Roma, alla Museo Fondazione Venanzo Crocetti ALI E HASAN ISGANDAROV Arte tra Segno e Concetto

Giovedì 30 giugno alle ore 18.30, presso il Museo Fondazione Venanzo Crocetti si inaugura la mostra di Ali e Hasan Isgandarov dal titolo Arte tra Segno e Concetto. Interverranno l'Ambasciatore Mammad Ahmadzada, il Maestro Ennio Calabria, il...

Giovedì 30 giugno alle ore 18.30, presso il Museo Fondazione Venanzo Crocetti si inaugura la mostra di Ali e Hasan Isgandarov dal titolo Arte tra Segno e Concetto. Interverranno l'Ambasciatore Mammad Ahmadzada, il Maestro Ennio Calabria, il critico d'arte Ida Mitrano, il poeta Angelo Sagnelli.

In esposizione una selezione di opere che consentono un dialogo tra due diversi modus operandi, espressionista quello di Ali, concettuale quello di Hasan, ma anche un confronto tra materiali creativi differenti.

Le opere pittoriche di Ali sono materiche, forti nel segno che tracciato sulla tela si

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
caratterizza come un codice privato, intimo che veicola non contenuti ma emozioni, sensazioni. Impulsi interiori che danno vita a un immaginario che sfugge a precise identificazioni per svelarsi volta per volta, e ogni volta inedito, ad uno sguardo attento e partecipe al processo creativo che l'artista vive dentro di sè con libertà e tensione espressiva. Ali è la sua pittura. Non media, nè ricorre a escamotage. Questa è la sua natura e la sua forza.

Le opere di Hasan, realizzate in ferro e vetroresina, s'impongono da un lato per la loro presenza, per una sorta di macrovisione di un oggetto o di un aspetto del

quotidiano, quasi a stupire il fruitore che improvvisamente vede rovesciato il naturale rapporto di grandezza tra lui e le cose, dall'altro per una drammaticità, talvolta per un'ironia non meno drammatica, che comunica a suo modo le inquietudini del contemporaneo. Hasan rende così protagonisti gli oggetti di uso comune, funzionali alla vita connotandoli di un significato simbolico e, con la stessa attenzione, guarda al mondo sconosciuto, invisibile, animato costituito da piccoli esseri viventi che acquisisce presenza anch'esso simbolica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento