Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cultura Serrone

Serrone, una mostra e il logo del Maestro Dario De Blanck per il 29^ “Rocca D’Oro”

E' ripartita l'organizzazione del prestigioso Premio che si svolgerà domenica 24 giugno nella caratteristica "piazzitella"

E’ partita a Serrone la grande macchina organizzativa per la celebrazione del 29esimo Premio Internazionale Professionalità “Rocca D’oro” il cui logo di questa edizione è stato realizzato dal grande maestro Dario De Blanck y Menocal, allievo prediletto di Marc Chagall, scomparso qualche anno fa.

La manifestazione fissata per il 24 giugno prossimo si svolgerà  nella caratteristica “Piazzitella” del borgo che sta per compiere i suoi primi mille anni di vita  e alla presidenza della Giuria è stato confermato il Gen. Carlo Felice Corsetti.

Nello sfogliare il nostro libro “La Pace Spunta a Serrone” del 2008, abbiamo riletto la storia del 1999 e ci siamo accorti  che il maestro De Blanck quando venne a Serrone a ritirare il premio “Rocca D’Oro” (che  lo abbiamo ritrovato nella sua abitazione), realizzò un  logo  sul premio su carta con alcuni pastelli che aveva in tasca durante la cena  caratteristica servita in costume ciociaro, in Piazza Plebiscito, che noi abbiamo tenuto gelosamente custodito. Poiché sono trascorsi 5 anni dalla sua prematura morte, abbiamo chiamato con il nostro collega spagnolo, Roberto Simon amico di famiglia  la moglie artista come il marito, la signora Jacqueline Nakash de Blanck y Menocal  che, oltre a dare il consenso, metterà a disposizione le stampe litografiche  e qualche quadro, dell’ultima mostra tenutasi a Roma nel 2000 con  i quadri  di rara bellezza definita : “allora unica espressione dell’arte contemporanea, mondiale, oggi  ”!

premio rocca d'oro

Che saranno messe in mostra a Serrone, dal 23 Giugno per tutta l’estate, fino al 30 Agosto,  per il quale sarà creato, da questa Associazione culturale “ Rocca D’oro” e con quanti vorranno partecipare  un grande evento culturale visto lo spessore internazionale dell’artista.  Dal catalogo di quella mostra abbiamo ulteriormente capito, l’importanza internazionale dell’artista  Dario de Blanck y Menocal   che è stato il Gran Ministro di Stato del Supremo Consiglio Unito d’Italia 33° l’Uomo, l’Artista, il Massone Dario, ultimo rampollo di una celebre e nobile dinastia di uomini politici, diplomatici ed artisti. Ha lasciato la moglie, la Contessa Jacqueline, alla quale aveva dedicato la sua vita di compagno e di artista. Giorgio De Chirico lo definì “un archeologo dei meandri dell’inconscio”; artista poliedrico e poliforme, ancorato alla tradizione artistica del surrealismo, allievo prediletto di Marc Chagall, trova in Winston Churchil il suo scopritore. Celebre il suo affresco all’ingresso del Palazzo di Vetro all’ONU a New York sui Diritti dell’Uomo.  Il suo profondo cammino esoterico lo ha portato a conoscenze e percorsi di altissimo livello iniziatico. Si dedica allo studio delle forze energetiche superiori, partendo dall’assunto “Così in alto, così in basso. Così nel grande, così nel piccolo”.

Ed abbiamo appreso di lui hanno scritto: San Giovanni Paolo II, Unesco,  Joan Mirò, Giuseppe Prezzolini,  Peggy Guggenheim, Giorgio De Chirico, Vittorio Sgarbi, il premio nobel per la Filosofia Jean Hernry Gamet, il Premio Nobel per la letteratura Saul Bellow,  Pierre Georgel (direttore dei musei nazionali di Francia) Nowaffak Allaf  (direttore Generale aggiunto delle Nazioni Unite di Ginevra  e Giulio Carlo Argan che lo ha definito “pittore onirico, che realizza dei capolavori di eccezionale interesse” e di tantissime altre personalità del mondo della cultura mondiale.

De Blanck  a tenuto numerose personali in diversi musei del mondo, dove ha lasciato il segno del suo passaggio, a cominciare dal Metropolitan  Museum  Of art di New York, nel museo Nazionale de Arte Moderna di Madrid, Parigi, Miami, Malta, Osaka, Panama, Washington, California, Berlino e in tantissimi altri paesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serrone, una mostra e il logo del Maestro Dario De Blanck per il 29^ “Rocca D’Oro”

FrosinoneToday è in caricamento