Cultura

Roma, Le nove parallele... di Vittorio Boerio

 (Armando Editore, 2014). Cos'è la verità? La "domanda delle domande" oltre la quale non si può andare. Nove parallele s'incontrano all'infinito utilizza la curiosità insita nell'esplorazione di se stessi come elemento di ricerca costruendo un...

(Armando Editore, 2014). Cos'è la verità? La "domanda delle domande" oltre la quale non si può andare. Nove parallele s'incontrano all'infinito utilizza la curiosità insita nell'esplorazione di se stessi come elemento di ricerca costruendo un originale itinerario conoscitivo indirizzato verso la scoperta della verità. L'Autore percorre le stratificazioni culturali che l'uomo ha sedimentato nei secoli, evidenziando che filosofia, scienza, religione e mitologia sono approcci che convergono nel cercar di risolvere il mistero dell'origine dell'universo e dello scopo della vita umana. Centrale è la costanza di conoscere, di trovare una spiegazione ai paradossi e d'intuire l'infinito attraverso l'osservazione degli spazi finiti.

Vittorio Boerio, è responsabile dell'Ufficio geologico della Società Autostrade.

...Un geologo, l'autore, per un libro esplorazione, fin dal titolo suggestivo. Non a caso ispirato da certa psicolinguistica (e poi programmazione neurolinguistica) Richard Bandler e John Grinder, nello stesso tempo da figure ai limiti dell'esoterismo quali Gurdjieff e l'allievo Ouspensky, non ultimo presocratici e postsocratici., excursus ampio sulle religioni storiche, dai Veda all'Islam.

Libro certamente complesso, eclettico, una sorta di piscologia "letteraria" come originale e "sistemica" riflessione sulla verità e in controluce sul mondo contemporaneo. Come navigarci, almeno concettualmente, con mappe non liquide, ma - almeno relativamente - solide.

Un mix quindi continuo, uno zoom e reverse, come accennato, di carattere psicologico e filosofico, elaborato con chiave letteraria non manierista, laddove la parola, come poi suggerisce certa psicologia umanistica e affine esita complementare alla disciplina o in-disciplina stessa.

Ebbene, al di là del memo soggettivo, un'opera che si rivela un'autostrada... veloce e scorrevole, nonostante il focus ipercomplesso, stimolante e anche pragmatico:

in particolare nell'analisi delle "eterne" pulsioni umane Rabbia Orgoglio Vanità Invidia Avarizia Paura Gola Lussuria Accidia Carattere, inconscio ed intuizione (ecco le 9 parallele), archetipi di ogni discorso metafisico e pragmatico stesso del fare anima o della ricerca della cosiddetta verità (umana).

In pillole, un poco nel solco di certa sia necessaria nuova trascendenza aggiornata, sia ma convergente di certo umanesimo sinergico con e dopo la scienza più o meno pura (di cui l l'autore integra con sguardi liminari i risultati più oggettivi o pretesi riduzionistici), un percorso stesso s-oggettivo che dimostra l'infinitezza delle possibili risposte creative, almeno per l'individuo, pur partendo dalla non facile Verità, anche in certa caducità liquida contemporanea - secondo certo percepito generale, privo di potenziali antivirus, per così dire.

Non è vero, l'ambiente non è innocuo, ma il nichilismo o la rassegnazione possibile e i non valori minimalisti sono solo l'opzione più elementare.

E senza pesanteur intellettuale: sullo sfondo - la cifra parola dell'autore, spicca un bellissimo relativismo epicureo.

Roby Guerra

Info

https://www.armando.it/schedalibro/23045/Nove-parallele-si-incontrano-all-infinito

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, Le nove parallele... di Vittorio Boerio

FrosinoneToday è in caricamento