rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cultura

Roma, il miracolo del Made in Italy: nel cuore di Londra a Piccadilly Circus regna la cucina italiana!

 Il Ristorante Savini, storico locale fondato all’interno della prestigiosa Galleria di Milano, è stato rilevato nel 2008 dalla Famiglia Gatto che ne ha ridisegnato gli spazi creando il ristorante gourmet al primo piano, un caffè bistrot e...

Il Ristorante Savini, storico locale fondato all’interno della prestigiosa Galleria di Milano, è stato rilevato nel 2008 dalla Famiglia Gatto che ne ha ridisegnato gli spazi creando il ristorante gourmet al primo piano, un caffè bistrot e patisserie al piano galleria e al piano

Londra 2

-1 la food boutique dove si trova una selezione di oltre 500 prodotti di nicchia della gastronomia italiana rigorosamente a marchio Savini. Risalente al 1867, è senza dubbio il più famoso ristorante meneghino, punto di incontro di illustri nomi del mondo artistico e culturale, da Verdi a Puccini, da Mascagni a Toscanini, da D’Annunzio a Verga. Dalla sua rinascita, negli anni ' 50, altri grandi personaggi hanno affollato le sale del Savini: un lungo elenco da Maria Callas a Luchino Visconti, Charlie Chaplin, Ranieri e Grace di Monaco, Jean Gabin, Frank Sinatra, Ava Gardner, Carla Fracci, Henry Ford, Totò e Peppino de Filippo.

Orbene, da pochi mesi la Famiglia Gatto è proprietaria anche del celebre Ristorante Criterion, in Piccadilly Circus, che ora parla italiano e serve i piatti della tradizione milanese. Per il suo debutto all'estero si è scelto il romantico ed elegante Grade II Criterion, nel cuore di Londra. In un contesto di opulenza senza tempo, questa neo-bizantina sala da pranzo e bar, con i suoi favolosi soffitti d'oro e colonne di marmo, disegnata nel 1873 dall’ architetto Thomas Verity della Royal Albert Hall, presenta agli ospiti un menu di autentici piatti italiani preparati con i migliori ingredienti stagionali. Di giorno il Savini at Criterion è un Grand Café che offre un ambiente sontuoso, sia per le colazioni di alta classe, con la fragranza di caffè e cornetti fatti in casa che profumano l'aria, quanto per pranzi languidi e tè pomeridiani che caratterizzano infusi provenienti da tutto il mondo con torte e dolci da leccarsi i baffi.

Ma al tramontar del sole il Savini at Criterion si trasforma in uno dei luoghi più “glamour” ed affascinanti della capitale londinese. La sua fama, infatti, è fortemente radicata nell’immaginario romantico della città: oltre un secolo or sono Sir Arthur Conan Doyle, il papà letterario di Sherlock Holmes, immaginava, proprio davanti al bancone dello storico bar, l'inizio di una storia fatta di crimini avvolti nel mistero e di argute intuizioni, al fianco del fedele Dr. Watson. Frequentato dalle personalità più illustri dell'alta società inglese e dai grandi intellettuali, da Bertrand Russell a Edgar Wallace e Winston Churchill, a giugno scorso il Criterion ha dichiarato fallimento, nell'impossibilità di coprire le ingenti spese di gestione. Ma a dicembre un nuovo ed altrettanto blasonato cliente in arrivo dall’Italia ha bussato alla porta del numero 224 di Piccadilly Circus.

E così oggi, chi prenota da Savini at Criterion è sicuro di trovare in tavola ingredienti italiani e ricette della tradizione tricolore, nel cuore di Londra; per giunta, in un ambiente di grande fascino. Tra i piatti d’autore segnalati nel menù troviamo l’ossobuco di vitello, il risotto alla milanese con lo zafferano, l’arrosto di maiale con cipolle borretane e aceto balsamico, la parmigiana di melanzane, la pappa al pomodoro, la tagliata con carciofi, melanzane e radicchio ed il pollo con patate al rosmarino. E poi prosciutto di Parma (anche a colazione), tartufi, crema di robiola e pasta a volontà. Ma anche piatti della tradizione classica internazionale, come il millefoglie di foie gras con pan brioche o la guancia di vitello con anice stellato e patate (peruviane), il crudo di ostriche e le capesante alla griglia. Aperto tutti i giorni dalle 8 a mezzanotte, si prefigge di coniugare 150 anni di tradizione nella ristorazione italiana ed inglese. La politica dei prezzi segue ovviamente il prestigio della location, ma per pranzo Savini at Criterion propone una formula per tutte le tasche a 26 sterline per due portate.

Il nostro auspicio è che la cucina italiana continui ad affermarsi nel mondo ed a soddisfare le esigenze di una clientela in continua evoluzione, sempre nel rispetto delle tradizioni e delle nostre intramontabili eccellenze.

Giorgio De Rossi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, il miracolo del Made in Italy: nel cuore di Londra a Piccadilly Circus regna la cucina italiana!

FrosinoneToday è in caricamento