Cultura

San Donato Val Comino, Festival delle Storie si chiude con Bartoletti e Pinto

Due spettacoli sulla magia di Roma 1960, avventura straordinaria di un Paese felice di rinascere. Ma c’è tanto altro: la voce storica di Ughetta Lanari, la poesia di Davide Rondoni, miti e leggende del ciclismo.

Due spettacoli sulla magia di Roma 1960, avventura straordinaria di un Paese felice di rinascere. Ma c'è tanto altro: la voce storica di Ughetta Lanari, la poesia di Davide Rondoni, miti e leggende del ciclismo.

Ultimo giorno di Festival delle Storie domani, domenica 4 settembre, a San Donato Val di Comino. Anche quest'anno chiusura in grande stile, con la magica voce di Ughetta Lanari, la criminologa Roberta Bruzzone e le storie olimpiche (ma di Roma 1960) di Marino Bartoletti e Francesco Pinto.

Dopo il pranzo con il Festival (ritrovo all'Agriturismo La Cicala, info e prenotazioni 333.3867927 e 0776.508684), si parte alle 17: appuntamento in largo Lago, ci sono Umberto Mucci - dell'Italian-American Museum di Manhattan - e Alberto Giuffrè. Il racconto degli di un'Italia oltre oceano, ex migranti con la valigia, oggi popolo con la propria identità. Un "giro d'Italia" dentro i confini statunitensi.

Alle 18 l'incontro con il poeta Davide Rondoni e le giornaliste Maria Pia Ammirati e Maria Ranieri Panetta. È l'occasione per riscoprire la storia. Messalina, si racconta, era stata più lasciva di Cleopatra; più dissoluta di Poppea; più intrigante di Agrippina. Verità o damnatio memoriae?

Dietro ogni eroe, dietro ogni epopea c'è una voce. Raccontiamo un volto che si cela dietro una "voce" storica: quello di Ughetta Lanari, la cantrice di "Sfide", un mostro sacro di dizione e doppiaggio. Ci si vede (e ci si sente, in questo caso) alle 19, ancora in largo Lago. Modera Max Veronese.

Alle 20 lo spettacolo teatrale di Emanuele Arrigazzi e Fabio Martiniello Volti: storie e leggende del ciclismo epico. Aneddoti tra mito e leggenda: Sarachet e la sua bicicletta con le ali, Gerbi detto il diavolo rosso, Guareschi e i suoi viaggi in bilico tra realtà e fantasia e naturalmente la rivalità tra Bartali e Coppi, che poi vera rivalità non era.

Alle 21 c'è la criminologa Roberta Bruzzone. Consigli utili per sopravvivere nella giungla dei social media, popolata da varie tipologie di nuovi predatori e di nuove potenziali vittime. Modera Rachele Brancatisano.

Alle 22 Massimo Arcangeli e Roberto Mulas raccontano la mappa, in continua evoluzione, dei muri e confini d'Europa. Muri antichi, muri di cemento, muri di filo spinato, muri di pensiero e muri di parole nei reportages di un critico letterario e di un giornalista di confine.

Quindi spazio allo spettacolo di Marino Bartoletti sulla leggenda di Roma '60: il racconto dell'avventura straordinaria di un'Italia che mette in scena un sogno olimpico per festeggiare la sua rinascita.

A chiudere il Festival, strettamente collegato, lo spettacolo di Francesco Pinto: un lungo viaggio nell'Italia del dopoguerra. Il racconto dei personaggi caparbi e visionari, coraggiosi e divergenti, con il buon senso di saper improvvisare che rivivono nelle pagine della sua trilogia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Donato Val Comino, Festival delle Storie si chiude con Bartoletti e Pinto

FrosinoneToday è in caricamento