Sora, inaugurazione della mostra dello scultore Giuseppe De Donatis

Durante l'inaugurazione ufficiale il Maestro De Donatis si racconterà in un’intervista, svelando segreti professionali e aneddoti significativi

Sarà inaugurata sabato 2 dicembre 2017, alle ore 17, la Mostra “Giuseppe De Donatis, lo Scultore”. In un suggestivo percorso, all’interno della Biblioteca Comunale, nello storico palazzo in Piazza San Francesco, sarà possibile ammirare i lavori del Maestro De Donatis, realizzati nei 70 anni della sua carriera.

Nato a Sora nel 1936, Giuseppe De Donatis ha iniziato subito a lavorare all’interno del laboratorio di suo padre Vincenzo, affermato scultore sorano del legno. Con il padre realizzò, a soli 14 anni, il coro in legno nell'abbazia di Casamari. Da allora la brillante carriera artistica non si è mai fermata, proseguendo per 70 anni. La mostra ripercorrerà la carriera dell’intagliatore e sarà visitabile fino a domenica 17 dicembre con ingresso libero.

La cerimonia di inaugurazione si terrà alle ore 17, presso la Sala “Simoncelli” della Biblioteca Comunale. Dopo gli interventi delle autorità, il Maestro De Donatis si racconterà in un’intervista, svelando segreti professionali e aneddoti significativi. Seguiranno la visita della mostra ed, alle ore 18, un omaggio musicale nella Sala Consiliare del palazzo comunale.

La mostra è un’iniziativa itinerante e, dopo il Comune di Sora, sarà ospitata da Frosinone, Arpino, Isola del Liri e dall’Abbazia di Casamari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento