menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
de vita  giochiamo che ero

de vita giochiamo che ero

Roma, Loredana De Vita, per la scuola del futuro

Il quotidiano di un insegnante  spesso ripetitivo, e l'attuale condizione di confusione della scuola può far perdere facilmente di vista il ruolo fondamentale che ha ciascun docente nel compito di educare concretamente i propri studenti: educarli...

Il quotidiano di un insegnante  spesso ripetitivo, e l'attuale condizione di confusione della scuola può far perdere facilmente di vista il ruolo fondamentale che ha ciascun docente nel compito di educare concretamente i propri studenti: educarli alla vita. Questo libro non ha la pretesa di offire una soluzione, ma intende suggerire una riscoperta delle motivazioni alla base dell'insegnamento, nonostante le difficoltà e la diminuzione di valore attribuite alla "professione docente".

*Nota di R. Guerra- Oltre ai volumi sulla Famiglia e l'infanzia liberata e di post-filosofia pragmatica esistenziale, sempre per Armando editore, Loredana De Vita, ricercatrice sociale e insegnante, ha scritto proprio questa brillante analisi atipica e culturalmente scorretta, sulla Scuola, il fare scuola nel duemila, in una cifra di scrittura tra sociologia e letteratura, dialogica e danzante. Opera che, succintamente, esemplifica, anche da percorsi di cronaca live soggettivi, certa retroscuola e paleofilosofia psicopedagogica ancora imperante in Italia. Dove diavolo è finito in Italia un secolo di sguardi e pensieri diversi (per dirlo alla Wittgenstein...) dopo certa psicanalisi, lo stesso Piaget , la scuola di Palo Alto e magari quella tacitamente didattica 2.0, dopo la rivoluzione elettronica, leggi il metodo e il contrometodo dei grandi creativi della Sylicon Valley?

Magari le informations arrivano anche, qualcosa si innesta, ma sempre al massimo qualche vagone, senza cambiare mai la Locomotiva, figurarsi il binario e soprattutto il biglietto di viaggio: quasi sempre mai verso il Futuro, per "modellare" uomini e donne del nostro tempo, ma sempre , soprattutto nei fatti contemporanei, leggi crisi planetaria di varie nature, in paleocomportamentismi da automi che plagiano e generano homme machine tecnoidioti (ormai neppure più funzionali alla stessa Grande Macchina produttiva!), il presentismo senza avvenire uber alles! La De Vita, senza alcuna regressione a improponibili modelli classici ateniesi o pitagorici, pur ammalianti, semplicemente suggerisce un change di ritmi e tempi mentali: più utile magari un Bradbury nel XXI secolo come letteratura sociale che ancora i capelli di Manzoni o il cuore infranto di Giulietta... Da Manzoni a Marconi diceva lo stesso Piero Angela.. Ma in Italia la storia, già in sé lenta, va alla moviola... Anche nell'era del wireless, nulla di organico o programmatico socioculturale e didattico efficiente e creativo. soprattutto solo Insegnanti che trasmettono l'amore della conoscenza seminano casualmente orizzonti d'evoluzione s-oggettiva.

Info

https://www.armando.it/-giochiamo-che-ero-conversazione-con-chi-ama-la-scuola7910

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento