Sabato, 25 Settembre 2021
Politica Cassino

Offese a Salvini. Due episodi in poche ore in Ciociaria. Identificato il rapper del video di Alatri

Il cittadino extracomunitario protagonista del video diventato virale è stato denunciato per diffamazione a mezzo stampa ed ingiuria

Ieri il video diventato virale e poi censurato del rapper di colore che, nel dopo festival del Folklore di Alatri, ha espresso parole di profondo dissenso, con contorno di offese ed insulti vari, nei confronti del vice premier Matteo Salvini accompagnate da gestualità che lasciavano poco spazio all'immaginazione. Poco fa il cittadino extracomunitario è stato identificato dai carabinieri e denunciato alla competente autorità giudiziaria per il reato di diffamazione a mezzo stampa ed ingiuria con l'aggravante che il soggetto della diffamazione è un rappresentante di un corpo politico.

È di oggi invece la comparsa della scritta davanti alla sede della Lega di via Rossini a Cassino in cui si legge a chiare lettere "Salvini terrorista". Due episodi di odio e violenza verbale avvenuti in poche ore e in due città situate quasi agli estremi della nostra provincia contro il leader della Lega. Sull'evento di Cassino stanno indagando la polizia e carabinieri. Il magistrato Maria Beatrice Siravo ha inoltre chiesto l'acquisizione delle immagini di alcune telecamere in zona. 

Un atto deprecabile

Esprimo Solidarietà al Ministro Matteo Salvini  - ha dichiarato Carmelo Palombo coordinatore provinciale della Lega - Un plauso con tanti ringraziamenti alle forze dell’ordine che con sollecitudine sono intervenuti e seguono le indagini per identificare i responsabili o il responsabile degli insulti scritti presso la sezione di Cassino della Lega. Un atto deprecabile che insieme agli altri verificatosi in questi giorni da parte di una piccolissima frangia di contestatori dimostrano che Matteo sta lavorando bene per ridare al nostro paese la normalità e la sicurezza ma soprattutto la certezza che governando mettendo al primo posto gli interessi dei cittadini si può vivere in un Paese civile. Senza creare allarmismi condanniamo questi atteggiamenti di intolleranza verso un ministro che sta tutelando gli interessi degli italiani.

Raid vigliacchi espressione dell'intolleranza

Solidarietà espressa anche dall'ex candidato alla Regione con il partito di Salvini, Andrea Amata: “Esprimo solidarietà e sdegno agli amici di Cassino per il vile gesto che si é consumato con scritte offensive sui muri adiacenti la sede della Lega. Tali raid vigliacchi sono espressione dell'intolleranza e non avranno certamente l'effetto di intimidirci, anzi più convinti delle nostre idee andremo avanti nella consapevolezza che quando si opera nell'interesse dei cittadini non si deve avere alcun timore. Mentre l'episodio di Alatri, con un ospite di colore del Festival Folk che ha improvvisato un rap dalla metrica confusa, dissonante e dai contenuti volgari e infamanti, testimonia che si vorrebbe insinuare nella società il "bersaglio Salvini" , elevandolo a causa di ogni nefandezza, ma l'apprezzamento che il leader della Lega riceve quotidianamente da milioni di italiani è la migliore risposta ai deliri affidati a ospiti ingrati che farebbero bene a consegnarsi al silenzio per non essere incriminati per inquinamento acustico.

La vicinanza di Dragonetti

Anche Niki Dragonetti segretario provinciale del movimento Lo Scarpone si è unito ai messaggi di condanna: "Chi ha dato del terrorista al ministro dell'Interno Matteo Salvini probabilmente non ha ben in mente il significato di questa parola. Per questo non posso far altro che stigmatizzare tale comportamento ed essere solidale con i colleghi della Lega di Cassino che, davanti la loro sede, si sono visti vergare con una vernice spray, la scritta infamante e rivolta al leader del carroccio. Il terrorismo, le bombe, le vittime di mani diaboliche in Italia sono ancora una ferita aperta. Distruzione e morte portano alla mente una simile parola. Per questo dobbiamo iniziare un'opera di informazione corretta e leale. Solo attraverso la giusta comunicazione si può arrivare al cuore degli italiani onesti e che possono e devono stigmatizzare simili atti ed isolare chi li commette".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Offese a Salvini. Due episodi in poche ore in Ciociaria. Identificato il rapper del video di Alatri

FrosinoneToday è in caricamento