Anagni, inquinamento ai massimi livelli. Scatta il divieto di accedere i fuochi

Il sindaco Bassetta ha emanato un'ordinanza dopo che il comune è stato collocato dalla regione nella zona 1 (la più inquinata).

Da lunedì 16 ottobre 2017 sarà in vigore nel comune di Anagni l'ordinanza predisposta dal sindaco Fausto Bassetta per vietare combustioni all'aperto. Il provvedimento rientra nel Piano di risanamento della qualità dell'aria deliberato dal Consiglio regionale che stabilisce le norme per evitare, prevenire o ridurre effetti dannosi per la salute umana e per l'ambiente, determinati dalla dispersione degli inquinanti in atmosfera.

L'ordinanza

"L'ordinanza si è resa necessaria  - spiega l'amministrazione comunale in una nota stampa - a seguito della nuova zonizzazione del territorio regionale e la classificazione delle zone ai fini della valutazione della qualità dell'aria, che ha collocato Anagni nella classe 1 (ex Zona A) determinata dalla peggiore classe di inquinanti presi in considerazione, rappresentata proprio dal particolato atmosferico Pm (Particulate Matter o Materia Particolata). Nell'ordinanza si fa anche riferimento all'adozione di provvedimenti in materia ambientale per il Comune di Frosinone stabiliti dalla Giunta regionale nel 2016, che devono essere estesi a tutti i Comuni del Lazio". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il divieto

Con l'entrata in vigore dell'ordinanza, su tutto il territorio sarà vietato accendere fuochi all'aperto, in particolare in ambito agricolo (fatte salve le esigenze di combustione finalizzate alla tutela sanitaria di particolari specie vegetali) e nei cantieri. La violazione dell'ordinanza sindacale sarà punita con una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro e l'osservanza del provvedimento deve essere garantita dalla Polizia Locale e dalle altre Forze di Polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento