menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sala d'aspetto post-incendio della Stazione FS di Ceccano

La sala d'aspetto post-incendio della Stazione FS di Ceccano

Ceccano, Stazione FS a ferro e fuoco: s'infiamma anche il dibattito politico

Botta e risposta tra Massa, Presidente di GN-Provincia Frosinone, e candidata sindaca Piroli dopo un commento social della stessa: 'Avevamo segnalato un dormitorio di fortuna, che poi è parso abbandonato. Secondo me, qualcuno ha pensato bene di bruciarlo'

“Nel condannare il vergognoso gesto e la bassezza dei commenti della candidata a sindaco Emanuela Piroli, con Matteo Compagnone e tutti i ragazzi di Gioventù Nazionale - Ceccano ci siamo messi a disposizione senza troppe chiacchiere. Noi ci siamo!”. Così il Presidente provinciale di GN Daniele Massa, futuro candidato consigliere in quota Fratelli d’Italia, commentando il recente incendio nella devastata Stazione FS della cittadina ciociara e proponendo la propria “squadra” per la riqualificazione dell’area. Non solo: “Ci dispiace leggere anche da parte della Piroli delle illazioni in alcuni commenti sui social - ha criticato - Il suo riferimento a presunti facinorosi dettato dal solito pregiudizio ideologico con lo scopo di creare confusione è davvero di basso livello”.

Si riferisce, tra l’immenso dibattito scoppiato all’interno della comunità politica e non, a quanto postato dalla stessa Piroli rispetto alla vicenda al vaglio degli inquirenti: “Una ventina di giorni fa avevamo segnalato un dormitorio di fortuna, che poi è parso abbandonato. Secondo me - ha ipotizzato - qualcuno ha pensato bene di bruciarlo”.

La replica della candidata sindaca Piroli

Ora, a stretto giro di posta, l’aspirante Prima Cittadina di Ceccano e il suo comitato elettorale specificano che “prendiamo le distanze da tutte le polemiche nate e da ogni tentativo di strumentalizzazione da parte di chi vuole fare campagna elettorale anche su questo fatto increscioso che ha scosso la nostra comunità, attribuendo al nostro gruppo dichiarazioni mai rese e, dunque, completamente false”.

“Fa specie che tali accuse, ancora una volta, arrivino da chi ha lanciato campagne contro le fake news - replica Piroli - Ma, pur essendoci gli estremi di una denuncia per ‘diffamazione’, soprassediamo perché non ci scandalizziamo, di certo, degli attacchi gratuiti e pretestuosi di chi si autocelebrava, in piena emergenza sanitaria, come il ‘nuovo dopo Covid’, mentre noi non abbiamo mai smesso di essere vicini ai nostri concittadini, con proposte e attenzione alle problematiche reali. Non spetta a noi, e a nessun altro, lanciare accuse o ipotizzare motivazioni più o meno plausibili. C’è una indagine in corso e confidiamo che se ne venga a capo velocemente”.

La ricostruzione firmata Piroli

“Nella mattinata di lunedì 18 maggio, in coincidenza con la graduale ‘ripartenza’ - dichiara la candidata sindaca di sinistra - i cittadini ceccanesi hanno trovato una brutta sorpresa presso la stazione ferroviaria. Già due settimane fa, avevamo informato le autorità comunali, su segnalazione di alcuni cittadini, dello stato di degrado della stazione, in particolare la presenza di un apparente dormitorio di fortuna, preoccupati soprattutto per la presumibile presenza di bambini, con la speranza che si provvedesse ad una migliore sistemazione per loro e al ripristino di un minimo di decoro. Non abbiamo diffuso la notizia per non allarmare ulteriormente una comunità già provata. La famiglia in questione sembrerebbe essere stata assicurata ad una struttura e ci aspettavamo una bonifica dell’area. Ma in questi quindici giorni non c’è stato alcun intervento per lo sgombero dell’area, che è stata oggetto degli atti vandalici su cui si sta indagando”.

“Ora - auspica in conclusione - confidiamo in maggiori informazioni e chiarezza sulla vicenda, essendo la stazione ferroviaria uno snodo fondamentale per il nostro comune e per i comuni limitrofi, quindi per i tanti pendolari che ne fruiscono. La preghiera alle autorità comunali, in particolar modo al Commissario (Giuseppe Ranieri, ndr), è quella di farsi portavoce della cittadinanza presso le istituzioni di competenza, come Ferrovie Italiane, per chiedere maggiore attenzione per la nostra stazione, al fine di garantire decoro e sicurezza. Resta inteso che Ferrovie dovrà essere stimolata costantemente sulla situazione della stazione di Ceccano, e noi saremo sempre attenti a riguardo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

  • Eventi

    Alatri, il Cristo nel Labirinto e le Mura Ciclopiche

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento