Politica

Stop al lavoro nelle ore calde. Rocca firma l'ordinanza

Ordinanza firmata dal presidente Rocca. Lo stop sarà nei giorni che Inail, tramite una mappa apposita, considera a rischio "alto" per chi opera nei settori agricolo, florovivaistico ed edile

Divieto di attività lavorative all'aperto dalle 12.30 alle 16 a partire da giovedì 20 giugno e fino al 31 agosto 2024 nei giorni in cui il rischio di esposizione al sole viene segnalato come "alto" dalle mappe realizzate da Inail, l'istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro. Lo ha deciso la Regione Lazio, con un'ordinanza appena firmata dal presidente Francesco Rocca.

Stop al lavoro nei giorni torridi

Dopo gli allarmi dei sindacati dei giorni scorsi, riferiti soprattutto alle condizioni degli edili nei tanti cantieri aperti a Roma e non solo, è la Regione a compiere il primo passo. L'innalzamento delle temperature preoccupa, alla fine di questa settimana è previsto l'arrivo di Minosse, il caldo africano che ci porterà a toccare i 40 gradi. E chi lavora nei campi, nei vivai e nei cantieri edili deve essere tutelato o il rischio di malori o peggio decessi è molto alto. Per questo stop, nei giorni "rossi", al lavoro tra le 12.30 e le 16.

Regione Lazio e Inail

"L’Inail, con il progetto Worklimate, ha reso disponibili mappe nazionali di previsione del rischio di esposizione al caldo sul sito www.worklimate.it - fa sapere la Regione -. In questo senso, la Regione ha deciso di vietare le attività lavorative all’aperto dalle ore 12.30 alle 16, con efficacia immediata fino al 31 agosto 2024, nei giorni in cui il rischio di esposizione al sole con attività fisica intensa è segnalato sul sito https://www.worklimate.it/scelta-mappa/sole-attivita-fisica-alta/ come “ALTO”.Obiettivo principale dell’ordinanza è quello di ridurre l’impatto dello stress termico e di prevenire le conseguenze gravi per la salute dei lavoratori".

Rocca: "Misura di protezione, basta morti e incidenti sul lavoro"

"La Regione Lazio dice stop ai lavori usuranti nelle giornate di massimo calore - commenta Rocca -. Infatti, con la firma di questa importante ordinanza, vietiamo in queste giornate ogni attività lavorativa nei settori agricolo, florovivaistico e nei cantieri edili. Questa è una misura a protezione dei lavori e della sicurezza pubblica: non vogliamo più morti e incidenti sul lavoro. Si tratta di una delle tante iniziative, oltre all’aumento dei tecnici SPRESAL nelle Asl territoriali, per garantire e migliorare la qualità e la sicurezza nei luoghi di lavoro in tutto il territorio regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop al lavoro nelle ore calde. Rocca firma l'ordinanza
FrosinoneToday è in caricamento