Trivigliano, presentato il libro “Monsignor Alessandro Avòli – Un Triviglianese a Roma”.

Nella chiesa Parrocchiale di Trivigliano, Luigi Potenziani, Presidente dell’Associazione “Testimoni d’un amore che vive”, ha presentato il libro “Monsignor Alessandro Avòli – Un Triviglianese a Roma.

trivigliano panor

Nella chiesa Parrocchiale di Trivigliano, Luigi Potenziani, Presidente dell’Associazione “Testimoni d’un amore che vive”, ha presentato il libro “Monsignor Alessandro Avòli – Un Triviglianese a Roma.

Il libro non affatto voluminoso, via via che si procede nella lettura, da opera leggera e accattivante si trasforma in un testo argomentativo in cui si palesa alla comunità la necessità di custodire le proprie radici, anche attraverso la conoscenza e l’apprezzamento delle opere degli autori del luogo come esempi di contributi al progresso umano e motivi di orgoglio per i posteri.

L’autore afferma che la giusta notorietà di monsignor Alessandro Avòli, stante la sua vasta opera culturale e pastorale, i prestigiosi incarichi che gli sono stati affidati, i riconoscimenti che ha ottenuto sia dal mondo religioso,(come la direzione dell’Istituto Massimo di Roma e la designazione tra i personaggi che in nome del papa Pio X nella visita pastorale svolgevano la visita pastorale in Roma nel 1904) ,che da quello civile (come la dedica di una via nel quartiere di Monte Mario a suo nome nel 1921) se da una parte dà lustro a Trivigliano contrasta, però, con la quasi totale mancanza di conoscenza al riguardo da parte della cittadinanza.

Conclude, pertanto, che le molteplici attuali attività culturali operanti nel territorio di Trivigliano, tendenti a ricuperare i valori e le radici comuni, inducono i singoli e le associazioni a essere orgogliosi del proprio passato e dei propri avi ove essi costituiscano esempi positivi, modelli da imitare per se stessi e per i propri figli. Infatti, – si legge nella copertina posteriore del volumetto- è nella collaborazione delle intelligenze del luogo che la comunità si manifesta veramente tale: ciascun fiore è bello; ma nella fioriera, pur conservando e manifestando la propria bellezza, ciascuno arricchisce quella degli altri.

E tutti insieme diventano una comunità che, a sua volta, se si apre alle altre, fa cultura.

Giorgio Alessandro Pacetti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento