Roma e Castelli Romani con la Grandfondo Campagnolo dal 9 all'11 ottobre

Un grandissimo evento sportivo ed amatoriale a Roma e nella Provincia di Roma : la Granfondo Campagnolo Roma è in programma domenica 11 ottobre su un percorso di 120 chilometri e 1700 metri di dislivello. Dal Colosseo la Granfondo compirà un lungo...

GF campagnolo

Un grandissimo evento sportivo ed amatoriale a Roma e nella Provincia di Roma : la Granfondo Campagnolo Roma è in programma domenica 11 ottobre su un percorso di 120 chilometri e 1700 metri di dislivello. Dal Colosseo la Granfondo compirà un lungo giro per il centro storico della Capitale fino a piazza del Popolo, poi percorrerà Lungotevere per ritornare nella zona archeologica del Circo Massimo, Terme di Caracalla. Quindi via Cristoforo Colombo, la via Appia per raggiungere i Castelli Romani dai quali si tornerà indietro fino all’arrivo in piazza Numa Pompilio, alle Terme di Caracalla. Insieme alla Granfondo, la cui classifica sarà redatta in base ai tempi registrati lungo le quatto salite in programma, si svolgerà la pedalata “In Bici ai Castelli”, aperta a tutti e a tutti i tipi di bicicletta. Quest’anno farà il suo debutto anche “L’imperiale, The Appian Way”, riservata agli amanti del ciclismo vintage. Alla vigilia spazio e riflettori sulla “Tweed Ride La Dolce Vita” per il centro città e una gara per le biciclette a scatto fisso, la “Ride Rome Fixed” al Parco del Foro Italico. Quindi il villaggio, ricco di iniziative sia di intrattenimento e svago, di utilità per i ciclisti e le loro famiglie, di proposta per le aziende che sostengono il progetto Granfondo Campagnolo Roma. Il Villaggio sarà situato all’interno dello stadio Nando Martellini alle Terme di Caracalla. Inoltre tantissime occasioni di gioco, formazione e agonismo per i bambini. La Granfondo Campagnolo Roma è molto più di un evento di ciclismo. Piuttosto è un’idea, una suggestione, uno stile a pedali, un sogno, un progetto e una speranza per il futuro. Per chi vuole utilizzare a bicicletta per spostarsi in città e praticare lo sport, ricorrendo la forma fisica perfetta e le belle emozioni. La Granfondo Campagnolo Roma è anche l’occasione per riaffermare che Roma è una città stupenda; una città che, vissuta dal sellino della bici, diventa assolutamente irresistibile. Il contesto, infatti, è di assoluta, incomparabile Gianluca Santilli, presidente del Comitato Organizzatore: “Ride London ci ha inserito fra i top cinque event al mondo per le caratteristiche della Granfondo Campagnolo Roma. Per questo motivo siamo nati già grandi ma siamo costretti a crescere continuamente. Abbiamo creato un gruppo di lavoro che si sta dedicando a tante iniziative di qualità ed ai valori che le caratterizzano. Roma è spesso invivibile e la ciclomobilità è la soluzione ideale così come il cicloturismo che potrebbe costituire una fonte enorme di sviluppo per il territorio dei Castelli Romani. La cronoscalata deciderà la classifica, per il resto della giornata sarà una grande occasione di divertimento per tutti”. La Granfondo Campagnolo Roma dà appuntamento a tutti da venerdì 9 a domenica 11 : Roma e i Castelli Romani vivranno sull’onda dell’emozione di migliaia di ciclisti e biciclette che coinvolgeranno il centro storico della città, il Lungotevere, l’agro romano e i Castelli Romani. Il Villaggio della Granfondo Campagnolo Roma sarà edificato all’interno dello Stadio Martellini, alle Terme di Caracalla: uno spazio prestigioso in cui i ciclisti e le loro famiglie potranno vivere il mondo della bicicletta in ogni sua espressione, conoscere e apprezzare tutte le novità del settore e scambiare le proprie esperienze con quelle dei ciclisti in arrivo da tutto il mondo. Il periodo scelto è ideale perché la città di Roma, ad ottobre, unisce il fascino della storia alla suggestione dell’arte e della cultura, alla temperatura mite e gradevole che favorisce la gita e lo spirito d’avventura. La Granfondo si disputerà domenica 11 su un percorso di poco superiore ai 120 chilometri ed un dislivello complessivo che sfiora i 2.000 metri. Si partirà dai Fori Imperiali con il Colosseo alle spalle per regalare al mondo intero una cartolina magnifica. Il gruppo pedalerà per Piazza Venezia, via del Corso, piazza del Popolo, Lungotevere, dal quale ammirerà Castel S. Angelo e San Pietro e poi il Circo Massimo, le Terme di Caracalla, l’Ardeatina, l’Appia e sul lago di Albano inizierà la prima salita verso la via dei laghi. Pochi chilometri ed ecco l’arcigno Murus da scalare fino a Rocca di Papa, i magici Pratoni del Vivaro, la salita verso Rocca Priora che ha deciso tante mitiche edizioni del Giro del Lazio e, senza il tempo di rifiatare, si dovrà affrontare il terribile Rostrum di Montecompatri, ultima delle 4 cronoscalate, con rampe al 18%, per poi entrare a Frascati e tornare verso Roma attraverso la meravigliosa campagna romana. L’arrivo, nuovo e straordinario, prevede l’Appia Antica e l’inedita, meravigliosa via di Porta San Sebastiano, al termine della quale sarà posto il traguardo, a pochi metri dal Villaggio. In Bici ai Castelli : lo scorso anno ha riscosso un grande successo perché è aperta a tutti e ad ogni tipo di bicicletta e perché si pedala su un percorso inizialmente identico a quello della granfondo, dal quale si divide dopo la salita Panoramica del lago di Albano. Una sosta culinaria per rifocillarsi a Marino e via a Roma per tagliare lo stesso spettacolare traguardo dei granfondisti dopo oltre 60 km. Si tratta di una manifestazione non competitiva, aperta a tutti anche se non tesserati o in possesso di certificato medico, alla quale si potrà partecipare con ogni tipo d bicicletta, anche a pedalata assistita. È adattissima a gruppi di amici e famiglie o ciclisti che hanno una preparazione di base minima ma tanta voglia di partecipare ad un’esperienza assolutamente unica al termine della quale dire: io c’ero! fv

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

  • Frosinone ancora una volta sotto i riflettori nazionali a livello enogastronomico: la Rai spiega il "metodo Dolcemascolo"

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento