Valmontone, rivive la sacra rappresentazione del Venerdì Santo

Domani, sabato 24 marzo, e venerdì 30 marzo Valmontone torna a vivere la Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo, la più antica manifestazione culturale e religiosa della città, da oltre un secolo organizzata dal Comitato coordinato dalla Parrocchia di Santa Maria Maggiore con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

Il commento del sindaco Latini

Due appuntamenti – spiega il sindaco Alberto Latini per consentire a tutti di partecipare a questa rappresentazione così toccante della Passione di Cristo, un punto di riferimento per tutto il territorio che dà grande lustro alla nostra città”. In piazza Umberto Pilozzi saranno circa 150 i cittadini che, dopo aver provato per mesi le scene e indossando dei costumi molto preziosi, rappresenteranno i principali episodi del Nuovo Testamento, con particolare attenzione alle ultime ore di vita del Cristo: l’Ultima cena, l’orto degli ulivi, Caifa e il Sinedrio, Ponzio Pilato, e la via Crucis fino alla resurrezione. “Un grazie particolare – precisa il sindaco Latini – va a tutti coloro che, ogni anno, rendono possibile questa bellissima manifestazione: da don Marco, parroco di Santa Maria Maggiore, a don Paolo, della parrocchia San Sebastiano Martire e don Giorgio, della parrocchia Sant'Anna. Importantissimo è il lavoro che fanno i volontari del Comitato presepio vivente e dell'Associazione Proloco insieme a tanti altri che, per questa circostanza, si mettono a disposizione per dare un aiuto. Tra questi, ma ormai non è più una novita, anche Simone Belli, noto nel mondo per essere make-up artist di “L’Oréal Paris” nonché il truccatore di attrici come Monica Bellucci e Sharon Stone che, da concittadino che ama la propria città, è felice di mettersi a disposizione della manifestazione per rendere ancora più speciali i personaggi in scena. Un altro grazie, infine, lo meritano costumisti e scenografi, che lavorano dietro le quinte, nonché croce rossa e protezione civile che ci aiutano affinché le serate riescano nel modo migliore”.

La storia della rappresentazione

Vale la pena ricordare che, istituita nel 1903 da don Angelo Fortuna, la “Processione di Cristo Morto” diventò presto il culmine delle cerimonie religiose della Settimana Santa. Nel 1989 e nel 2008, la Sacra Rappresentazione è stata messa in scena nella città spagnola di Benifayò, gemellata con Valmontone. Dal 1994 l’evento viene rappresentato nel centro storico con l’installazione di tribune per il pubblico e palchi per la recitazione. In occasione del centenario (2003) la Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo si è svolta nelle vie del paese, fondendo la tradizione della Processione del Cristo Morto con quella della rappresentazione scenica.

In occasione della Pasqua 2018, la Sacra Rappresentazione torna in scena con due diverse serate, entrambe alle 21.00 in piazza Umberto Pilozzi: sabato 24 marzo e Venerdì Santo 30 marzo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Passeggiando per Ferentino

    • 7 dicembre 2020
  • Dalle Cascate del Liri all’Abbazia di San Domenico

    • 6 dicembre 2020
  • Merry Kids-Mas

    • Gratis
    • dal 28 novembre al 15 dicembre 2020
    • locali dell' ex Mattatoio (Ass. Rione Giardino)

I più visti

  • Passeggiando per Ferentino

    • 7 dicembre 2020
  • Dalle Cascate del Liri all’Abbazia di San Domenico

    • 6 dicembre 2020
  • Merry Kids-Mas

    • Gratis
    • dal 28 novembre al 15 dicembre 2020
    • locali dell' ex Mattatoio (Ass. Rione Giardino)
  • Cassino, "Abitò Con Sé Stesso"

    • dal 17 ottobre 2020 al 28 marzo 2021
    • Museo dell'abbazia di Montecassino
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FrosinoneToday è in caricamento