menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma, Pirandelliana 2015 dal 9 luglio a Sant'Alessio all'Aventino

Siamo ormai giunti alla vigilia della tradizionale, attesa ed importante rassegna teatrale dedicata al grande drammaturgo siciliano, italiano e mondiale (Premio Nobel per la letteratura) Luigi Pirandello: Pirandelliana 2015

Siamo ormai giunti alla vigilia della tradizionale, attesa ed importante rassegna teatrale dedicata al grande drammaturgo siciliano, italiano e mondiale (Premio Nobel per la letteratura) Luigi Pirandello: Pirandelliana 2015

dal 1997 tra le più importanti dell'estate romana, si svolge dal 9 luglio al 9 agosto nel Giardino di Sant'Alessio che dall'alto del Colle Aventino si affaccia maestoso sulla grande bellezza della nostra Città. L'aria che si respira nella rassegna non è mai raddensata, austera, severa: è ironica tragedia e commedia grottesca. È una retrospettiva non abusata, non comune, non scontata, nuova, originale, rara, lontana da certi inattuali ammodernamenti teatrali. Pirandelliana sarà un evento di grande interesse, un innovativo appuntamento nazionale di teatro con parole di energia per la vita, un elegante incontro con la cultura, anche per quei turisti che raggiungeranno Roma dopo l'EXPO Milano 2015. Si inizia il 9 luglio con Sei personaggi in cerca di autore, in scena il martedì, il giovedì, il sabato. In un teatro, una compagnia sta provando Il giuoco delle parti di Luigi Pirandello. Sei persone, il Padre, la Madre, il Figlio, la Figliastra, il Giovinetto e la Bambina salgono sul palcoscenico, raccontano di essere sei personaggi in cerca d'autore rifiutati dallo scrittore che li ha concepiti, chiedono al Capocomico di dar loro vita artistica mettendo in scena il loro dramma; raccontano agli attori la loro storia perché possano rappresentarla. Dopo qualche resistenza, il Capocomico acconsente alla richiesta. Il Padre si è separato dalla Madre, dopo aver avuto da lei un Figlio. La Madre, convinta dal Padre, si ricostruisce una famiglia con un segretario subalterno che lavora in casa loro ed ha da lui tre figli: la Figliastra, la Bambina e il Giovinetto. Morto il segretario, la famiglia cade in miseria. La Figliastra è costretta a prostituirsi nell'atelier di Madama Pace, dove la Madre lavora come sarta e dove il Padre, vecchio cliente, un giorno la conosce. L'incontro viene evitato a tempo per l'intervento della Madre. Tormentato dalla vergogna e dai rimorsi, il Padre porta a casa tutta la nuova famiglia provocando il risentimento del Figlio. La convivenza diventa insostenibile. Gli attori della compagnia teatrale provano a fare il loro mestiere, ma non riescono a rappresentare il reale dramma di quei Personaggi, i loro sentimenti, il vero essere di ciascuno. Tutto appare come falso, con un altro suono le stesse parole! Il dramma culmina nella scena finale in cui la storia finisce in tragedia, senza avere la possibilità di capire se essa sia reale o no: la Bambina annega nella vasca del giardino, il Giovinetto si spara. Finzione o realtà? Atti unici: "L'imbecille", "Bellavita", "L'uomo dal fiore in bocca", "La patente" - in scena il mercoledì, il venerdì, la domenica - debuttano il 10 luglio. L'imbecille: nella redazione di un giornaletto di provincia arriva la notizia della morte di un giovane gravemente ammalato di tisi. Si è suicidato, impiccandosi. Il direttore del giornale commenta cinicamente l'accaduto; sarebbe dovuto andare prima a Roma e uccidere un senatore a capo del movimento politico avversario: Non gli sarebbe costato nulla, neanche il viaggio; glielo avrei pagato io, parola d'onore! Così è morto proprio da imbecille! Luca Fazio, anch'egli malato di tisi, è un giovane studente tornato a morire nel suo paese. Ha con sé una rivoltella con cui intende finirla. Ha ascoltato, nascosto dalla penombra, il commento del direttore; non vuol essere considerato un imbecille come quel povero impiccato. È improvvisa la soluzione pirandelliana! Il giovane racconta di aver accettato l'incarico proprio da quel senatore che sta a Roma: gli ha pagato anche il viaggio per ritornare al suo paese e uccidere il direttore di quel giornaletto di provincia. Bellavita, un debole ometto, marito tradito e deriso, rimasto vedovo, escogita una curiosa vendetta. Pieno di rispetto e di ossequio, si mette a seguire, come un'ombra, quello che fu l'amante di sua moglie con cui vuole condividere il dolore per la perdita della donna che entrambi hanno amato. Nella notte, L'uomo dal fiore in bocca parla con un passeggere che ha perduto il treno, del suo aggrapparsi alla fantasia, come un rampicante attorno alle sbarre di una cancellata. Racconta come si confeziona un pacchetto, lo ha visto fare tante volte dai giovani commessi di negozio. Descrive le sale d'aspetto dei medici dove i clienti sono in attesa del loro consulto. Insorge contro la moglie che lo sta seguendo a distanza, nascondendosi dietro gli angoli delle case. All'improvviso, dice che gli è spuntato in bocca un fiore che ha un nome dolcissimo, più dolce di una caramella. Si chiama epitelioma? Pronunzi, sentirà che dolcezza: epitelioma... La morte, capisce? è passata. M'ha ficcato questo fiore in bocca, e m'ha detto: Tientelo, caro: ripasserò fra otto o dieci mesi. La patente. Gli individui che cadono nell'orbita pirandelliana sembrano ribaltati dalla vita, si ritrovano sul proscenio della loro coscienza assolutamente soli e segnati da un marchio indelebile, perciò nascondono dietro una maschera la loro infinita solitudine. Nella Patente, Chiarchiaro si maschera direttamente, si rinchiude nei panni di uno iettatore, in un involucro difensivo, come in una pattumiera beckettiana, in cui irrigidisce la sua maschera con cui gli altri lo hanno coperto. È un povero padre di famiglia. Lavorava onestamente. Lo hanno cacciato via. Per lui non c'era stato l'articolo 18! Buttato in mezzo a una strada perché jettatore, con la moglie paralitica da tre anni in un fondo di letto e con due figliuole. Chiede al giudice il riconoscimento ufficiale di quella sua potenza terribile che è ormai l'unico suo capitale. Chiede la patente di jettatore con la quale potrà iniziare una nuova vita. Non ci sarà bisogno di dire niente, sa lui come si fa contro tutta questa schifosa umanità! (fonte ufficio stampa Pirandelliana 2015, Valeria Buffoni).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento