Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica

Consiglio Lazio, Zingaretti, ‘su taglio società ostruzionismo Destra-M5s a difesa poltrone

  “Quello a cui stiamo assistendo nel Consiglio regionale del Lazio da parte della destra e dei 5stelle è un ostruzionismo sbagliato e senza senso.

"Quello a cui stiamo assistendo nel Consiglio regionale del Lazio da parte della destra e dei 5stelle è un ostruzionismo sbagliato e senza senso.

Il nostro piano prevede la riduzione da 9 a 2 società con un taglio di 75 poltrone dei Cda e dei Consigli dei sindaci che passeranno da 88 a 13 membri e con un risparmio di svariate decine di milioni di euro.

Una discussione ed una procedura iniziata da mesi e che ha coinvolto come non mai il Consiglio regionale e le sue Commissioni. Eppure alla Pisana assistiamo all'opposizione della destra, incredibilmente in tandem con i grillini, uniti in un fronte comune per bloccare questa riforma. Difendono le poltrone con l'ostruzionismo in un momento di crisi drammatica per il Paese. Denunciamo questo fatto davvero sconvolgente avvertendo anche che andremo avanti senza alcun timore. Difendiamo i cittadini e la buona politica contro chi vuole continuare con l'andazzo del passato". Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

PETRANGOLINI: "VA BENE OSTRUZIONISMO MA NO A SABOTAGGIO ISTITUZIONALE"

"Siamo davvero sconcertati di fronte all'atteggiamento di chi è stato eletto per tutelare gli interessi dei cittadini e poi si presenta in Aula con il chiaro intento di sabotare le istituzioni dal loro interno". Lo ha dichiarato Teresa Petrangolini, consigliera regionale del gruppo 'Per il Lazio'.

"Siamo per la trasparenza e per la condivisione delle decisioni - ha aggiunto la consigliera segretario dell'Ufficio di presidenza - e lo abbiamo già dimostrato durante i lavori delle 9 leggi regionali approvate fino ad oggi, con il contributo costruttivo dell'opposizione. Ma quello che si chiede sulla legge in discussione oggi, sul riordino delle società finanziarie regionali, è altro: attraverso la presentazione di più di mille emendamenti su soli tre articoli di legge, si vuole conservare un passato inefficiente e inglorioso, come certificato anche dalla Banca d'Italia".

"Facciamo appello alle opposizioni affinché ritirino tutti gli emendamenti ostruzionistici per concentrarci su quelli propositivi e procedere insieme celermente all'approvazione di questa legge. Sono i cittadini e le imprese laziali che ci chiedono queste riforme con urgenza. Per questo, vedere consiglieri che chiedono la controprova del voto elettronico su votazioni per alzata di mano il cui esito è chiarissimo, solo per ritardare i lavori, non è un bello spettacolo. I cittadini possono vedere in modo trasparente chi sta utilizzando cavilli regolamentari per mantenere lo status quo e boicottare una semplice norma di taglio agli sprechi", ha concluso Petrangolini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio Lazio, Zingaretti, ‘su taglio società ostruzionismo Destra-M5s a difesa poltrone

FrosinoneToday è in caricamento