campobasso, dopo il Liceo, a metà anni '70, ammesso all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica, si trasferisce a Roma. Alla Silvio D'Amico studia con maestri come Orazio Costa, Andrea Camilleri e Marise Flash.

Nell '81, trascorre un anno a Los Angeles presso il Lee Strasberg Theatre Institute dove studia il Metodo, con maestri come Dominik De Fazio, Mark Marno, Susan Perez.

Negli anni ha collaborato con diverse personalità della Cultura e dello Spettacolo, italiane e internazionali, alternando l'attività artistica a quella di manager culturale, capace di realizzare produzioni, rassegne, mostre ed eventi originali e di successo.

Ha scritto, diretto, prodotto e interpretato opere poetiche e di teatro, film e fiction, canzoni e opere musicali, ha creato allestimenti scenografici, installazioni e architetture artistiche permanenti, promuovendo e dirigendo molte delle più rilevanti e innovative rassegne e manifestazioni teatrali e culturali molisane degli ultime 20 anni.

Dal '94 al 2007 è Direttore Artistico del Teatro SAVOIA di Campobasso mentre nel borgo in pietra di Ferrazzano (paese d'origine dei nonni di Robert De Niro), progetta e inaugura, l 24 novembre 2007, il Teatro del LOTO, o Libero Opificio Teatrale Occidentale, oggi unanimemente considerato da operatori e artisti, come pure dal Touring Club, come "il più bel piccolo Teatro d'Italia".

Fra i pochi artisti a realizzare, in Italia, un'opera del genere, progetta il nuovo gioiello scenico molisano su principi ergonomici e rendendolo un esempio unico di fusione di architetture sceniche orientali e occidentali.

Al LOTO, da vita a una Compagnia stabile e fonda e dirige la SPAS - Scuola Propedeutica d'Arte Scenica - che diviene la più qualificata scuola di recitazione del Molise, un'istituzione che permette di valorizzare tanti talenti. Già docente d'Arte Scenica presso il Conservatorio "T.Schipa" di Lecce, nel 2013 è nominato dal MIUR nel CdA del Conservatorio "L.Perosi "di Cb.

In Teatro, dove oggi alterna l'attività d'interprete a quella di regista, autore e scenografo, occupandosi anche di Produzione, ha lavorato come attore per molte stagioni con registi come: Orazio Costa, Giuseppe Rocca, Angelo Corti, Giuseppe Patroni Griffi, Edmonda Aldini, Renzo Giovampietro, Giorgio De Lullo, Antonio Salines, Roberto De Simone, Giancarlo Sepe, Armando Pugliese, Guido Maria Compagnoni, Enrico Maria Lamanna, Cinzia Perreca, Marcello Cotugno.

Al Cinema debutta giovanissimo con Ursula Andress ne L'INFERMIERA di Nello Rossati ('75), cui seguono altri ruoli protagonisti in BLUES METROPOLITANO di Salvatore Piscitelli ('85) e HORSBY e RODRIGUEZ di Umberto Lenzi ('92).

Ruoli importanti gli sono pure affidati da Giuseppe Tornatore (IL CAMORRISTA), Mario Monicelli (IL MALE OSCURO), Giuliana Gamba (PROFUMO), Gabriella Gabrielli (18.000 GIORNI FA), Nico Cirasola (BELL'E POKER).

Nel 2013 è Onofrio, cugino di Checco Zalone in SOLE A CATINELLE di Gennaro Nunziante, il film campione assoluto d'incassi nella Storia del Cinema italiano.

In TV è protagonista de IL DIAVOLO NELLA BOTTIGLIA di Tomaso Shermann e nei Cast di ORGOGLIO, SQUADRA ANTIMAFIA, DON MATTEO, UN CASO DI COSCIENZA.

E' stato testimonial di campagne pubblicitarie per Honda, Teledue; Ampliphon.

Come Cantautore col gruppo Questa Moneta Servono presenta in TV a CARO TOTÒ (1992), varietà di e con Renzo Arbore, una riscrittura swing de la dettatura della lettera di Toto e Peppino e la Malafemmina.

Nel 1995, al Palazzo delle Esposizioni, vince la 1ª edizione del Premio Scena Aperta e l'Assessorato alla Cultura di Roma, con Gianni Borgna, edita un CD di sue canzoni con produzione artistica di Avion Travel. L'Album include Ladri di Cinema, composta per l'omonimo film dell'amico Piero Natoli, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia.

Come regista, ha tratto spettacoli e diretto testi di autori contemporanei, come: Una vita postdatata (92) e Messico napoletano (95) di Peppe Lanzetta; Un biglietto di teatro un solo penny di Maria Pia Daniele (95); Fallo a vapore (96), L'angelo Mancino (01) e Frusta Là (2013) di Flavio Brunetti); Stanze dei sogni di Amedeo Caruso (99); Cleopatra muore di Vittorio Sgarbi (204); Maratona di New York di Edoardo Erba (2013);

ha proposto riletture di classici in modo assolutamente inedito e originale come una Trilogia shakespeariana composta da: Sogno di una notte di mezza estate, ambientata negli anni '60 del flower power, con musiche live dei Beatles (2000 - 2011 - 2013) e Romeo and Juliet is Cosa Nostra (2003), ambientato negli anni ruggenti dell'età del Jazz, fra due famiglie italoamericane, entrambi gli allestimenti hanno avuto versioni itineranti e cast numerosi; Amleto, in una suggestiva versione orientale ambientata nel periodo dell'U-Kyoe, che inaugura la stagione 2005 della Sala Umberto a Roma, restando in cartellone 5 settimane.

Ha inoltre tratto e diretto spettacoli da opere di diversi autori: Tu precipitasti nella mia Malanima, con Nada, su canzoni di Weill/Piazzolla/Ciampi/Brell (1997); Tamburi di Guerra, con debutto ad Asti Teatro 2000; L'Azione integra dell'IntegrAzione (2007); i monologhi De Vinibus Non Disputandum Est con debutto al Vinitaly a Verona (2005) e ripreso a Salemi per Bene Divino (2009); i Barboni dei Borboni Social Club (2007) tratto dal un suo poemetto; Tace la Voce urla il Cuore, da Le Confessioni di S.Agostino e dalle poesie mistiche di Alda Merini (2010); Le Petit Magic Circus, spettacolo per ragazzi sul mondo del circo (2013).

A fine 2001, con Vittorio Sgarbi e Alain Elkan partecipa alla prima Missione del MIBAC in Afghanistan, dopo l'11 settembre. Autore di un reportage con foto della missione - pubblicato da iBC edizioni - ne interpreta un capitolo, in prima assoluta, al Museo Orientale del Chiossone a Genova, col titolo il Ground Zero D'Oriente nella Valle degli Uomini che Pregano Verso Occidente (2002).

Al Loto il 1° maggio 2011 mette in scena, con Diego Florio, L'Autodafé del Camminnante, di cui è anche autore. Lo spettacolo rievoca l'Autodifesa del sindacalista italoamericano Arturo Giovannitti nel Processo di Salem (23/11/1912). Dopo più di 100 repliche italiane, col titolo The Walker Auto-da-fé lo spettacolo debutta anche in versione inglese, al Calandra Italian American Institute di New York, l'11/11/12, cui segue una Tournée di 10 repliche con 2 Simposi, in città di quattro Stati dell'Est Coast, fra cui a New Haven, pressoYale University; mentre a Lawrence (Massachusetts), su invito del Bread & Roses Strike Centenary Committe, il 23 novembre 2012, nel centenario del Processo di Salem, lo spettacolo chiude trionfalmente il Tour USA presso l'Everett Mill, la fabbrica tessile dove, cent'anni prima, ebbe iniziò lo sciopero più importante d'America.

A 35 anni dall'ultima edizione italiana di Renzo Giovampietro, in cui lui stesso interpretava Gionata, a fine 2014, con la Compagnia del LOTO, riporta in scena Saul di Vittorio Alfieri, curando scene e regia e indossando lui stesso i panni del folle Re d'Israele.

Estratti da recensioni e commenti:

Antonio Ruggieri - il Bene Comune: "Il Saul allestito e interpretato da Stefano Sabelli è assai più di uno spettacolo teatrale. E' un azzardo, un laboratorio fecondo per chi gli ha dato vita e per chi vi ha preso parte da spettatore; una civilissima e rischiosa prova, per un progetto poggiato sull'estro, sulla professionalità, ma soprattutto sulla generosità del funambolico direttore artistico del "più bel piccolo teatro d'Italia"

Enzo Luongo - Prima Pagina Molise: "? il Saul messo in scena dalla compagnia del Loto di Ferrazzano, una delle produzioni più imponenti del piccolo gioiello del teatro molisano, è un dramma che cattura lo spettatore con tutti i suoi aspetti di psicodramma che annulla l'incolmabile divario delle ere della Storia. Sicuramente Alfieri, sicuramente la sua tragedia, sicuramente la vicenda, ma anche molto di contemporaneo a rendere lo spettacolo uno spettacolo di successo. Intanto bella, molto bella, la scenografia che tra le tante intuizioni (i bancali utilizzati per le funzioni più diverse: trono, montagne, palazzo di re) è un omaggio continuo alla più nota produzione artistica di Gino Marotta con il profilo dei suoi cammelli. Potente, poi, la regia di Stefano Sabelli. Sorprendente, l'intensità degli attori in scena: Giulio Rubinelli, Gregorio De Paola, Bianca Mastromonaco, Fabrizio Russo, Pasquale Arteritano. Tutti intensi, tutti dentro quel linguaggio che è distante anni luce dalla loro età e dal loro tempo. Una compagnia di giovani di assoluto talento. Escluso, per motivi anagrafici, Saul-Sabelli, ovviamente? Ma è proprio il mattatore, che tra gli applausi ripetuti e grati confiderà al pubblico di una carriera, la sua, profondamente percorsa e segnata da questa opera, la sorpresa dell'ora e mezzo che si passa al buio, sospesi nel delirio di un re che pecca di hybris e teme l'ombra di David. Sabelli mostra la sua straordinaria generosità artistica invecchiandosi e calandosi con un amore che si sente in un personaggio che certo non è al centro delle simpatie dell'animo umano, proprio perché ne rispecchia le debolezze infide, una per una? Sabelli ancora una volta mostra l'azzardo della sua creatività - un azzardo che emoziona - l'incontro tra Alfieri e il Requiem di Mozart con in scena tre fratelli molisani, tre geni della musica, i Miele, a osannare con la loro bravura il connubio che altri non avrebbero mai osato. Per farlo con quel risultato bisogna chiamarsi Stefano Sabelli, il Saul ne è la prova. L'ennesima."

blog di Maria Concetta Barone - poeta e docente di lettere classiche: "? in un processo crescente di possessione medianica e metamorfosi dionisiaca re Saul, si "insedia" nel corpo, nella voce, nella gestualità, nel volto di Stefano Sabelli? Tutta da godere, percepire, centellinare, assorbire la profondità poetica e affabulante di questa bellissima rivisitazione della tragica dolorosa solitudine di Saul, nell'ondeggiare vigoroso del suo animo fra bisogno di affetto e diffidenza, malinconia e ira, fino alla esplosione della follia... Un'altissima confessione tragica, che travolge e annienta le pause solenni dell'endecasillabo, prestato alla furia risolutiva di un re sconfitto e ancora sopraffatto dall'ansia di affermare la sua potenza."

-

blog di Pier Paolo Giannubilo - docente di lettere e romanziere: Ho portato i miei studenti a vedere il Saul di Alfieri al Teatro del Loto. E ho fatto bene: compagnia di giovani teatranti di qualità indiscussa, e Stefano Sabelli è un Saul superbo?. operazione coraggiosa ma di grande impatto?. Il pubblico bisogna commuoverlo, suggestionarlo prendendolo a pugni nello stomaco, se necessario, tirarlo per i capelli, come sapeva fare il teatro antico, e far sì che esca dallo spettacolo diverso da come vi è entrato, mai rassicurato, ma sempre perplesso. Consiglio a tutti di non perdersi le repliche, quando sarà.

Marinella Ciammarra - iBC mensile: "In Saul, scrisse l'Alfieri, "c'è tutto, assolutamente di tutto".? Un ruolo straordinario, dunque, a cui il multiforme ingegno di Stefano Sabelli, e la sua instancabile energia e ottima presenza scenica, ha dato vita sul palco del Loto, "il più bel piccolo teatro d'Italia", insieme all'interpretazione particolarmente sentita di Bianca Mastromonaco, nel ruolo della dolce Micol che ama teneramente il suo David, interpretato da Giulio Rubinelli, che ben rende sulla scene le caratteristiche di un eroe puro, moralmente alto, pieno di dignità e amore.? Così come l'altro figlio di Saul, il prediletto, Gionata, interpretato da Gregorio De Paola, bravo e bello nella sua rassicurante voce e nel suo volto devoto e sincero? Lo spettacolo del Loto rende omaggio al Poeta d'Asti (anche con il cammeo finale di recitare il V e ultimo atto in costumi del Settecento, così come lo stesso Alfieri era solito fare quando egli stesso interpretava la parte di Saul nei salotti fiorentini), ai suoi versi, alla sua poetica, ai suoi personaggi antichi ma drammaticamente moderni, tormentati, lacerati? Rende omaggio alla dignità della vita e dell'arte? Al forte sentire degli uomini veri. E ci riesce in pieno.? Contributo prezioso e suggestivo è dato dallo straordinario ensemble dei tre fratelli Miele? che hanno resa viva e palpitante la colonna sonora, rivisitando partiture di John Williams, di Sollima, di tradizionali klezmer e, infine, arrangiando per trio lo struggente Requiem di Mozart, che irrompe sul finale a sottolineare un fil rouge che corre tra i due grandi del Settecento, come il poeta d'Asti e il genio di Salisburgo." -

Valentina Di Biase - iBC web: "Non esiste un confine netto tra la tirannia e l'eroismo che governano le azioni di un re e quelle che albergano nella mente di un uomo... Il Saul di Vittorio Alfieri incarna perfettamente questo dualismo della personalità? Nello splendido laboratorio d'arte del Teatro del Loto di Ferrazzano, rivive una delle più significative e controverse opere del panorama teatrale italiano, l'unica tragedia, quella di Alfieri, che si ispira alla Bibbia, e in particolare al primo libro dei Re, una trama complessa articolata in endecasillabi sciolti che richiama e raccoglie i più avidi spettri dell'inconscio, deformandoli, facendo del Saul l'emblema strutturale dell'intera trama... Saul, abilmente interpretato da Stefano Sabelli, si lascia consumare dal tormento convinto che sulla sua testa gravi la condanna di Dio, eppure - nel delirio che lo abbandonerà solo alla morte - di lui rimane comunque il barlume di un uomo affezionato alla famiglia, ai suoi adorati figli che inutilmente tenta di salvare dalle sue allucinazioni e dalle conseguenze."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Frosinone, oggi si festeggia "Santa Fregna"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
FrosinoneToday è in caricamento