Roma, al Teatro Vittoria in scena "Persone naturali e strafottenti"di Giuseppe Patroni Griffi

Persone naturali e strafottenti è il testo più "scandaloso" e fra quelli di maggiore successo di Giuseppe Patroni Griffi, rappresentato per la prima volta nel 1973, con protagonisti Mariano Rigillo, Gabriele Lavia e Pupella Maggio: un testo crudo...

persone naturali1

Persone naturali e strafottenti è il testo più "scandaloso" e fra quelli di maggiore successo di Giuseppe Patroni Griffi, rappresentato per la prima volta nel 1973, con protagonisti Mariano Rigillo, Gabriele Lavia e Pupella Maggio: un testo crudo, poetico, fra il grottesco, il cinico e il surreale. Il lavoro è prodotto dalla compagnia Teatro Vittoria - Attori&Tecnici e da Planet Arts Collettivo Teatrale ed è nato in seno al progetto Tradizione – Il Teatro di Domani.

La regia è di Giancarlo Nicoletti, trentenne regista e autore pluripremiato fra le rivelazioni delle ultime stagioni. Nel cast dei protagonisti Sebastian Gimelli Morosini (Mariacallàs), Michele Balducci (Fred), Cristina Todaro (Violante) eFabio Minicillo (Byron); il disegno luci è di Daniele Manenti, i costumi di Sebastian Gimelli Morosini, aiuto regiaMatteo Volpotti e Sofia Grottoli. In scena al Teatro Vittoria di Roma, l'11 e il 12 Maggio, fra i quattro finalisti della rassegna "Salviamo i Talenti – Premio Attilio Corsini VII edizione".

Quattro solitudini, un appartamento e una notte di Capodanno a Napoli:

Donna Violante, la padrona, ex serva in un bordello, Mariacallàs, un travestito, in bilico fra rassegnazione, ironia, squallore e cattiveria. E ancora, Fred e Byron: l'uno, uno studente omosessuale alla ricerca di una vita libera dalle paure, l'altro, uno scrittore nero che vorrebbe distruggere il mondo per vendicare le umiliazioni subite. Quattro persone naturali e strafottenti, che, per un gioco del destino, divideranno la loro solitudine con quella degli altri, mentre fuori la città saluta il nuovo anno, fra accese discussioni, recriminazioni, desideri repressi, liti e violenze sessuali.

C'è, in questo testo del 1973 di Patroni Griffi, un sottobosco di attualità così tangibile e una poetica di fondo così lucida e disincantata, da farne a tutti gli effetti un testo ancora fortemente contemporaneo, e perciò di teatronecessario. Emarginazione, violenza, distanze socio-culturali, violenza sessuale e psicologica, la ricerca continua di un altro che non esiste: la straordinaria drammaturgia di Patroni Griffi è cruda e ironica, scandalosa e poetica, verbosa e visionaria. Ne viene fuori una tragicommedia dal sapore post-eduardiano e pre-ruccelliano, col respiro di un periodare socio – poetico, che fra cinismi, grettezze e turpiloqui ci restituisce uno squarcio di vita di una generazione senza futuro, un affresco animato da personaggi borderline che appaiono come noi vogliamo vederli: cinici, superficiali, amorali. In realtà si tratta di creature inquiete, sole che soffrono inconsapevolmente la loro condizione nella perenne ricerca di una possibile felicità. E la cercano dando libero sfogo alle pulsioni sessuali e alla loro mercificazione.

Da questo sudore di corpi costretti coattivamente alla ricerca della propria felicità o del proprio illusorio, riscatto, entro le mura di uno spazio vitale / non vitale, che ogni pagina del testo sprigiona chiaramente, l'intuizione di farne uno spettacolo concreto, che si serva della realtà per declinarla in astrazione, in un'esperienza di teatro diretto, e non filtrato dalla convenzionalità rappresentativa, con il fine ultimo di mettersi accanto all'autore, e non davanti, in un rapporto di dialettica e relazione. Per tradurre, declinandola nel contemporaneo, ma senza tradirla, una drammaturgia così sofisticata e imponente, e troppo spesso sottovalutata.

Persone naturali e strafottenti di Giuseppe Patroni Griffi

con Sebastian Gimelli Morosini – Michele Balducci

Cristina Todaro – Fabio Minicillo

Una produzione Teatro Vittoria Attori & Tecnici - Planet Arts Collettivo Teatrale Un progetto Tradizione – Il Teatro di domani

Adattamento Silvia Andreussi – Giancarlo Nicoletti

Foto Luana Belli Video David Melani Trailer Daniele Guarco

Disegno Luci Daniele Manenti Costumi Sebastian Gimelli Morosini

Aiuto Regia Matteo Volpotti – Sofia Grottoli

Ufficio Stampa Rocchina Ceglia

Distribuzione & Promozione Altra Scena Art Management

Regia Giancarlo Nicoletti

TEATRO VITTORIA / ATTORI & TECNICI

Piazza S. Maria Liberatrice 10, 00153 Roma (Testaccio)

Biglietti: intero platea e galleria 10 euro; biglietto ridotto under 35 e over 65 anni 7 euro

Abbonamento ai 4 spettacoli 20 euro

Botteghino: 06 57 40 170 ; 06 57 40 598

lunedì (ore 16-19), martedì - sabato (ore 11- 20), domenica (ore 11 - 13.30 e 16-18)

Vendita on-line e info: www.teatrovittoria.it

Come arrivare: Metro: Piramide ; Bus: 170, 781, 83, 3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento