menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus fase 2, la protesta dell’Ugl Frosinone: “ritardi inaccettabili per la Cig covid-19”

Il Segretario Provinciale Enzo Valente lancia un nuovo appello al Governo. Da subito, il sindacato, aveva avanzato perplessità sull’utilizzo della Cassa integrazione in deroga che, dovendo passare per la Regione Lazio, avrebbe allungato il percorso

“I forti ed inaccettabili ritardi nell’erogazione della cassa integrazione in deroga sono il frutto di un iter macchinoso che da subito abbiamo contestato chiedendo al Governo, invano, di affrontare una situazione straordinaria con strumenti altrettanto straordinari. Si è scelto invece la via ordinaria con conseguenze negative ricadute tutte sulle spalle dei lavoratori e le loro famiglie. Oggi chiediamo all’esecutivo di non cadere nello stesso errore e, prima di emettere il nuovo decreto, cercare una modalità diretta per erogare le spettanze alle maestranze ormai allo stremo”.

Il Segretario Provinciale dell’UGL Frosinone Enzo Valente lancia un nuovo appello al Governo. Da subito, il sindacato, aveva avanzato perplessità sull’utilizzo della Cig in deroga che, dovendo passare per la Regione Lazio, avrebbe allungato il percorso. I fatti purtroppo hanno rivelato tutte le difficoltà ipotizzate che si affiancano a quelle già riscontrate per la mobilità in deroga per i lavoratori dell’Area di Crisi Complessa e Vertenza Frusinate, da mesi in attesa delle retribuzioni e pronti ad una dura protesta di piazza. Se ancora ci fosse un margine, il Governo dovrebbe rivedere le proprie decisioni.

“Sarebbe una mossa di buon senso – sottolinea Valente – se proprio in dirittura d’arrivo il Consiglio dei Ministri cambiasse rotta velocizzando l’iter per l’erogazione dell’ammortizzatore sociale vista la proroga di nove settimane della stessa. Invitiamo dunque a non commettere gli stessi errori perché in questo momento quello che conta è dare un sostegno alle migliaia di famiglie che attendono ancora di essere sostenute dallo Stato. Se verrà riproposto lo stesso sistema allora, già da adesso, dovremmo preparaci a portare in piazza i lavoratori perché sappiamo che di soldi non ne vedranno ancora per molte settimane. Chiediamo – conclude il Segretario dell’UGL Frosinone – che almeno questa volta Conte ci ascolti e faccia in modo di non affrontare l’emergenza straordinaria con gli inefficaci metodi tradizionali, un appello che arriva dall’intero territorio nazionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

  • Eventi

    Alatri, il Cristo nel Labirinto e le Mura Ciclopiche

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento