"Una giornata normale" il corto che sconfigge i pregiudizi sulla sindrome di Down (video)

Le motivazioni del primo premio al concorso '10° minuto, storie di sport in 10 minuti': "Una giornata normale, è vita che scorre nelle bracciate regolari, eleganti di un grande nuotatore e nel sorriso che dona"

La sveglia che suona di buon mattino, gli allenamenti di nuoto, la sua grande passione, il lavoro in un bar, l'uscita con gli amici, una birra in pizzeria. Raccontata così sembra essere la giornata normale di un ragazzo. Si tratta invece della trama del cortometraggio che ha vinto il primo premio del concorso 10° minuto, storie di sport in 10 minuti, che si è svolto a Veroli nell'ambito della prima edizione del Festival nazionale dello sport raccontato Calcio e Terra.

Il messaggio

Protagonista del corto biografico è Paolo Alfredo Manauzzi. Un atleta nato con la Trisomia 21, ma ciò non gli ha impedito di diventare primatista mondiale farlalla con il record di 1 min, 15 sec e 76. Il video, la cui sceneggiatura è a cura di Thaira Mangiapelo, presidentessa dell'associazione. ha lo scopo di far riflettere senza retorica, pietismo e banalità sul tema dell’inclusione, della diversità e del rispetto. Un cortometraggio di sensibilizzazione ed informazione su cosa è e non è la Trisomia 21, per evidenziare cosa le persone con sindrome di Down possono fare e raggiunfere traguardi  con i giusti mezzi messi loro a disposizione, sperando che un giorno questa Giornata diventi, davvero, una giornata normale.

Le motivazioni della premiazione

"Inizia come una giornata normale, la vita di un'atleta, Speciale, la qualità del tempo che scorre secondo un ritmo scandito dalle attività che si svolgono regolari e costanti. Un tempo percepito nel suo lento fluire, quasi un elogio. La regia sensibile, partecipata porta lo spettatore dentro la vita di Paolo, che è il protagonista, e non lo lascia più uscire fino al meraviglioso messaggio finale che rimanda all'autodeterminazione, all'importanza delle scelte della vita di ognuno. Una giornata normale, è vita che scorre nelle bracciate regolari, eleganti di un grande nuotatore e nel sorriso che dona".

La dedica di Thaira

"Vincere questo premio è un omaggio a Paolo e segna la vittoria per tutte quelle persone che hanno coraggio e che affrontano la disabilità come una nuova opportunità. Dedico questa vittoria a Paolo, a mio figlio Stefano e a tutti i professionisti e Federazioni sportive che formano seriamente dei professionisti che insegnano lo sport in forma compiuta ovvero con le regole che gli sono prorie alle perosne con disabilità".

Soggetto e sceneggiatura Thaira Mangiapleo, montaggio e sonorizzazione Giacomo De Angelis (Studio d’arte Spazio Monoscopio Frosinone), produttore esecutivo Gianmarco Testani (Spazio Monoscopio).

La trama l'abbiamo raccontata, a voi scoprire il finale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento