Unicas, 'Museo Facile' è il vincitore del Premio Nazionale Inclusione 3.0

Il progetto "Museo Facile. Sistema integrato di comunicazione e accessibilità culturale" si propone di favorire l’accesso culturale ai musei grazie ad un sistema di comunicazione integrata, dinamica e comprensibile da tutti i tipi di pubblico

Si è svolta il 27 novembre, presso l’auditorium dell’Università di Macerata, la cerimonia di consegna del Premio Nazionale Inclusione 3.0, giunto alla terza edizione. Coordinato da Catia Giaconi, docente di didattica e pedagogia speciale dell’Università di Macerata, il premio mira alla valorizzazione delle associazioni e delle organizzazioni che hanno realizzato progetti inclusivi, sia in ambito nazionale che internazionale.

Museo Facile. Sistema integrato di comunicazione e accessibilità culturale, responsabile scientifico: Ivana Bruno (Dipartimento di Lettere e Filosofia, UNICAS), vince nella sezione “Arti e Inclusione”. Nato all’interno dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale come progetto pilota volto alla comunicazione e all’accessibilità culturale, Museo Facile si propone di favorire l’accesso culturale ai musei grazie ad un sistema di comunicazione integrata, dinamica e comprensibile da tutti i tipi di pubblico.

Sentiti i ringraziamenti della professoressa Ivana Bruno, ideatrice del progetto Museo Facile, che ha evidenziato l’attenzione costruttiva che l’Università di Macerata riserva all’accessibilità e all’inclusione. Tematiche che sono al centro delle iniziative culturali di Museo Facile, ideato come progetto di squadra all’interno di una fitta rete di relazioni tra istituzioni diverse: l’Università degli Studi di Cassino, il MiBACT, l’Istituto Statale per Sordi di Roma e la Federazione Nazionale Pro Ciechi. Un progetto nel quale fin dall’inizio sono state messe in campo competenze diverse, attraverso un confronto interdisciplinare che si è rivelato prezioso per far crescere tutto il gruppo di lavoro, di cui una parte cospicua è rappresentata da studenti. Imparando a guardare il pubblico dei musei con occhi diversi, i visitatori che vivono situazioni di disagio sono diventati per Museo Facile veri e propri portatori di competenze, parte attiva nella creazione di strumenti e apparati volti a migliorare la fruibilità dei luoghi d’arte.

Le strategie messe in campo dal progetto si sono concretizzate nella creazione di sussidi alla visita (cartellino dell’opera, pannello informativo, scheda di sala, segnaletica interna) dotati di maggiore funzionalità ed efficacia comunicativa, integrati con specifici ausili (tavole tattili e altri strumenti tiflodidattici) per i visitatori con disabilità visiva e uditiva, al fine di prestare attenzione alle specifiche esigenze dei diversi pubblici. Importanti sono le iniziative in corso, curate dal Corso di Alta Formazione  ‘Accessibilità Museale, Strumenti e Tecnologie Assistive’, con il coordinamento della prof.ssa Ivana Bruno, volto a realizzare strumenti e tecnologie assistive per pubblici svantaggiati.  

Un impegno costante, quello di Museo Facile, che ha permesso al progetto di distinguersi per la qualità delle proprie iniziative.

Sul progetto:

https://www.facebook.com/museofacile/

https://www.unicas.it/siti/laboratori/museo-facile

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dettagli del tentato omicidio. Dopo la discussione, lo sparo alla testa mentre era in auto

  • Cassino, gli arriva una cartella da oltre 1000 euro dopo una firma di un corriere

  • Alatri, Giancarlo Straccamore trovato morto nella sua abitazione

  • Omicidio Mollicone, Lavorino alle Iene: "Serena uccisa dal brigadiere Santino Tuzi"

  • Raid notturno a casa della fidanzata dell'albanese che ha sparato ad un suo connazionale

  • Buone notizie per l’ospedale di Frosinone, ostetricia e ginecologia premiati con due bollini rosa

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento