Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cultura

Segni, aperti gli stati generali di Slow-Food con la visita al museo archeologico

La Vice presidente Chellini : creare e replicare nelle diverse zone d’italia

E’ iniziata a Segni (Rm) con la visita al Museo Archeologico la terza edizione degli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino, manifestazione ideata e realizzata da Slow Food Italia che si svolge ogni due anni (la prima edizione nel 2013 in Emilia Romagna, la seconda nel 2015 in Molise) e che riunisce agricoltori, allevatori, artigiani, rappresentanti di consorzi provenienti da tutta la fascia appenninica, per ribadire che solo con un modello di agricoltura collettiva è possibile parlare di futuro, con l’obiettivo dichiarato di rilanciare una nuova stagione di rinascita sociale, economica e di riconquista del tessuto di cultura e tradizioni dei territori della dorsale italica.

Oltre un centinaio di delegati

L’evento, che per la prima volta si svolge sui Monti Lepini e gode della preziosa collaborazione della Compagnia dei Lepini è iniziato con i saluti istituzionali del sindaco di Segni Maria Assunta Boccardelli, che si è detta onorata di ospitare i circa 100 delegati da diverse regioni d’Italia e del Presidente della Compagnia dei Lepini Quirino Briganti, accompagnato dall’On. Renzo Carella e dal Sindaco di Carpineto Matteo Battisti. 

Tre tavoli di confronti  oggi a Fossanova

Sabato all’interno del Welcome Point di Fossanova, saranno impegnati sui tre tavoli di lavoro tematici dedicati rispettivamente ad ambiente e agricoltura, turismo e reti sociali, innovazione e ricerca, dove i delegati condivideranno problematiche ed esempi concreti delle iniziative attivate lungo tutto l’Appennino: il recupero dei grani antichi, la gestione sostenibile della foresta e la riforestazione, il ruolo delle cooperative di comunità e i casi virtuosi di imprenditorialità al servizio della montagna.

Chellini: Per approfondire le progettualità degli appennini

Soddisfazione per l’apertura della manifestazione è stata espressa da Sonia Chellini, vicepresidente di Slow Food Italia: “E’ un impegno da parte di Slow Food che si consolida e approfondisce ancora di più le progettualità già esistenti in Appennino. La conoscenza di quello che si riesce a creare consente la replicabilità degli stessi progetti, che è la forza di questa iniziativa”.

La degustazione dei prodotti

La degustazione dei prodotti è iniziata con una cena nell’Hotel La Pace, dove sono alloggiati alcuni delegati, iniziata con una zuppetta di legumi con lenticchie e funghi porcini ( lenticchie bio tenuta Zolla- loc. Marzano, di Segni; il primo di Ravioli al cacio di Morolo e crema di Chiacchetegli (presidio Slow-Food) Chiacchietegli Az. Neroni di Priverno. Cacio di Morolo stagionato 18 mesi dell’Azienda di Massimiliano Scarchilli di Morolo). Secondo: Filetto alla Giulio Cesare e agnello dei Monti Lepini alla scottadito. Dolce Monte Bianco il tutto abbinato ai vini Kius Brut Carpineti – Cori, Cesanese del Piglio DOCG e Passerina valle az. Pileum Piglio.

Domenica a Carpineto Romano arriverà il Presidente Zingaretti

Intanto è arrivata la conferma che domenica mattina a Carpineto, sede della assemblea plenaria che raccoglierà i documenti riassuntivi dei tavoli di lavoro e avrà come focus la pastorizia, asse portante delle economie e delle relazioni tra popolazioni montane, saranno presenti il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ed il Presidente di Slow Food Italia Gaetano Pascale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segni, aperti gli stati generali di Slow-Food con la visita al museo archeologico

FrosinoneToday è in caricamento