Venerdì, 24 Settembre 2021
Cultura Vico nel Lazio

Vico nel Lazio, la tradizione del 25 aprile e il falò di S. Marco

Un enorme fuoco acceso nel piazzale San Giorgio acceso quest'anno dal sindaco cav. Claudio Guerriero e dall' On. Buschini

Il falò è un enorme fuoco che si accende nel piazzale San Giorgio preparato dai cittadini di Vico con le potature degli alberi delle olive ed altri materiali legnosi, anche quest'anno importante è stato il contributo degli extracomunitari che hanno pulito la pista ciclabile, che parte dalla Fontana la Macchia fino al Campeggio di Collepardo, e l’Oasi del Capriolo dai rovi delle piante di quercia portandoli poi al falò.

La storia

Una volta per realizzare il falò si andavano a tagliare i ginepri in montagna e arrivati in paese si prendeva un bicchierino di marsala e si ripartiva per un nuovo viaggio. Questo grande fuoco, come dice un vecchio rito pagano, serviva per allontanare gli spiriti e per dare inizio alla primavera; infatti gli anziani del paese raccontano che subito dopo il falò di San Marco finisce l'inverno e inizia l'estate, questa tradizione inoltre dice che finisce la transumanza e iniziano a tornare i pastori dall'agro pontino dove avevano portato le pecore al pascolo durante l'inverno.

L'accensione del fuoco

Quest'anno il bel tempo ha fatto sì che ci fossero molti cittadini di Vico e anche dei paesi limitrofi come Collepardo e Guarcino, l'accensione del falò ogni anno viene eseguita dal sindaco di Vico Cav. Claudio Guerriero e da personaggi importanti del nostro territorio; quest’anno l’accenzione è stata eseguita dal consigliere regionale nonché capogruppo del Partito Democratico alla regione Lazio, l’onorevole Mauro Buschini, il quale è rimasto molto soddisfatto per la forte presenza dei cittadini. L’accensione del Falò è stata allietata quest’anno dagli organetti e dai balli del Gruppo Folk le Venticinque torri di Vico nel Lazio.

Il commento dell' On. Buschini e del sindaco Guerriero

L’onorevole Buschini parlando con i cittadini ha detto che questo evento è una tradizione bellissima, che simboleggia il ritorno al paese dalla transumanza; è un'antica tradizione che dobbiamo portare avanti, potenziare e trasmettere alle generazioni future. Si è detto onorato di aver ricevuto l’invito da parte del sindaco per accendere il meraviglioso falò che per Vico è un antico rito che dà il via al ritorno dei pastori e cosi il piccolo ma bellissimo centro torna a riempirsi dei cittadini che lavorano fuori e tornano a Vico per l’estate. Il sindaco ha ringraziato tutti per la presenza, ha ringraziato tutte le persone che si sono impegnate nella realizzazione del falò, il gruppo folk che con i loro balletti hanno allietato la serata e infine ha ringraziato anche l'onorevole Buschini per la sua presenza. 

Adesso Vico vi aspetta tutti per il primo maggio, per l’apertura del mese mariano e per la 15° Sagra degli gnocchi al sugo di pecora presso il santuario della Madonna del Campo alle pendici del monte Monna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vico nel Lazio, la tradizione del 25 aprile e il falò di S. Marco

FrosinoneToday è in caricamento