Cervaro, Zambardi: "Il Sindaco avrebbe dovuto indicare quali erano gli indirizzi per questa città"

Nel suo intervento molto critico, l’Avv. Otello Zambardi ha evidenziato: “Mi sarei aspettato, come penso tutti i cittadini, che il Sindaco indicasse le linee di governo per i prossimi cinque anni, i progetti, le idee, le proposte, per questa città"

Nel primo Consiglio Comunale del Comune di Cervaro, all’ordine del giorno, al punto n.5, era espressamente indicato: “Comunicazione da parte del Sindaco delle avvenute nomine dei componenti della Giunta e del Vice Sindaco e presentazione degli indirizzi generali di
governo.” Ebbene, il Sindaco, dopo la nomina dei componenti della Giunta e del Vice-Sindaco, ha letto due pagine di un comizio, continuando la campagna elettorale ed è qui che è intervenuto l’Avv. Otello Zambardi, in quanto non sono stati illustrati alla Città i progetti per il prossimo quinquennio.

Nel suo intervento molto critico, l’Avv. Otello Zambardi ha evidenziato: “Mi sarei aspettato, come penso tutti i cittadini, che il Sindaco indicasse le linee di governo per i prossimi cinque anni, i progetti, le idee, le proposte, per questa città. E non a caso l’ordine del giorno, contempla proprio la dizione dell’indirizzo programmatico generale di governo. Non é stato fatto e l’intervento del Sindaco è stato un proseguimento della campagna elettorale.” In realtà, l’art.42, comma 3 e l’art.46 del D.Lgs.267/2000, prescrivono che il Sindaco debba presentare al Consiglio Comunale, all’atto del suo insediamento, le linee programmatiche, relative alle azioni ed ai progetti da realizzare nel corso del mandato quinquennale e per tale motivo l’Avv. Zambardi ha insistito, precisando che: “La relazione del Sindaco è stata povera di contenuti, povera di proposte, povera di idee.

Il Sindaco avrebbe dovuto indicare quali erano gli indirizzi per questa città.” Il Sindaco si è limitato ai ringraziamenti e quindi nessuna proposta programmatica è stata avanzata. Era un obbligo giuridico ed istituzionale, oltre che un dovere nei confronti di tutti i cittadini, quello di indicare all’atto dell’insediamento le linee programmatiche di governo della Città di Cervaro. Infatti, detta relazione deve essere inviata anche alla Corte dei Conti per il controllo ad essa demandato. Il Sindaco, rispondendo, si è limitato ad osservare che per l’indirizzo programmatico generale di governo, in questa sede (Consiglio Comunale), si può far riferimento al programma elettorale della sua lista, ma che comunque non ha assolutamente citato in Consiglio.

L’Avv. Zambardi ribadisce che vi è stata una grave carenza, non solo normativa, ma anche istituzionale, in quanto: “Il programma elettorale a cui fa riferimento il Sindaco è una cosa ben diversa dalla linee programmatiche di governo, relative alle azioni ed ai progetti da realizzare perché, mentre il primo è stato approvato dai soli elettori che lo hanno votato, le linee programmatiche di governo, invece, rappresentano le coordinate del programma, le modalità con le quali si dà attuazione al programma amministrativo, stabilendo le priorità, le varie fasi di esecuzione, i mezzi per realizzarlo.” Per l’Avv. Zambardi, la risposta fornita dal Sindaco rappresenta “una toppa peggiore del buco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento