menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma, I vincitori della favolosa edizione 2015 del Roma Fringe Festival

Fringe Festival 2015 a Roma, nel magnifico e unico scenario di Castel Sant'Angelo : una edizione stupenda, favolosa , con moltissimo pubblico, con lavori davvero eccellenti e con una organizzazione semplicemente perfetta : bravi , e complimenti a...

Fringe Festival 2015 a Roma, nel magnifico e unico scenario di Castel Sant'Angelo : una edizione stupenda, favolosa , con moltissimo pubblico, con lavori davvero eccellenti e con una organizzazione semplicemente perfetta : bravi , e complimenti a tutti e a tutte ! 37 giorni di teatro, 82 spettacoli in concorso, 14 eventi speciali, 5 ospiti internazionali: questo è stato il Roma Fringe Festival 2015 che, nei giardini di Castel Sant'Angelo, dal 30 maggio al 5 luglio, ha portato oltre 500 artisti italiani, europei e americani per un totale di oltre 330 repliche. Tra spettacoli in concorso e ospiti speciali della scena romana (grazie a Teatro Studio Uno, Carrozzerie n.o.t., Teatro Argot Studio, Teatro dell'Orologio, Teatro Tordinona, Andrea Cosentino, Teatro e Critica), il Roma Fringe Festival nel 2015 ha rappresentato un punto di incontro e confronto del teatro indipendente italiano, creando reti e dando il via a nuove collaborazioni, includendo sempre più realtà artistiche e facendole dialogare - questa volta - all'ombra di uno dei monumenti più belli della penisola. "In un'area vasta e difficile da gestire" ha dichiarato il Dir. Artistico Davide Ambrogi a chiusura della serata finale "abbiamo cercato di ridurre al minimo l'impatto sulle pre-esistenze, lavorando sulla bellezza e su Castel Sant'Angelo come scenografia, riducendo gli ingombri e consentendo da ogni angolatura la piena visuale del monumento. Questo ha portato a un utilizzo inedito dei giardini, delle scalinate e dei viali, non sovraffollati di stand commerciali, bensì sfruttati come scena e come platea, con palchi che - impattando per nulla sulla cornice architettonica - hanno regalato agli spettatori e alle compagnie presenti una doppia dimensione artistica: quella degli spettacoli e quella della passeggiata lontano dal caos capitolino. Il numero di spettatori, in aumento rispetto agli anni passati, ha premiato l'iniziativa...Per questo dobbiamo ringraziare una squadra di lavoro artistica e non solo sostanzialmente under 35, composta da Teatro Studio Uno, Alessandro Di Somma ed Eleonora Turco, Teatro Trastevere, Marco Zordan, e poi ancora Francesca Romana Nascè, Raffaele Balzano, il direttore artistico della Comedy Daniele Parisi e molti altri". Dopo cinque intense settimane di programmazione, il 5 luglio durante la finale, si sono alternati sul palco quattro spettacoli che hanno offerto al numeroso pubblico accorso, uno spaccato di teatro indipendente italiano e non solo, tra impegno, danza e contemporaneità: Gli Ebrei sono matti (Compagnia Teatro Forsennato - ideato e diretto da Dario Aggioli - Interpreti: Dario Aggioli, Guglielmo Favilla), spettacolo ironico e intelligente che sulla scena romana ha superato le 50 repliche, Guerriere - Tre donne nella Grande Guerra (di e con Giorgia Gigia Mazzucato. Testi e regia: Giorgia Mazzucato Supervisione storica: Aldo Cazzullo), intensa nuova drammaturgia di teatro civile affidata a una giovane autrice padovana, Fak Fek Fik (Compagnia collettivo Sch.lab. Regia: Dante Antonelli Attrici-Autrici Martina Badiluzzi, Ylenya Giovanna Cammisa, Arianna Pozzoli) scrittura originale, dissacrante, contemporanea e collettiva, e Les Aimantes (Compagnia Mangano-Massip Associazione Autour du Mime, con Sara Mangano, Pierre-Yves Massip), poetico teatro danza francese ispirato alle poesie di Prevert. La serata, che ha visto circa quaranta giurati tra giornalisti, direttori di teatri e addetti ai lavori (con personaggi di spicco come Luca De Bei, Luciano Melchionna, Matteo Tarasco, Pierpaolo Palladino, Tiziano Panici e molti altri autorevoli esponenti della scena italiana) votare gli spettacoli, si è conclusa con la vittoria come Miglior Spettacolo Roma Fringe Festival 2015 di Fak Fek Fik regia di Dante Antonelli, con Martina Badiluzzi, Ylenya Giovanna Cammisa, Arianna Pozzoli. Di seguito, tutti i vincitori del Roma Fringe Festival 2015 : Miglior Spettacolo Roma Fringe Festival 2015: Fak Fek Fik, Fak Fek Fik regia di Dante Antonelli, con Martina Badiluzzi, Ylenya Giovanna Cammisa, Arianna Pozzoli, Menzione Speciale della Giuria: Attore Dario Aggioli per lo spettacolo Gli Ebrei sono Matti, Premio della Critica Periodico Italiano Magazine Roma Fringe Festival 2015: 33 Miglior Comedy Roma Fringe Festival 2015: "Fa Curriculum. Stiamo lavorando per noi" di e con Sfigartisti, Premio della Critica Funweek.it Roma Fringe Festival 2015: Giovan Bartolo Botta per "Valli a prendere", Sez. Comedy Miglior Regia Roma Fringe Festival 2015: Andrea De Magistris per lo spettacolo Anselmo e Greta, Miglior Drammaturgia Roma Fringe Festival 2015: Dante Antonelli, Martina Badiluzzi, Ylenia Giovanna Cammisa, Arianna Pozzoli per lo spettacolo Fak Fek Fik, Premio del Pubblico Roma Fringe Festival 2015: Indubitabili Celesti Segnali, Premio Special OFF Roma Fringe Festival 2015: Cute, Menzione Speciale Giovan Compagnia Roma Fringe Festival 2015: Così grande così inutile, Menzione Speciale Miglior Attore Roma Fringe Festival 2015: Pierre Yves Massip per lo spettacolo Les Aimants, Miglior Attrice Roma Fringe Festival 2015: Martina Badiluzzi, Ylenia Giovanna Cammisa, Arianna Pozzoli per lo spettacolo Fak Fek Fik, Premio Spirito Fringe Roma Fringe Festival 2015: Malabranca Teatro per lo spettacolo Bignè L'amore è Checov (fonte ufficio stampa FringeFestival 2015) FV

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento