menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Cassino Assembly Plant - Gruppo FCA di Piedimonte San Germano

Il Cassino Assembly Plant - Gruppo FCA di Piedimonte San Germano

FCA, Buschini: 'Approvata la mia mozione a sostegno del settore automotive di Cassino'

Il Presidente ciociaro del Consiglio regionale aveva già parlato con Delle Cese (Cosilam) delle misure anti-Coronavirus. ‘Si ricorda solo ora dello stabilimento Fca’, aveva attaccato il Consigliere della Lega Ciacciarelli con istanza pre-Covid alla mano

“E’ stata appena approvata all’unanimità in Consiglio regionale la mozione da me proposta - ha annunciato nel pomeriggio di oggi, giovedì 25 giugno, il Presidente ciociaro dell'assise laziale Mauro Buschini -  e sottoscritta dalla maggior parte dei capigruppo e consiglieri regionali, per provvedimenti urgenti da mettere in atto su settore automotive e, in particolare, nel sito Fca di Cassino e nel relativo indotto".

"Oltre alla proroga del divieto di licenziamento degli ammortizzatori sociali per tutto il 2020 - ha evidenziato lo stesso Buschini - si impegnano il Presidente Zingaretti e la giunta regionale a presentare istanza al Ministero dello Sviluppo economico per estendere all'Area del sud della Provincia di Frosinone l'area di crisi industriale complessa e di istituire, nell’immediato, un tavolo coinvolgendo tutti gli operatori per un accordo di programma a favore del settore”.

“Anche alla luce delle mobilitazioni di questi giorni nel cassinate di molti operai, ovviamente preoccupati per il loro futuro, occorrono unità di intenti e ricerca di soluzioni concrete - ha aggiunto in conclusione il firmatario della mozione - Nessuno deve essere lasciato solo nell’affrontare le conseguenze di questa drammatica crisi. Ho già premesso che su queste tematiche non mi interessano primogeniture politiche e quindi ringrazio tutti i consiglieri per l’approvazione unanime di questo provvedimento”.

++ Articolo aggiornato il 25/06/2020 alle 15:00 ++

Buschini al Cosilam e rivendicazioni di Ciacciarelli

Nella mattinata martedì 23 giugno il Presidente Buschini ha incontrato il Presidente del Cosilam Marco Delle Cese per confrontarsi sulla mozione che aveva presentato il giorno prima proprio per richiedere misure-lampo per far fronte alla situazione occupazionale scaturita nel settore automotive Fca per via dell’emergenza Coronavirus.

“Nello specifico - ha già spiegato lo stesso Buschini - chiedo l'istituzione di un Tavolo governativo con tutti i soggetti istituzionali associativi ed imprenditoriali al fine di realizzare un accordo di programma di settore che sia in grado di indirizzare le azioni, gli investimenti e gli obiettivi da perseguire; di presentare istanza al Ministero dello Sviluppo economico per estendere all'Area del sud della Provincia di Frosinone l'area di crisi industriale complessa; prorogare  le disposizioni connesse al divieto di licenziamento ed all’estensione del sistema di ammortizzatori sociali sino a tutto l’anno 2020".

“Buschini - lo ha attaccato nella stessa mattinata il Consigliere regionale della Lega Pasquale Ciacciarelli - si ricorda solo ora dello stabilimento FCA di Piedimonte San Germano, eppure svolge il ruolo di presidente del consiglio regionale e pertanto dovrebbe ricordarsi che il 3 luglio 2019 è stata approvata la mozione a mia prima firma e sottoscritta anche da altri consiglieri regionali, che impegna il presidente e la giunta regionale a sostenere la richiesta di attivazione di un tavolo ministeriale permanente per monitorare la situazione relativa allo stabilimento”.

L’esponente leghista di San Giorgio a Liri, pertanto, aveva richiesto quasi un anno fa l’istituzione di un tavolo, con i vertici di Fca e i Sindaci dei Comuni interessati, “al fine di elaborare adeguate politiche di contrasto alla crisi (pre-Covid, ndr) - si legge nella nota rivendicativa - e sostegno al territorio e per capire quale sia il piano industriale che l’azienda intende mettere in campo per lo stabilimento di Cassino Plant”. 

“C’è chi si è sempre interessato e chi si ricorda solo quando gli fa comodo - così, ancora, Ciacciarelli contro Buschini - Il suo è un tentativo patetico e fuori tempo massimo di dimostrarsi vicino al Lazio Meridionale. Continui a disinteressarsi di questa zona, come ha sempre fatto, restando coerente con le azioni intraprese finora per questo territorio, ossia zero. Di questi suoi interessamenti fittizi dell’ultimo secondo non abbiamo bisogno”.

Di tutt’altro avviso, invece, Delle Cese: “Ringrazio il Presidente del Consiglio regionale del Lazio per l’attenzione che ha posto verso questi temi - ha dichiarato il Presidente del Cosilam dopo l’incontro mattutino - Le più importanti cariche istituzionali regionali mostrano interesse reale, e non di facciata, alle problematiche di queste aree industriali. L’ampliamento dell’Area di Crisi Complessa e dell’Accordo di Programma a questo territorio rappresenta una vera e nuova grande opportunità che tutti dobbiamo sostenere nel percorso istituzionale. La Regione Lazio già lo sta facendo”.

“Un incontro importante e positivo - lo ha definito Buschini prima di elogiare a sua volta il Consorzio per lo sviluppo industriale del Lazio Meridionale - Ringrazio il Cosilam e il Presidente Delle Cese per l’attenzione e la competenza con cui svolgono il proprio lavoro a sostegno delle aree industriali del territorio”. 

A ruota la replica social a Ciacciarelli: "Sostiene di essere stato il primo a presentare mozioni. Ho già premesso che su questa battaglia non mi interessano primogeniture e bandiere politiche". Da qui, infine, il suo appello carico di sarcasmo: "Dai, Pasqualì, sei il più veloce di tutti, va bene, adesso però chiedi al capogruppo della Lega in Consiglio regionale di firmare la mozione così giovedì possiamo approvarla".

Il Consorzio, al di là delle polemiche politiche, “ha ritenuto indispensabile e strategico l’ampliamento dell’Area di Crisi complessa all’intero Distretto dell’Automotive - recita il comunicato "consortile" - e il conseguente ampliamento del relativo accordo di programma individuando il Consorzio come soggetto istituzionale di riferimento".

"Inoltre - concludono - è stata posta anche l’attenzione sulla necessità di rifinanziare nel prossimo bilancio di previsione regionale la Legge 46, fondamentale per la programmazione e realizzazione di investimenti nell’area industriale. In passato, infatti, questo strumento di finanziamento è risultato fondamentale per la programmazione degli investimenti produttivi da parte di Fca”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento