Anagni, la regione autorizza la Saxa Gres a produrre mattonelle da rifiuti speciali

In città monta la polemica politica ed accusano Bassetta di non tutelare il territorio

E’ arrivato dalla Regione Lazio il via libera, seppure sperimentale, alla Saxa Gres per produrre mattonelle con cenere  di rifiuti speciali ed la politica locale ha subito alzato un polverone..

Insomma, si parla della doppia faccia dell’amministrazione Bassetta che predica bene ma razzola male. Così in un comunicato diffuso congiuntamente da Forza Italia, IVD e Fratelli d’Italia si legge: “ dalla Regione Lazio arriva la doppia faccia dell’amministrazione Bassetta: La Saxa Gres spa è stata autorizzata a trattare cenere di rifiuti speciali per la produzione di mattonelle; il tutto con il parere positivo del Comune di Anagni. Ricordiamo- aggiungono i tre partiti- che solo qualche giorno fa, con il “caso Marangoni” l’amministrazione e il PD montarono una campagna propagandistica volta a far credere ai cittadini che nessuno a Palazzo de Iseo, avrebbe permesso che ad Anagni si smaltisse rifiuti altamente inquinanti. All’epoca la maggioranza propose in consiglio una moratoria, che come evidenziato allora dalle opposizioni, ebbe valore nei fatti nullo, perché non concordata con l’Asi, mentre oggi lo stesso comune ha autorizzato la Saxa Gres ad avviare la fase sperimentale per il trattamento delle ceneri speciali.

L'affondo al partito democratico

 “Con quale faccia il PD oggi parla di difesa della Questione ambientale? Con quale faccia il Partito democratico  oggi presenta l’amministrazione Bassetta come attenta alla difesa dell’ambiente? A noi sembra invece che la maggioranza abbia scelto nuovamente- con tutti i trucchi politici e gli espedienti del caso- di chinare il capo di fronte alle imposizione della Regione Lazio sempre più invasiva ed ormai convinta di poter trasformare Anagni e la Valle del Sacco in una discarica.  Non crediamo più a reazioni e scatti d’orgoglio  da parte di Bassetta- parte in causa nelle manovre elettorali dell’assessore Regionale Buschini- ne del PD anagnino, suo partito di riferimento; ma invitiamo gli anagnini a rendersi conto delle scelte sbagliate che l’amministrazione ha preso per loro conto autorizzando nei fatti il trattamento di rifiuti sul nostro già martoriato territorio”. 

La presa di posizione  del PD

Il segretario del PD anagnino, Francesco Sordo,  dal canto suo ribadisce che” la vicenda della Saxa Gres non rappresenta alcun attacco al nostro territorio, nessuna invasione di rifiuti, nessun attentato all’ambiente”. Poi aggiunge “ i Cittadini di Anagni non si lascino ingannare. Le notizie di queste ore risuonano in un allarmismo ingiustificato. Occorre cambiare musica altrimenti non si va da nessuna parte” e aggiunge: L’autorizzazione data da tecnici regionali, riguarda semplicemente il via libera ad una prova sperimentale di tre mesi, per una produzione, entro la quale si trattano le conclusioni   sull’autorizzazione  definitiva. Senza sperimentazioni non si potrà mai dire se davvero questo progetto Saxa Gres è innovativo o presenta delle criticità o rischi insormontabili. Al termine della sperimentazione, il progetto dovrà essere oggetto di valutazione di Impatto Ambientale e quindi di ulteriori precisi e inderogabili approfondimenti. La politica ha gli occhi aperti, così come l’amministrazione Comunale di Anagni, che ha fornito due pareri ben precisi, uno urbanistico e l’altro ambientale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal nord

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Coronavirus a Colleferro, una giornata di allarmismi ingiustificati. Ecco cosa è successo

  • Cassinate, nonna Teresa muore a distanza di poche ore dall'adorato nipote

  • Coronavirus, dallo "Spallanzani'' azzerano per ora anche i presunti casi di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento