Politica

Anagni, la destra punta su Natalia, la sinistra è in cerca e spunta la lista "Crescita comune"

Da san Bartolomeo la novità politica del momento con lo schieramento guidato da Maria La Pastina

Maria La Pastina non si ferma più perché e dalla popolosa frazione di San Bartolomeo punta direttamente a Palazzo D’Iseo, con la sua lista “ Crescita Comune” che vuole essere un punto di partenza, un cantiere aperto a marzo 2018 e senza data fine lavoro.

Destra unita, sinistra in cerca del candidato

Ad Anagni in questi giorni c'è grande fermento per creare le liste: la destra unita punta su Daniele Natalia, la sinistra è alla ricerca di un candidato, il movimento 5 stelle con Fernando Fioramonti organizza una cena dal costo di 15 euro per autofinanziarsi a cui parteciperanno i deputati Luca Frusone, Enrica Segneri, Ilaria Fontana, Lorenzo Fioramonti, e Loreto Marcelli consigliere Regionale. Si svolgerà presso il ristorante “la Rena” di Via casilna.

La Pastina da San Bartolomeo accusa tutti

La signora La Pastina spiega a frosinonetoday.it:  “Il nostro impegno non termina l’undici giugno qualunque sia il risultato elettorale. obiettivo: porre l’esigenza dei nostri cittadini al centro dell’attenzione della politica anagnina. La spinta: il momento catastrofico che vive l’amministrazione anagnina non per poltrone vuote ma per poltrone male occupate, perché gli   individui vengono identificati solo come elettori togliendo loro la dignità di cittadini non a caso la nostra lista viaggia da sola, non ha accettato compromessi alcuni e agli elettori chiediamo di aprire gli occhi, sono nate coalizioni numerosissime ma con all’interno gli stessi che ci hanno governato fino ad oggi, le necessità sono state ignorate, noi gente comune le sappiamo benissimo perché le viviamo in prima persona con  l’indecenza della qualità della vita è determinata da carenze di strutture di prima importanza : acqua – illuminazione - strade e servizi vari. La consapevolezza di aver assistito anche colpevolmente alla resa storica e culturale della città dei papi, territorio degradato- ambiente martoriato, una struttura sanitaria morta a causa di una inadeguatezza a vari livelli. Riteniamo-  aggiunge Maria La Pastena - che affrontare per risolvere al meglio le tematiche (sopracitate) quali ambiente – salute – infrastrutture legate alla vita quotidiana debbano essere il caffé della mattina, per chi  è delegato dai cittadini deve porsi al loro servizio. Come pensiate  di affrontare i problemi e risolverli, la dove altri hanno fallito?  Affrontandoli con solerzia, cogliendo tutte le opportunità a disposizione e dove non si presentino andandole a ricercare, mettere sul tavolo le priorità attingendo a risorse esistenti che si devono utilizzare al meglio evitando gli sprechi e una efficacie gestione di interloquire con regione e finanziamenti europei.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anagni, la destra punta su Natalia, la sinistra è in cerca e spunta la lista "Crescita comune"

FrosinoneToday è in caricamento