Politica Anagni

Anagni, Mimmo Beccidelli "scarica" il sindaco Bassetta: "una squadra di governo inadeguata"

L’ispiratore di Progetto Anagni, in un incontro pubblico, prende le distanze dal primo cittadino. Ora ci si chiede il "colonnello" ha le basi numeriche per andare avanti?

Mimmo Beccidelli, l’ispiratore della lista civica Progetto Anagni che ha eletto nelle ultime amministrative ben 5 consiglieri in maggioranza, da il benservito a Bassetta ma "non per colpa sua ma per la squadra che non funziona" rinnegando anche i suoi.

Non abbiamo saputo affiancare il Sindaco Bassetta

“Noi abbiamo una grande risorsa, ma soprattutto non abbiamo una buona squadra che segue il sindaco. Io sono uno - spiega Mimmo Beccidelli coordinatore di Progetto Anagni- che ero partito per fare un’ottima squadra, però non siamo riusciti ad impegnare bene il nostro sindaco, che io rispetto molto ed ho pregato di ritirare le dimissioni perché speravo nel bene della città. Dopo il rimpasto, però, non posso non notare che ha una squadra poco adatta a guidare la città ed ho colto un disagio politico sui temi che portavamo noi”.
Una dura presa di posizione proprio davanti al Sindaco Fausto Bassetta, seduto in prima fila affianco al Sindaco di Morolo Antonio Corsi (che ha poi parlato dei problemi ambientali del fiume sacco), che dopo questa “romanzina” si è allontanato "ufficialmente" per altri impegni.

Assenti quasi tutti i consiglieri comunali di progetto Anagni

Nell'incontro, però, erano assenti gli altri consiglieri della sua lista:  Paolo Lanzi, Alfredo Cicconi, Chiara Salvatori, Giuseppe Felli e l’assessore Simone Pace  vi era solamente Fabio Roiati.  Che cosa significa questo. Che Beccidelli è un suonatore senza orchestra? Staremo a vedere cosa accadrà nei prossimi giorni.

Ci vogliono persone di qualità

Beccidelli ha poi illustrato che il suo modo di fare politica al servizio della città con persone di "qualità", con un programma ben definito che deve essere portato a termine dove si affrontano i temi: della Salute (ospedale di Anagni),  ambiente (Fiume Sacco) e lavoro ed ha denunciato il fatto che a lui come imprenditore arrivano un mucchio di curricula di persone per essere assunte nelle sua azienda.

Marco Bracci e Roiati lanciano il sasso e si ritirano 

Ad ascoltare Beccidelli vi era anche il dott Marco Bracci il quale quando ha capito che si stava parlando di politica si è alzato ed è andato via perchè:  “io sono stato votato per la  professione di medico e per aiutare gli altri con fede cristiana”.  C’era anche il dott. Roiati che ha toccato il problema della sanità e che si dice “molto rammaricato della decadenza dell’ospedale di Anagni, dove arrivano questi vecchietti lasciati nella lettiga del corridoio senza bagni. Noi dobbiamo avere un vero interlocutore.  Purtroppo sono stati buttati tanti soldi, che invece avrebbero risolto tutti i problemi di Anagni”.

Leandro Giuliani d’accordo con Beccidelli

Molto limpido, politicamente parlando, il discorso di Leandro Giuliani che ha confermato di essere socialista che ha evidenziato come Progetto Anagni “abbia preso le distanze che vengono confermate e che si deve creare un nuovo contenitore civico politico per il futuro".

Domenico Beccidelli-2

8 novembre consiglio comunale

Intanto è stato convocato Il consiglio comunale che si riunirà mercoledì 8 novembre alle ore 16.30 nella Sala della Ragione per discutere otto punti all'ordine del giorno. I lavori inizieranno con l'elezione del presidente dello stesso Consiglio comunale, carica vacante a seguito della nomina di Giuseppe Felli ad assessore. 
Seguiranno i punti: modifica dell'art. 36 del regolamento comunale sulle aree pubbliche con individuazione in via sperimentale delle aree da destinare ai produttori agricoli; progetto del nuovo impianto di depurazione in località San Bartolomeo; approvazione del regolamento in materia di accesso documentale, accesso civico e accesso civico generalizzato; approvazione regolamento comunale per la gestione delle richieste di risarcimento danni da responsabilità civile verso terzi; approvazione regolamento comunale per la disciplina e l'utilizzazione dei fondi rustici; acquisizione al patrimonio comunale delle sedi stradali e del verde del complesso residenziale in località San Bartolomeo; affidamento della riscossione coattiva delle entrate comunali all'Agenzia delle Entrate. Sarà interessante vedere cosa accadrà durante questo consiglio

Nuova giunta Bassetta

Questa la composizione e le deleghe assegnate dal sindaco bassetta dopo la "crisi": Giuseppe Felli (Progetto Anagni) Vice sindaco, Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza Urbana, Comunicazione Istituzionale; Aurelio Tagliaboschi (Partito Democratico) Bilancio, Tributi, Patrimonio; Simone Pace (Progetto Anagni) Lavori Pubblici, Manutentivo, Verde Pubblico, Industria; Simona Pampanelli  (Anagni Bene di Tutti) Cultura, Turismo, Commercio, Istituzioni/Fondazioni/Enti operanti nell'ambito della Cultura e della Formazione, Politiche dei Bandi Europei; Alessandra Cecilia (L'AltrAnagni) Servizi Sociali, Sport, Giovani, Famiglia, Integrazione, Pari Opportunità, Devianze Sociali. Rimangono nelle competenze del Sindaco: Contenzioso, Personale e Affari Generali e le altre materie non espressamente delegate.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anagni, Mimmo Beccidelli "scarica" il sindaco Bassetta: "una squadra di governo inadeguata"

FrosinoneToday è in caricamento