Frosinone, Lunedì ecologico, Ottaviani: cresce la coscienza dell’ambiente

Il lunedì ecologico si è concluso con risultati apprezzabili sotto il punto di vista della coscienza collettiva, circa la necessità di abbattere le emissioni inquinanti del PM10 all'interno della città di Frosinone.

Il lunedì ecologico si è concluso con risultati apprezzabili sotto il punto di vista della coscienza collettiva, circa la necessità di abbattere le emissioni inquinanti del PM10 all'interno della città di Frosinone. Dopo le 25 infrazioni al codice della strada di domenica 22, nella giornata di lunedì sono state riscontrate soltanto 5 violazioni delle disposizioni di bonifica dell'aria, mentre la chiusura straordinaria, per un giorno, di tutti gli edifici scolastici ha contribuito, necessariamente, ad abbattere i livelli di particolato, ristagnanti sul territorio. L'Associazione dei medici di famiglia per l'ambiente, inoltre, ha supportato il weekend ecologico, mettendo a disposizione una centralina nella zona di via Aldo Moro, in grado di registrare le oscillazioni orarie dei livelli di inquinamento, proprio al momento in cui è stato bloccato, per dieci ore, nei due giorni, il traffico veicolare all'interno della zona a circolazione limitata. Sono state 15, poi, le famiglie che hanno utilizzato la struttura della ludoteca pubblica gratuita, all'interno del palasport, messa a disposizione dall'amministrazione comunale per mamme e papà che non avevano possibilità di assistenza alternativa per i propri figlioli, nella mattinata di chiusura dei plessi scolastici. “I dati che si stanno elaborando, anche grazie all’ausilio di alcuni medici volontari - ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - dimostrano, in modo inequivocabile, come i livelli di PM10 si abbassino nella ztl proprio nelle fasce orarie in cui è stata bloccata la circolazione, per poi risalire nella fascia oraria compresa tra le 20 e le 23, quando i riscaldamenti civili vengono sfruttati al massimo. Gli elementi tecnici saranno confrontati nelle prossime ore anche con i responsabili dell’Arpa, per riuscire a trovare rimedi che, pur non essendo risolutivi, siano in grado, comunque, di far rientrare i valori negli indici di tolleranza. Sicuramente, la limitazione del traffico e dei riscaldamenti crea disagi, ma le famiglie della nostra città hanno dimostrato una grande crescita di mentalità culturale e collettiva, mettendo al primo posto il diritto alla salute rispetto a tutto il resto. Una volta si parlava del diritto alla salute delle generazioni future, oggi siamo costretti a confrontarci con il diritto alla salute, delle generazioni del presente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento