rotate-mobile
Politica Fiuggi

"Conti in miglioramento? La gestione ordinaria resta disastrosa": la rabbia dell'opposizione

A Fiuggi, nonostante la gestione economica sembri migliorata, ci sarebbero gravi criticità strutturali non risolte. La rabbia dell'opposizione

Migliora la gestione economica del Comune di Fiuggi, come mostra la relazione del revisore dei conti circa il rendiconto 2023. Questo risultato non è però dovuto ad eventi ordinari bensì eccezionali, come sottolineano il consigliere di minoranza Maria Tucciarelli e i componenti del gruppo "Scelgo Fiuggi" Alberto Festa, Valentina Coladarci e Alessandro Battisti. Tra gli eventi straordinari che hanno portato al miglioramento dei conti "ci si riferisce in particolare all’operazione di dismissione dalla rilevante partecipazione nella società A.T.F. che ha generato contabilmente componenti di reddito che, nel complesso, hanno garantito un effetto positivo, soprattutto con riferimento ai proventi generati dalla cessione della partecipazione” spiegano.

Dunque, al netto degli "eventi eccezionali e quindi non ripetibili che sono stati utilizzati dall’amministrazione per riparare alla gestione ordinaria, nessuna delle gravi criticità strutturali che caratterizzavano il Comune di Fiuggi appare risolta". La situazione, al contrario, peggiorerebbe. Infatti nel 2023 non è stato incassato il "canone minerario, mentre è stato versato solo il 50% di quello per la licenza di marchio". Inoltre "mancano all’appello diversi finanziamenti per gli eventi turistici ottenuti negli anni precedenti e l’imposta di soggiorno è stata utilizzata per sopperire ai mancati incassi non pervenuti dall’A.T.F. senza alcun coinvolgimento degli operatori economici".

Inoltre l'anno difficile vissuto ha aumentato le difficoltà delle famiglie di pagare Imu e soprattutto Tari, che così facendo potrebbe aumentare sul bollettino dei cittadini che hanno pagato regolarmente. Ci sarebbe inoltre, secondo il gruppo "Scelgo Fiuggi", evidente difficoltà nella "realizzazione di opere pubbliche importanti annunciate in pompa magna, come la nuova scuola media e la gestione dell’esistente, soprattutto inquieta l’assenza di qualsiasi riferimento ed evidenza al bilancio di A.T.F. 2023, che purtroppo non sarà positivo e non è stato tenuto in considerazione in violazione dello Statuto Comunale che all’art. 63 prevede espressamente il contrario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Conti in miglioramento? La gestione ordinaria resta disastrosa": la rabbia dell'opposizione

FrosinoneToday è in caricamento