Veroli, il sarcofago di epoca romana da piazzale Vittorio Veneto ora al museo civico archeologico

Di probabile produzione locale, realizzato in pietra calcarea, il sarcofago è stato ritrovato poco più di settant’anni fa

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A poco più di settant’anni dal suo rinvenimento, il sarcofago di epoca romana ospitato nel piazzale Vittorio Veneto, sul retro del monumento ai caduti, trova finalmente idonea collocazione nell’ambito del nuovo allestimento del museo civico archeologico di Veroli, di prossima inaugurazione. Ritrovato nel 1947 lungo la direttrice di collegamento tra le contrade Santa Francesca e Fontana Fratta, il manufatto costituisce importante testimonianza della presenza di un’area funeraria di epoca romana lungo l’attuale via Case Branca.

Di probabile produzione locale, realizzato in pietra calcarea, il sarcofago si caratterizza per la cassa liscia parallelepipeda ricavata in un unico blocco (cm 210 x 73 x 60) e coperchio a doppio spiovente. Il materiale lapideo presenta alterazioni fisiche e chimiche della superficie dovute alla prolungata esposizione all’aperto; ai naturali processi di degrado determinati da attacco biologico e inquinamento, si aggiungono quali cause del precario stato di conservazione i danneggiamenti dovuti ad atti vandalici. L’opportuno trasferimento nei locali del museo, a fini di tutela, ha consentito l’avvio dell’intervento di restauro conservativo – affidato alla dott.ssa Federica Valente (Zovini s.r.l.), sotto l’alta sorveglianza scientifica del funzionario archeologo della Soprintendenza, dott.ssa Daniela Quadrino - che consentirà di eliminare anche le numerose superfetazioni in materiale cementizio, applicate in epoca recente. Le prospettive di ricerca prevedono lo studio di carattere storico-artistico e tipologico e l’analisi petrografica della pietra calcarea, utili a chiarire la cronologia del pezzo. 

Gli interventi rientrano nell’ambito dei progetti di valorizzazione del patrimonio archeologico verulano, avviati grazie alla sinergia tra la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti diretta dalla dott.ssa Paola Refice e l’amministrazione comunale del Sindaco Avv. Simone Cretaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento