rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Politica Cassino

Cassino, un nome a oltre cento strade. Identità Cassinate: “Prioritario intitolarne una ai Martiri delle Foibe”

Dopo la prima riunione della Commissione toponomastica, con le polemiche sul curriculum del professor Pistilli alle spalle, Di Sano e Evangelista ricordano di aver avanzato per primi la proposta nel Giorno del Ricordo. Ieri stessa richiesta da parte di GN

Vogliono che una delle oltre cento strade di Cassino senza nome, questione affrontata dalla neo Commissione toponomastica costituita dall'amministrazione Salera e riunitasi per la prima volta una settimana fa, venga intitolata in via prioritaria ai Martiri delle Foibe. Sono il presidente e il portavoce dell’associazione politico-culturale, Alessandro Di Sano e Danilo Evangelista, i quali ricordano che “già in data 9 febbraio 2021 avevano avanzato per primi una richiesta formale al Comune di Cassino”.

Con la stessa, in occasione del Giorno del Ricordo, si chiedeva per l’appunto di intitolare una piazza, una strada o un’area pubblica alle vittime “o, più nello specifico - spiegano Di Sano ed Evangelista - a Norma Cossetto, giovane studentessa istriana violentata, torturata e uccisa nella celeberrima foiba di Villa Surani”. I vertici di “Identità cassinate”, pertanto, chiedono di prendere in considerazione la richiesta presentata oltre un mese fa. Ieri anche Gioventù Nazionale Cassino ha protocollato analoga istanza presso il Comune, chiedendo però di dedicare uno spazio pubblico anche alle vittime delle Marocchinate e del Covid

La Commissione toponomastica: partirà con area industriale e imprenditori

A valutare la proposta sarà l’apposita Commissione che, con le polemiche sul curriculum del professor Emilio Pistilli ormai alle spalle, è formata dall’assessore all’Urbanistica e Viabilità Emiliano Venturi, dal responsabile dell’Ufficio toponomastica Mario Lastoria, dalla consigliera di maggioranza Alessandra Umbaldo (Demos), dall’oppositore Franco Evangelista (Lega) e da vari esperti: Gaetano De Angelis Curtis, Giovanni D’Orefice, Davide Fardelli, Fausto Pellecchia, Franco Quagliozzi. Nel corso della prima riunione è emersa la volontà di cominciare con l’area industriale, dove verranno intitolate strade a noti imprenditori.

Identità cassinate: “Giusta attenzione alle Foibe, contro rigurgiti negazionisti”

L’associazione politico-culturale ritiene “fondamentale combattere l’indifferenza, il disinteresse e la mancata conoscenza della storia e dei suoi eventi”. Il duo Di Sano-Evangelista, infatti, evidenzia che “per troppi anni sono state celate, addirittura nei testi storici, le vicende di tutti quegli uomini e quelle donne morti o costretti ad esiliare per la sola colpa di essere italiani”.

“Crediamo sia doveroso che Cassino, città per la pace, che in primis ha conosciuto gli orrori della guerra e le sue terribili conseguenze - aggiungono in conclusione - sensibilizzi particolarmente queste dinamiche storiche, considerandole con la giusta attenzione al fine di combattere tutti quei rigurgiti negazionisti tutt'oggi diffusi. Concludendo, ringraziamo tutte quelle associazioni e movimenti politici giovanili che hanno sostenuto la nostra iniziativa, avvalorando l'idea che, così come già avvenuto in numerose città italiane, sia fondamentale ricordare questi fatti storici affinché non si ripetano mai più”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, un nome a oltre cento strade. Identità Cassinate: “Prioritario intitolarne una ai Martiri delle Foibe”

FrosinoneToday è in caricamento