menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anagni, scintille in aula. La minoranza abbandona l'aula e la maggioranza approva il bilancio

Per il sindaco Natalia: "Con l'approvazione di questo previsionale si sono poste le basi per la rivoluzione urbanistica"

Il Consiglio Comunale di Anagni ha approvato, nelle ore scorse, il Bilancio di previsione. La discussione ha assunto, in alcuni momenti dell'assemblea, toni duri e la minoranza è uscita dall'aula senza partecipare alla votazione finale. 

A specificarlo è il sindaco Daniele Natalia che ha commentato così i lavori del Consiglio: "La discussione dura fa parte del gioco ma quel che conta è l'approvazione del Bilancio di previsione, vero documento programmatico dell'Amministrazione. Benché il Bilancio sia stato influenzato, come spiegato anche dall'assessore Carlo Marino nella sua relazione, dall'emergenza coronavirus con relativi stanziamenti di fondi in particolare per le politiche sociali, del DUP è rimasta intatta la "formula politica" propriamente detta: la rivoluzione urbanistica, i grandi lavori pubblici ed un'offerta culturale di qualità sono i tre grandi temi sui quali l'Amministrazione punterà nel prossimo futuro e questo documento di bilancio lo conferma. Chiaramente la città ha bisogno di un'azione amministrativa quotidiana che puntiamo a rafforzare, ma è anche vero che entro la fine del 2020 partirà o arriveranno a compimento i lavori di almeno il 50% delle grandi opere programmate, in particolare l'ex discarica di Radicina, lo stadio comunale, Palazzo Bacchetti ed il Museo archeologico. Come si può vedere quindi l'indirizzo politico incide in modo particolare sul Bilancio di previsione. La realizzazione di queste opere ed una azione amministrativa a 360° sono un bel segnale da dare ai cittadini dopo mesi di paura e dubbi, sta a significare che Anagni vuole ripartire con tutta l'energia e, soprattutto, con una volontà nuova".

Nel corso del Consiglio comunale si è tornato anche a parlare delle polemiche innescate dal Festival "CulturaIdentità" dei giorni 4-5 agosto scorsi con la maggioranza che ha risposto alle accuse con un lungo documento per bocca del consigliere di Fratelli d'Italia Davide Salvati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento