Arpino, caos sul servizio di mensa scolastica. Iafrate, Forte e Quadrini: "Sindaco smascherato"

L'affondo dei tre consiglieri di opposizione: "Il Comune sapeva ed ha tentennato. Nel frattempo ha risparmiato sulla quota parte per i pasti"

Mauro Iafrate, Fabio Forte e Gianluca Quadrini

'Il rispetto delle norme, la rapida soluzione del problema, le scuse dell'amministrazione civica" Si muove su questi tre aspetti l'ultima iniziativa della minoranza consiliare di Arpino rispetto alla delicata questione della 'mensa scolastica' non ancora partita.

La verità sul mancato avvio

"L'altro ieri - raccontano i tre consiglieri di opposizione Mauro Iafrate, Fabio Forte e Gianluca Quadrini - nei locali dell'Istituto comprensivo Cicerone, davanti a centinaia di genitori da settimane infuriati per il mancato avvio del servizio, è venuta a galla la verità: da una parte il nuovo dirigente scolastico dal primo settembre scorso a capo del Comprensivo di Arpino, Fontana Liri e Santopadre. Dall'altro il Comune. Ed è stata proprio la preside a spiegare in una sala stracolma le motivazioni del mancato avvio della refezione scolastica. Tra queste le norme che regolano la materia, di fatto smentendo il sindaco Rea apparso in evidente difficoltà di fronte alle circostanziate ragioni espresse dalla dirigente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'affondo dei tre consiglieri

'Il tentativo di scaricare colpe su altri – sostengono i tre consiglieri di minoranza - è stato smascherato dalla dirigente scolastica. Il Comune sapeva ed ha tentennato. Nel frattempo, dettaglio non trascurabile, ha risparmiato sulla quota parte per i pasti. Ma alla fine la verità viene sempre a galla. Ovunque la mensa è partita, ad Arpino no e così il paese ha rimediato l'ennesima pessima figura. Il rispetto delle leggi invocato più volte dalla preside non può non essere condivisa. In gioco c'è un servizio destinato a centinaia di bambini e adolescenti. Sorprende perciò la leggerezza di chi, al contrario, dovrebbe fare di tutto affinché le regole vengano rispettate. Per questo esortiamo l'amministrazione civica ad affrontare seriamente il problema ed a risolverlo in tempi rapidissimi rispettando ogni norma, senza ulteriori indugi, che non possono che prolungare i disagi ai genitori degli alunni. Amministrazione che dovrebbe intanto chiedere scusa alle famiglie loro malgrado coinvolte e danneggiate'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Ceccano, i nomi dei 16 eletti in Consiglio comunale e tutti i numeri delle Elezioni 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento