Politica

Cassino, occhio vigile sull'accoglienza dei migranti in città

A breve l'attivazione dello sportello "In rete" per le segnalazioni su episodi che non rispettano la legge e l'avvio di indagini per mappare le realtà che lavorano nell'ambito

A sinistra l'assessore Benedetto Leone

È stato presentato questa mattina presso la Sala Restagno del Comune di Cassino alla presenza dell'assessore Benedetto Leone il Progetto n. 13 denominato "In rete" dell'assessorato alle Politiche Sociali e della Famiglia. Si tratta di un intervento finanziato dalla Regione Lazio e che riguarda il potenziamento della gestione dell'accoglienza migranti nella città di Cassino. 

Lo sportello

"Con questo progetto vogliamo costruire una rete istituzionale per rafforzare il sistema di accoglienza sostenibile e virtuosa. - ha detto Leone - Un percorso già avviato da questa amministrazione con l'adesione allo Sprar, il programma di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.
Istituiremo a breve quindi lo sportello "In rete" dove saranno raccolte le segnalazioni di cittadini di Cassino su episodi di accoglienza che non rispettano i crititeri di legge. Per lo stesso scopo è già attivo il numero 0776298401 che può essere contattato il martedì mercoledì e giovedì dalle 9 alle 12 e il martedì e il giovedì dalle 15 alle 17.

Monitoraggio delle strutture

Inoltre, sarà attivata un'indagine sul territorio comunale per mappare tutte le realtà che lavorano in questo ambito e se soprattutto lo fanno nelle condizioni previste dalla normativa vigente. Gli assistenti sociali quindi visiteranno le varie strutture e compileranno una griglia di valutazione e relazioneranno il tutto alla Prefettura e Ministero dell'Interno che, nel caso di anomalie, dovranno intervenire con urgenza.  Sulle organizzazioni che fanno accoglienza della nostra città dovranno essere verificati i requisiti strutturali, igienici, le condizioni della accoglienza stessa e i percorsi di integrazione".

Favorire l'integrazione

"Non si potrà più dire, quindi, che il comune di Cassino è fermo. - ha detto il sindaco D'Alessandro - Con questo progetto potremmo avere uno screening che ci permetterà di valutare le azioni da mettere in campo per favorire processi di integrazione sempre più efficaci e di mettere in evidenza chi invece non lavora in maniera seria ed attenta in questo settore. Ci sono delle regole e devono essere rispettate anche per quanto riguarda l'accoglienza dei migranti. Noi vogliamo puntare sull'integrazione, non dell'accoglienza fine a se stessa, che è l'unico percorso per garantire una degna esistenza ed una eccellente prospettiva di vita nella nostra comunità a tutti i rifugiati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, occhio vigile sull'accoglienza dei migranti in città

FrosinoneToday è in caricamento