Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Cassino

Cassino, l’opposizione denuncia: “Per la riqualificazione del centro presentato un progetto che non esiste”

In piazza Labriola, che con piazza Diamare rientra nel piano di restyling dell’amministrazione Salera, i consiglieri Petrarcone, Leone, Fontana e Mignanelli hanno sostenuto che mancano copertura finanziaria e incarico formale all’architetto

Nella loro conferenza stampa, tenuta oggi giovedì 14 ottobre 2021 in piazza Labriola, i consiglieri di opposizione Giuseppe Golini Petrarcone, Benedetto Leone, Salvatore Fontana e Massimiliano Mignanelli hanno denunciato all'unisono che "per la riqualificazione del centro è stato presentato un progetto che non esiste".

Si riferiscono al piano di restyling dell'area urbana centrale promosso dall'amministrazione guidata dal sindaco Enzo Salera e illustrato in grande stile nel corso dell'evento tenuto lo scorso 19 settembre nella stessa piazza Labriola, interessata al pari di piazza Diamare.

All'antivigilia della presentazione, ma per la questione sicurezza, era stato il coordinatore cittadino della Lega Alessio Ranaldi a scagliarsi contro la maggioranza. Ora, entrato in possesso degli atti richiesti lo scorso 23 settembre, il quartetto di minoranza fa presente che sarebbero disponibili 429 mila euro, un contributo della Regione Lazio, ma comunque insufficienti per il rifacimento di piazza Diamare.

Il quartetto di opposizione: "Presentato un progetto che non esiste"

A esordire è stato il consigliere Petrarcone: "Abbiamo appurato una cosa molto grave - ha dichiarato in conferenza stampa - Manca, intanto, l'incarico formale all'architetto presentatore del progetto, già di per sé sconcertante per chi si occupa di pubblica amministrazione. Ma manca anche la copertura finanziaria dell'opera che si è andata a pubblicizzare, eccezion fatta per un importo di 429 mila euro che sarebbe stato destinato, ma non accreditato, al rifacimento della sola piazza Diamare, che necessiterebbe di 600 mila euro".

A ruota l'intervento di Leone: "Questa è la quinta annunciazione di Salera, la più grande che ha fatto in questi due anni e mezzo, ovvero il rifacimento di piazza Labriola. Ha illuso i cittadini e ci ha fatto sognare, perché non siamo assolutamente contrari e sarebbe folle chi è contrario alla riqualificazione del centro della città. È solo che ci ha talmente illusi che siamo andati a vedere gli atti".

Così, dal canto suo, Fontana: "Questo doveva essere il luogo della rinascita di Cassino, ma la base di un'amministrazione seria è la verità. Quando c'era un progetto per la città lo abbiamo votato o ci siamo astenuti per vedere cosa ci fosse di vero. Di vero in questo progetto, purtroppo, non c'è nulla se non qualcosa che avevo voluto io con altri imprenditori. Nessun sindaco si è mai permesso di presentare un progetto senza un'ipotetica copertura finanziaria".

In conclusione, le precisazioni di Mignanelli: "Noi siamo favorevoli alle opere per questa città ma prendiamo atto che, a due anni e mezzo di distanza, questa amministrazione e il sindaco non hanno ben chiara qual è l'idea di città. Cassino è una città importante che va soprattutto progettata con tutte le forze in campo. Abbiamo dato la piena disponibilità a dare il nostro contributo alla realizzazione delle opere ma non ci è stato permesso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, l’opposizione denuncia: “Per la riqualificazione del centro presentato un progetto che non esiste”

FrosinoneToday è in caricamento