Zebra uccisa nello zoo in Norvegia: un atto vile e disumano

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Animalisti Italiani pronti a manifestare davanti l'Ambasciata di Norvegia Roma, 29 aprile – Nel civile Nord Europa succede ancora, un altro animale detenuto in cattività e sacrificato perchè in esubero. Questa volta in...

Zebra uccisa Norvegia

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

Animalisti Italiani pronti a manifestare davanti l'Ambasciata di Norvegia

Roma, 29 aprile – Nel civile Nord Europa succede ancora, un altro animale detenuto in cattività e sacrificato perchè in esubero. Questa volta in Norvegia, precisamente nel Kristiansand Dyrepark, una zebra è stata uccisa e data in pasto alle tigri perchè ritenuta di troppo.

Non è il primo ed isolato caso, purtroppo, già la Danimarca nel febbraio 2014 aveva adottato una prassi discutibile riguardo gli animali “in più” all'interno dello zoo di Copenaghen. Marius, la piccola giraffa nata da un rapporto endogamico, sezionata e data in pasto ai leoni. Il leone che nell'ottobre 2015 ha subìto anch'egli la stessa sorte, ed altrettanti animali, hanno trovato nella cattività la loro macabra fine.

Questi episodi, secondo il parere di chi lavora all'interno di queste strutture, hanno un valore altamente educativo e scientifico. L'Ass.ne Animalisti Italiani Onlus condanna fermamente tali pratiche vergognose in quanto indegne di un paese che vuole definirsi civilizzato, e che offre uno spettacolo macabro e diseducativo nei confronti dei minori, i quali inevitabilmente, recepiscono un messaggio di violenza, da attuare non solo verso gli animali, ma anche verso i propri simili.

“Provo profondo disgusto per la vicenda di questa povera zebra – asserisce il Presidente Walter Caporale – se solo lo zoo avesse avuto la decenza di inoltrare un'istanza per la ricollocazione dell'animale, ci saremmo presi carico della questione trovando un centro di recupero adeguato. Per il futuro auspichiamo di essere tenuti in considerazione per evitare ulteriori barbarie e la sofferenza, inutile, di altrettanti animali”.

“Già in passato avevamo preso accordi con il Bioparco di Roma, dopo l'orrore perpetrato nello zoo di Copenaghen. A seguito di azioni dirette davanti l'Ambasciata danese, e accordi con l'ambasciatore stesso, eravamo riusciti a giungere ad un'intesa per la salvaguardia degli animali in esubero. Purtroppo questi eventi continuano invece ad accadere, e non fanno altro che esternare un insegnamento snaturato nei confronti del benessere animale”. Questo il pensiero del Vice Presidente PierPaolo Cirillo.

L'Ass.ne Animalisti Italiani Onlus scenderà in piazza per mostrare il proprio sdegno il prossimo 4 maggio alle 11 presso l'Ambasciata di Norvegia, con la volontà di incontrare l'ambasciatore per discutere in maniera approfondita dell'accaduto, contando di trovare alternative adeguate per il futuro. Inoltre, invita i cittadini italiani a prendere posizione attivamente, non solo partecipando alla manifestazione, ma inviando anche una lettera di protesta all'Ambasciata contro questo atto sanguinario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento