Dopo la siccità agricoltori ciociari abbandonati dalla Regione Lazio

Produzioni di olio e Vino, di qualità, ma ridotte del 50 percento rispetto al 2016

Sulla siccità che di fatto ha decimato l’agricoltura, nonostante gli impegni assunti dalla Regione Lazio, per un rimborso agli agricoltori che hanno perso oltre la metà del loro raccolto, si innesca la polemica politica ed il rappresentante provinciale di Forza Italia della Provincia di Frosinone Ciacciarelli ”punzecchia” la giunta Zingaretti con una pesante battuta “Passata la festa, gabbato lo santo”

"Un aiuto mai arrivato"

Un aiuto che finora non si è materializzato, pertanto esorto la Regione- scrive il rappresentante provinciale di Forza Italia Ciacciarelli-  ad elaborare un programma che preveda ammortizzatori sociali a favore delle imprese agricole in caso di calamità naturali.  Nel contempo, è necessario sensibilizzare il consumatore medio a favorire la filiera corta, prodotti a km zero, in luogo della grande distribuzione, operando una scelta, in primis qualitativa, contributi

Nessun segnale dalla Regione 
 

E’ il caso di dire: “Passata la festa, gabbato lo santo"- scrive Ciacciarelli-  .A quasi un mese dalla fine della gran de siccità durata 102 giorni con un gran caldo,  ancora nessun segnale da parte della Regione Lazio circa misure straordinarie, quali ammortizzatori sociali, a favore del comparto agricolo. 

Dibattito inascoltato 

Negli scorsi mesi vivo è stato il dibattito intorno al tema della siccità, della calura estiva, che hanno letteralmente messo in ginocchio l'agricoltura locale, ma oggi, il sipario si è chiuso, i riflettori si sono spenti e gli imprenditori agricoli sono stati lasciati da soli dinanzi alle gravi conseguenze  arrecate dall' emergenza siccità. La siccità ha procurato danni non solo nell' immediato, in un raggio limitato ai mesi interessati dalla calura, bensì danni prolungati, che si estendono alla produzione agricola della stagione autunnale, mi riferisco alla produzione di olio di oliva ed al settore vitivinicolo. 


Penalizzata la produzione di olio e vino 

È stato stimato che la produzione di olio di oliva conoscerà un calo significativo rispetto all' annata 2016, mentre la vendemmia, nonostante la domanda estera sia più che positiva, sarà la più scarsa in termini quantitativi dal dopoguerra. Il comparto agricolo, che contribuisce in maniera fattiva all'economia locale, giocando un ruolo di primo piano, ha bisogno di assistenza, della medesima attenzione che si riserva ad altri comparti.

Almeno un reddito minimo

 “Ho in più occasione sottolineato come le aziende agricole della Ciociaria siano delle vere e proprie imprese, dotate, in numerosi casi, di dipendenti. Gli imprenditori agricoli, dinanzi ad un quadro finanziario ove le uscite superano le entrate, considerate le numerose scadenze a cui bisogna far fronte, hanno bisogno  di ammortizzatori sociali simili alla cassa integrazione per assicurare un reddito minimo sostitutivo ai propri dipendenti”. 

La Ciociaria produce qualità

Bisogna entrare nell' ottica di mettere il locale comparto agricolo nelle condizioni di poter aprirsi  all'intero mercato nazionale ed ai mercati esteri, facendo leva sulla qualità della materia prima, l'affidabilità e la qualità, ma ciò presuppone un aiuto fattivo da parte degli enti locali. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, bus tampona compattatore dei rifiuti, grave l'autista (foto)

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

  • Fuori in permesso, non fa ritorno al carcere di Frosinone. Ricercato un pericoloso detenuto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento