menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore all'ambiente Massimiliano Tagliaferri con il Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani

L'assessore all'ambiente Massimiliano Tagliaferri con il Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani

Per Tagliaferri si scrive “Legambiente Frosinone”, ma si legge “Movimento 5 Stelle”

Per l'assessore all'ambiente dell'amministrazione Ottaviani, il Presidente del Circolo “Il Cigno” Stefano Ceccarelli ha richiesto di inibire le auto Diesel fino alle Euro 6 allo scopo di “riesumare” politicamente la Sindaca di Roma Virginia Raggi

Arriva a stretto giro di posta elettronica la replica assessore all’ambiente Massimiliano Tagliaferri al critico Presidente di Legambiente Frosinone Stefano Ceccarelli, secondo cui contro le famigerate polveri sottili PM10 si assiste a “misure di routine - le ha definite - dell’amministrazione Ottaviani” invece di “provvedimenti - ha richiesto lo stesso Presidente del Circolo “Il Cigno” - di limitazione della circolazione dei veicoli alimentati a gasolio fino alla Classe Euro 6”.

Per intenderci, i medesimi provvedimenti emanati dalla Sindaca di Roma Virginia Raggi. All’assessore Tagliaferri, infatti, pare di sentire voci pentastellate e non legambientaliste. “Blocco diesel Euro 6? Propaganda di facciata”, controbatte per l’appunto il delegato all’ambiente del Comune di Frosinone.

Sulle auto Euro 6

“Il blocco degli autoveicoli diesel Euro 6, proposto da qualche scienziato improvvisato o meglio da qualche ‘tardo-ambientalista’ - non usa mezze misure l’assessore all’ambiente Tagliaferri - sembra più uno spot per cercare di riportare politicamente in vita la Raggi, dopo che ha distrutto più di Nerone la Capitale, che non una reale manifestazione di interesse a favore delle politiche sul miglioramento della qualità dell’aria".  

"Non ha senso - ritiene - chiedere ai cittadini di fare sacrifici per comprare gli autoveicoli Euro 6, a basso impatto ambientale, e poi mettere il vigile all’uscita della concessionaria per intimare all’automobilista di tornare indietro o di non uscire dal garage”.

Dal Capoluogo…

“A Frosinone - ricorda lo stesso Tagliaferri - abbiamo portato avanti uno stop graduale di diesel Euro 3 con un congruo periodo di pre-informazione, evitando di svegliare la gente di notte per mortificare le famiglie e le attività private e imprenditoriali, solo per il gusto di una notizia sensazionale".

"A riprova della superficialità e della evanescenza amministrativa del provvedimento adottato su Roma - crea il parallelo - a fronte di 600.000 autoveicoli che entrano all’interno di questa categoria, appunto dei diesel fino agli euro 6, dovremmo assistere a centinaia di migliaia di multe che, anche i bambini, quelli che credono alle favole, sanno che, invece, non saranno mai emesse in pari entità”.

… alla Capitale

“Speriamo che prima o poi - dichiara, infine, l’assessore sulla questione romana - la Raggi capisca l’importanza e la serietà del governo della Capitale e che qualche finto ambientalista, per cercare di assolvere la propria latitanza, consolidata per anni, dal reale ed effettivo impegno sulle politiche ambientali, smetta di pensare di recuperare in qualche settimana il tempo perduto da lui e da quelli che hanno utilizzato sempre lo slogan dell’ambiente solo per fare politica di partito e non per migliorare l’interesse collettivo e la qualità della vita degli altri”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento