menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ceruso  Disney Pixar

Ceruso Disney Pixar

Roma, Tommaso Ceruso -Tra Disney e Pixar - recensione

Tommaso Ceruso -Tra Disney e Pixar. La "maturazione" del cinema d'animazione americano. Collana: ciak si scrive le storie (Sovera Edizioni, Roma, 2015) Cosa si nasconde nelle lande sconfinate de Il Re Leone, nelle notti d'Oriente di Aladdin e...

Tommaso Ceruso -Tra Disney e Pixar. La "maturazione" del cinema d'animazione americano. Collana: ciak si scrive le storie (Sovera Edizioni, Roma, 2015) Cosa si nasconde nelle lande sconfinate de Il Re Leone, nelle notti d'Oriente di Aladdin e nelle profondità marine de La Sirenetta?

Perché Scar e Frollo sono destinati a perire in un abisso di fuoco mentre Anton Ego riesce a salvare la propria anima? Come si spiega la transizione dagli incantesimi e dalla magia del Rinascimento Disney (1989-1999) al problematico universo digitale della Pixar? Questo libro nasce dal desiderio di svelare i misteri del cinema d'animazione contemporaneo americano attraverso un percorso che consente al lettore di immergersi nelle profondità del mondo fiabesco Disney (quello del reiterato "c'era una volta...") e, in seguito, di prendere consapevolezza del nuovo sguardo digitale targato Pixar (che impone un "c'è oggi..." o un "ci sarà domani"). Ma fate attenzione: il cinema d'animazione non è una "cosa per bambini".

Recensione di Roby Guerra

Nonostante quasi un centenario di Rinascimento Disney, in Italia cartoni animati e cinema d'animazione, fino ai moderni Manga o Anime dagli occhi a mandorla, gira e rigira, resta patrimonio culturale essenzialmente cult, d'avanguardia. Il paleoumanesimo culturale nazionale minimum maximum si limita ancora a certa dignità come Nuova Letteratura per l'infanzia. Questa splendida ricognizione invece, più che mai, sollecita e stuzzica:

tra vero e proprio reportage tecnico storico e elaborazione immaginale e immaginaria contemporanea, è di per sé un film d'animazione diversamente cartaceo, quasi in Realtà aumentata e virtuale: il lettore destinatario quasi come in Johnny Mnemonic o in Nirvana, diventa quasi protagonista esso stesso, proiettato in full immersione nella narrazione superbamente visual.

Ne esita un lavoro dove - appunto- certo nuovo immaginario si disvela sia come quasi Stil Novo per l'infanzia anche digitale, sia come una specie di specchio conoscitivo di certo divenire, attraverso il Cartoons o il Software post Pixar, del Gender pur molteplice, ciberculturale finanche tecnoscientifico.

E' tutto un tourbillon dalla fiaba e la mitologia riformattati, poi dalle grandi intuizioni di Morin (L'Industria Culturale...) e McLuhan (Dall'Occhio all'Orecchio...), in download prima moderni e postmoderni, del mito stesso, oggi moderno, senza mitologia, evocato a suo tempo da un certo Roland Barthes (Miti d'Oggi..).

Ed esattamente, poi, come mito e fiaba e leggende, al di là e al di qua della pur profonda superficie spettacolare, come sempre il presunto mondo incantato si rivela ambivalente, intriso di horror ante e post litteram: d'altra parte perfettamente sincronico con certa quasi danza neuronale terapia, analizzata e auspicata da certa stessa ammaliante psicanalisi culturale (da Bettelheim- Il Mondo Incantato, a M.l. Von Franz, Fiabe Interpretate..., ecc...). Soprattutto matrice dell'autore i lavori sulla Fiaba ecc del celebre Propp. Non ultimo, soprattutto nelle analisi postcontemporanee più recenti, anche i lavori pioneristici di nuovi giovani critici italiani quali Giancarlo Carpi (... Gabriels and the Italian Cute Nymphet) e Marco Teti (Lo Specchio dell'Anime)

La cifra squisitamente postmoderna dell'autore, naturalmente ricombina come opera aperta ogni prevedibile pur attinente rilettura standard: nel volume si focalizzano in particolare diversi capolavori prototipi, dell'era Disney.. e poi dell'era informatica o informagica visto lo scenario....

il libro analizza il fenomeno noto come : La Sirenetta, La Bella la Bestia, Aladdin, Il Re Leone, Pocahontas, Il Gobbo di Notre Dame, Hercules, Mulan, Tarzan... oppure Toy Story 1 e 2, A Bug's life, Alla ricerca di Nemo, Gli Incredibili Cars - Motori ruggenti, Ratatouille ecc.

Coerente con il linguaggio stesso doppio e perturbanete dell'Immaginario, l'autore evidenzia alla luce della mutazione psicosociale se non neoantropoligica in corso, certa fine della cosiddetta Videosfera (Tempi Postumani?) sempre od et amo ludens, tra nuovi incubi a occhi aperti e pure nuove sirene tecnomagiche, riflessi ormai in 3d del/dal nuovo homo technologicus o Bimbo Sapiens Robot...

INFO

https://www.soveraedizioni.com/schedalibro/17183/Tra-Disney-e-Pixar

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento