menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roma, Birdman, recensione di Daniela Rispoli

Roma, Birdman, recensione di Daniela Rispoli

Roma, Birdman, recensione di Daniela Rispoli

Birdman USA 2014 Regia: Alejandro González Iñárritu- recensione di Danela Rispoli* Un attore nella morsa dei rimorsi, segnato da una profonda crisi d'identità al culmine di un'esistenza scandita tra l'essere e l'essere stato. Uno snodo di vicende...

Birdman USA 2014 Regia: Alejandro González Iñárritu- recensione di Danela Rispoli* Un attore nella morsa dei rimorsi, segnato da una profonda crisi d'identità al culmine di un'esistenza scandita tra l'essere e l'essere stato. Uno snodo di vicende tra la voce di Riggan che è, e la voce off di Birdman che è stato.

Una voce, quest'ultima, roca e polemica e che esordisce su un'inquadratura dello stesso Riggan di spalle che levita come il migliore dei fachiri lamentando odore di palle sudate (odore di Broadway per intenderci, o meglio quell'angolo che Riggan riesce a ritagliarsi di Broadway), non paragonabile di certo al profumo di dollari di Hollywood di cui Birdman è stato un'icona che ha radunato un esercito di seguaci innamorati di quel mucchio di penne. L'ansiolitica voglia di ribalta di Riggan rifiuta, o meglio condanna la frivolezza del personaggio Birdman e di quello che ha rappresentato, e tra la fantasia (di levarselo di torno) e la realtà (di fallire nell'impresa di dimenticarlo), prova a tutti i costi a dimostrare che non può essere una maschera di piume e un becco, che non può essere un uomo-uccello che si libra in cielo a decretare la grandezza di un attore.

Un super eroe, l'ennesimo, inventato da quella macchina delle meraviglie che è il cinema statunitense d'effetto e spettacolarità; una maschera che attira perché ha il volto nascosto dalle fattezze di un volatile (emulando quello più famoso, quello nero, gotico, col mantello e la super macchina, già interpretato dallo stesso Riggan/Keaton), attira perché ha migliaia di visualizzazioni sul suo canale youtube, orde scatenate di followers su twitter o una pagina facebook con almeno un milione di likes. Può definirsi,dunque, serietà questa per un attore? No di certo. E allora basta uccelli che volteggiano in aria, basta esplosioni, basta palle di fuoco volanti e via del buon vecchio teatro ripercorso e indagato nelle viscere da un persistente, perfetto, piano-sequenza, fra quei corridoi e quelle stanze popolate da una figlia stramba ma al passo coi tempi, da attrici che, stufe degli uomini sbruffoni e incapaci di tenere a bada un'erezione, si lasciano intenerire da un lieve tocco saffico.

Uno sfondo di teatro, vita reale, e cinema. Mondi paralleli, quello del grande schermo, e quello del palcoscenico che si intersecano proponendo un dialogo interessante e confondente tra il vecchio e il nuovo, tra la follia e l'equilibrio, tra l'essere e l'interpretare. Un Edward Norton irresistibile, un Michael Keaton che fa sentire tutta la crisi del Riggan di turno, e anche di più. Una Emma Stone forse più presente di Naomi Watts. Da Oscar? L'Academy Award dice di sì.

*Daniela Rispoli, scrittrice noir di Bologna Info https://it.wikipedia.org/wiki/Birdman_%28film%29
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento